Spinacio


Sistematica dello Spinacio Spinacia oleracea L. (1753) sec. il sistema Cronquist

Superdominium/Superdominio: Biota
Dominium/Dominio o SuperRegnum/SuperRegno: Eucariotae Whittaker & Margulis, 1978
Regnum/Regno: Plantae Haeckel, 1866
Subregnum/Sottoregno: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivisio/Superdivisione: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Divisio/Divisione o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Subdivisio/Sottodivisione: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Classis/Classe: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass/sottoclasse: Caryophyllidae Takht., 1967
SuperOrdo/Superordine: Caryophyllanae Takht., 1967
Ordo/Ordine: Caryophyllales Perleb, 1826
Familia/Famiglia: Chenopodiaceae Vent. 1799
Tribus/Tribù: Spinacieae Moq., 1840
Subtribus/Sottotribù: Spinacinae Dumort., 1827
Genus/Genere: Spinacia L. (1753)
Species/Specie: Spinacia oleracea L. (1753)

Sistematica della specie Beta vulgaris L. 1753 sec. il sistema APG
Regnum/Regno: Plantae (Plants/Piante)
Clade: Angiosperme
Clade: Eudicotiledoni
Clade: Nucleo delle Eudicotiledoni
Familia/Famiglia: Chenopodiaceae Vent. 1799
Tribus/Tribù: Spinacieae Moq., 1840
Subtribus/Sottotribù: Spinacinae Dumort., 1827
Genus/Genere: Spinacia L. (1753)
Species/Specie: Spinacia oleracea L. (1753)



La specie Spinacia oleracea L. (1753) possiede un sinonimo, Spinacia domestica Borkh. , 1793.
La stessa specie è nota in alcune aree del mondo ed in alcune lingue con dei nomi comuni che si riportano di seguito:


Importanza economica, diffusione
Nel mondo, lo spinacio occupa una superficie di 895.103 ha e dà luogo ad una quantità di produzione di 14.958.727 t ed una resa di 16,71 t/ha. I dettagli di valori totali sono rappresentati nella tabella 1.

Tabella 1 – Superficie espressa in ettari (ha), quantità della produzione espressa in tonnellate (t), valore della produzione espressa in migliaia di dollari ($1000), resa per unità di superficie, espressa in tonnellate per ettaro (t/ha), per i principali Paesi del mondo (dati FAO, 2009).
Paese Superficie (ha) Produzione Resa (t/ha)
Quantità (t) Valore ($1000)
Cina
Indonesia
Turchia
Giappone
Stati Uniti d’America
Egitto
Bangdesh
Italia
Pakistan
Francia
Repubblica di Corea
Grecia
Kenia
Germania
Spagna
Olanda
Belgio
Australia
Tunisia
Messico
Perù
Svizzera
Irak
Portogallo
Iran
Giamaica
Canada
Albania
Nuova Zelanda
Austria
Colombia
Libano
Slovacchia
Ungheria
Romania
Giordania
Singapore
Cipro
Congo
Finlandia
Haiti
Emirati Arabi Uniti
Bulgaria
Slovenia
Kuwait
Lituania
Malta
Israele
710.500         
43.335         
24.000         
22.000         
20.315         
8.000         
7.797         
7.000         
6.770         
6.500         
6.282         
4.000         
3.651         
3.500         
2.300         
2.200         
2.153         
1.373         
1.300         
1.255         
1.202         
1.192         
1.000         
920         
700         
668         
662         
511         
450         
429         
312         
270         
246         
214         
191         
138         
105         
102         
100         
92         
65         
45         
40         
28         
25         
21         
20         
7         
12.862.005       
152.130       
225.343       
288.000       
369.770       
70.000       
44.030       
100.000       
82.239       
123.500       
93.441       
44.200       
47.463       
64.900       
66.000       
42.500       
90.000       
8.638       
15.000       
17.250       
19.618       
16.620       
3.000       
16.000       
10.000       
11.184       
5.081       
10.577       
2.150       
10.109       
5.300       
3.600       
2.028       
2.800       
1.412       
4.316       
2.105       
1.636       
1.200       
752       
850       
1.150       
433       
364       
1.000       
63       
315       
418       
5.111.779       
62.152       
92.228       
119.582       
144.393       
27.235       
17.988       
40.773       
33.598       
50.455       
38.175       
18.057       
19.391       
25.522       
26.964       
17.363       
36.769       
3.530       
6.130       
7.049       
8.017       
6.792       
1.226       
6.539       
4.087       
4.570       
2.076       
4.322       
879       
4.131       
2.166       
1.471       
829       
1.144       
577       
1.764       
860       
669       
490       
307       
347       
470       
177       
149       
409       
26       
129       
171       
18,10           
3,51           
9,39           
13,09           
18,20           
8,75           
5,65           
14,29           
12,15           
20,00           
14,87           
11,05           
13,00           
18,54           
28,70           
19,32           
41,80           
6,29           
11,54           
13,75           
16,32           
14,26           
3,00           
17,93           
14,29           
16,74           
7,68           
20,70           
4,78           
23,56           
16,99           
13,33           
8,24           
13,08           
7,39           
31,28           
20,05           
16,04           
12,00           
8,17           
13,08           
25,56           
10,83           
13,00           
40,00           
3,00           
15,75           
59,71           


Nel quadro dell'orticoltura nazionale, la coltivazione dello spinacio ha sempre occupato una posizione di importanza secondaria, sia in termini di superficie occupata e sia di valore della produzione ottenuta. Osservando le caratteristiche evolutive di questa specie, sulla base delle variazioni della superficie investita in Italia, si nota, inoltre, una costante tendenza alla riduzione che si evidenzia con il passaggio dai 9.500 ha complessivi del 1970 ai 6.464 ha del 2002. Attualmente (FAO, 2009) la produzione italiana interessa circa 7.000 ha, ammonta quantitativamente a circa 100.000 t, corrispondente ad una resa di 14,29 t/ha. Il valore economico della produzione italiana è stimato intorno ai 41 milioni di dollari.
L’aumento della produzione unitaria, che si è manifestato in misura costante sino al 2009 con valori (media nazionale) di oltre 14 t/ha, ha solo in parte compensato la riduzione delle superfici.
La superficie in coltura protetta coperta dallo spinacio, attualmente, è di circa 268 ha, con una resa di 17,93 t/ha.
L'importanza che la coltura assume nelle diverse regioni italiane non ha subito sostanziali modifiche per cui la Puglia, Abruzzi, Emilia e Romagna, Lazio, Lombardia e Piemonte risultano, nell’ordine, le più interessate, quanto a superficie coltivata.

Caratteri botanici,, biologia e fisiologia
Lo spinacio sembra originario delle regioni del Caucaso dalle quali venne introdotto in Europa verso il XVI secolo.
Pianta erbacea, annua, con radice fittonante, nei primi stadi di accrescimento presenta la tipica forma a rosetta costituita da foglie più o meno lungamente picciolate; la forma della lamina, considerevolmente variabile in rapporto alle cultivar, è prevalentemente triangolare od ovato-oblunga o saettiforme, con superficie ondulata o bollosa; il colore varia dal verde intenso al verde chiaro; le foglie basali, che costituiscono la rosetta, sono di dimensioni variabili, ma maggiori di quelle che si formano successivamente e progressivamente sullo stelo.
Alla fase di rosetta della pianta, di diversa durata soprattutto in rapporto alle condizioni climatiche, segue la formazione del fusto che porta le strutture fiorali e che può raggiungere altezza variabile, da 30 a 100 cm.
Per quanto riguarda l’espressione sessuale, pur essendo lo spinacio una pianta essenzialmente dioica, si possono incontrare numerose forme sessuali che vanno dalla comparsa di individui completamente maschili sino ad altri completamente femminili, passando attraverso casi intermedi con individui ad attitudine femminile molto variabile essendo determinata dalla presenza di fiori ermafroditi o unisessuati (femminili). Le piante intersessuate si distinguono anche in base alla localizzazione dei fiori di sesso diverso sull'asse fiorate: il caso più comune è quello rappresentato da fiori femminili localizzati nella parte basale dello stelo, gli ermafroditi in quella centrale ed i maschili nella parte distale. Il comportamento sessuale dello spinacio assume interesse anche sul piano pratico in quanto le piante dei due sessi presentano caratteristiche produttive e qualitative diverse: in quelle femminili gli steli fiorali compaiono più tardi, hanno un più elevato numero di foglie basali ed un più alto contenuto in vitamina A e C.
I fiori sono molto piccoli: quelli maschili sono formati da quattro stami racchiusi dentro il perigonio che viene lacerato con la fuoriuscita delle antere; quelli femminili presentano uno pseudocarpo dalla cui apertura superiore fuoriescono gli stili; vi sono ancora fiori bisessuati, ma nettamente proterogini, ed altri morfologicamente ermafroditi, ma con funzione quasi esclusivamente femminile.
Il frutto (comunemente scambiato per il seme) è un achenio che racchiude il seme rivestendolo con i residui fiorali coriacei e membranosi, inermi o aculeati.
Il peso di 1000 semi è di circa 10 g, un litro di seme pesa 400-500 g ed 1 grammo ne contiene 90-100.
Lo spinacio è considerata specie longidiurna: tuttavia, nell’ambito delle numerose cultivar, le esigenze di durata del fotoperiodo, per la formazione dello stelo e dei fiori, sono molto diverse e variabili da condizioni strette di fotoperiodo lungo ad altre di fotoperiodo simile a quello di specie neutrodiurne.
Le basse temperature, comprese tra 2 e 8 °C, accelerano la formazione delle strutture riproduttive inducendo una riduzione delle necessità di lunghezza del giorno; temperature comprese tra 9 e 12 °C accelerano la formazione del solo stelo fiorate.
La durata del ciclo colturale dello spinacio, dalla semina alla raccolta, è in gran parte determinata dai fattori che influenzano la formazione dello stelo fiorale e la fioritura.
La precocità di una cultivar è soprattutto determinata dalle sue esigenze fotoperiodiche: quanto più bassa è la richiesta di lunghezza del giorno, tanto più elevato risulta il ritmo di accrescimento, quindi più precoce è la cultivar.
La precocità delle cultivar non è influenzata dalla temperatura e dall'intensità della luce poiché questi fattori influiscono su tutte le cultivar in modo simile a quanto avviene per le loro esigenze fotoperiodiche.
Lo spinacio è una tra le specie più tolleranti alla salinità.

Esigenze e adattamento ambientale
Le temperature ottimali per la germinazione del seme, anche in funzione del tempo occorrente per tale processo, sono comprese tra 20 e 25 °C. Tuttavia, già a valori di temperatura tra 10 e 15 °C, il coefficiente di uniformità (numero di giorni intercorrenti tra la germinazione del 10% e del 90% dei semi effettivamente germinati) è di circa 4 giorni.
Per la coltivazione, pur presentando una notevole adattabilità al clima, soprattutto in condizioni di giorno lungo, sono preferibili temperature miti per non favorire il passaggio allo stadio riproduttivo.
La temperatura ha un duplice effetto sulla produzione: quando è bassa aumenta la velocità di accrescimento, determinando una riduzione della produzione; quando è elevata influenza il ritmo di sviluppo più che l’accrescimento e anche in questo caso la produzione diminuisce: questi effetti sono indipendenti dal fotoperiodo.
Nelle condizioni climatiche dell’Europa centrale, la coltura primaverile fornisce produzioni tanto più elevate quanto più la cultivar è tardiva; la produzione di tutte le cultivar aumenta con semine tardive con un periodo ottimale, per l'ottenimento della più elevata produzione, nella prima metà di aprile. Semine successive portano ad una consistente riduzione di produzione. In autunno, la data ottimale di semina è tanto più precoce quanto più è tardiva la cultivar.
Lo zero di vegetazione si colloca tra 4 e 5 °C, ma la pianta può sopportare, senza gravi danni, temperature inferiori a 0 °C, purché non permangano a lungo.
Per ottenere elevate produzioni, anche sotto l’aspetto qualitativo, è necessario destinare allo spinacio terreni sciolti, perfettamente drenati, per evitare dannosi ristagni d’acqua durante i mesi a piovosità elevata; il contenuto in sostanza organica, purché perfettamente umificata, è opportuno sia elevato anche per i favorevoli effetti che determina sulle caratteristiche idriche del terreno stesso. Il pH ottimale è attorno a valori di 6,5.

Avvicendamenti
Gli elementi che determinano l’inserimento dello spinacio nell’avvicendamento sono la brevità del periodo colturale (45-65 giorni) e la possibilità di effettuare la coltura in periodi dell'anno motto diversi. Per il primo aspetto lo spinacio è considerato una coltura intercalare trovando possibile collocazione tra due colture principali, ma può assumere anche la funzione di coltura da rinnovo in quanto gli interventi al terreno (dotazione di elementi nutritivi, effetto delle lavorazioni, ecc.) non si esauriscono con la coltura stessa. Non risulta, tuttavia, di particolare importanza definire con precisione il posto occupato dallo spinacio nell'avvicendamento colturale: infatti nel quadro dei moderni orientamenti, si tende a eliminare schemi troppo rigidi sia per l’ampia disponibilità di mezzi tecnici sia perché questa specie viene prevalentemente coltivata in aziende ad indirizzo orticolo nelle quali le successioni colturali sono dettate da specifiche esigenze tecniche ed economiche. In particolare, oltre ad evitare la successione a se stesso o ad altra specie della medesima famiglia, l'aspetto che deve essere considerato con la massima attenzione è quello del diserbo chimico in funzione della brevità del ciclo colturale: si devono impiegare principi diserbanti con persistenza nel terreno non superiore alla durata della coltura, oppure che presentino selettività anche nei confronti di quella successiva.

Preparazione del terreno
Poiché lo spinacio viene largamente coltivato anche in stagioni caratterizzate da abbondanti precipitazioni, la preparazione del terreno richiede specifica attenzione al fine di ridurre i rischi di ristagni d'acqua particolarmente dannosi alla pianta, anche sul piano qualitativo (ingiallimento delle foglie esterne). Si ricorre pertanto ad una aratura piuttosto profonda, se rapportata allo sviluppo dell'apparato radicale, dell'ordine di 35-40 cm, al fine di favorire lo sgrondo delle acque. Le operazioni di amminutamento superficiale per la preparazione del letto di semina sono accompagnate dal livellamento della superficie, soprattutto necessaria con la raccolta meccanica. Quando la coltura viene effettuata su terreni che presentino difficoltà di sgrondo delle acque ed il ciclo colturale si svolge in periodi ad elevata piovosità, si preferisce sistemare il terreno a prose, delimitate lateralmente da solchi che assumono la funzione di drenaggio delle acque oltre che, con la raccolta meccanica, di zona di transito delle ruote delle macchine. La larghezza delle prose è variabile tra 1,0 m e 1,5 m con raccolta manuale, mentre è in funzione del passo delle macchine con la raccolta meccanica.

Concimazione
La determinazione dei fabbisogni nutritivi si basa, come per altre specie, sul principio del reintegro delle asportazioni tenendo anche conto sia del tipo di raccolta (unica o scalare) e sia dell'epoca colturale che determina una variazione, anche sensibile, del ciclo vegetativo e, quindi, delle possibili perdite di elementi nutritivi.
Pur nella loro variabilità, i dati a disposizione forniscono informazioni sufficientemente omogenee in merito alle esigenze nutritive dello spinacio che risulta, pertanto, una specie con considerevoli fabbisogni in azoto e potassio, più scarsi in fosforo. Il rapporto di concimazione mediamente più appropriato è di 1,5-23 : 1,0 : 2,0-3,0). Sul piano pratico. considerando una produzione media di 13-14 t/ha di sostanza fresca e operando in terreni usualmente destinati a specie ortive e, quindi, normalmente già dotati di elementi nutritivi, si possono somministrare 100-150 kg/ha di N, 70-100 kg/ha di P2O5, 150-180 kg/ha di K2O.
Gli apporti di azoto subiscono incrementi anche considerevoli nel caso di coltura autunno-vernina per compensare le perdite di questo elemento causate dalle piogge normalmente abbondanti.
L’effetto di elevati quantitativi di azoto, pur incidendo favorevolmente sulla produzione, determina un incremento del contenuto di nitrati e di acido ossalico delle foglie con aspetti negativi sulle caratteristiche dietetiche.
In merito alla velocità di assorbimento degli elementi nutritivi, alcune ricerche hanno messo in luce, su una coltura primaverile, un incremento considerevole del peso fresco, pari al 68% della produzione totale, concentrato nei 21 giorni precedenti la raccolta; nello stesso periodo le piante hanno assorbito dal terreno il 60% degli elementi nutritivi.
Queste informazioni giustificano la pratica di distribuire l’azoto in copertura, in elevata percentuale sul dosaggio complessivo (60-70%), concentrando gli interventi quando si ha il maggiore incremento nell’accrescimento fogliare. Tale pratica assume determinante importanza in situazioni climatiche di accentuata piovosità. La distribuzione dei concimi fosfatici e potassici può avvenire con i lavori preparatori del terreno, avendo però cura di non interrare i fertilizzanti oltre i 15-20 cm.
L'apporto di sostanza organica alla coltura precedente risulta favorevole perché aumenta la produttività.

Semina
La semina deve essere effettuata con temperature tra 10 e 25 °C al fine di non avere eccessivi ritardi di germinazione e ridotta germinabilità. Il seme deve essere posto alla profondità di 1,0-1,5 cm e, in casi particolari, può essere utile una rullatura, per favorirne l'imbibizione.
La quantità di seme da impiegare varia con la cultivar e con la raccolta, manuale o meccanica. Si passa così dai 20-25 kg/ha per le cultivar destinate al consumo fresco a raccolta manuale, sino ai 35-40 kg/ha di seme per quelle da industria a raccolta meccanica. In quest'ultimo caso l'elevata densità di semina, oltre ad aumentare la produzione, ha lo scopo di far assumere alle foglie un portamento eretto che favorisce l'operazione di taglio.
La semina viene normalmente effettuata a file, con seminatrici, senza eccezioni sul metodo per le coltivazioni destinate all'industria; la semina a spaglio si adotta soltanto su piccole superfici, in aziende orticole.
La distanza tra le file, nel caso di raccolta meccanica, si riduce a 15-20 cm e, sulla fila, a 5-7 cm: in tal modo si ottiene una densità di circa 100 piante/m2 che, però, può aumentare con cultivar ad accrescimento contenuto. Con la raccolta manuale la distanza tra le file passa a 25-30 cm.
L’epoca di semina è in funzione del periodo colturale che può svolgersi in primavera, estate, estate-autunno, autunno-inverno. La coltura nel periodo estivo ha scarsissimo interesse per la qualità scadente delle produzioni e per la loro esiguità. Per la destinazione all'industria, le semine possono essere effettuate da fine febbraio a fine marzo e da fine agosto a fine settembre.
Per il consumo fresco, nelle regioni centro-meridionali, assume notevole importanza la coltura autunno-invernale (produzioni da novembre a marzo). Le semine in questo caso vengono effettuate in modo differenziato, a partire da settembre.
Per la coltura primaverile e quella autunnale, sempre destinate al mercato fresco, risultano più interessate le regioni settentrionali, dove le semine vengono effettuate, rispettivamente, a fine febbraio-marzo e fine agosto-inizio di settembre.

Lotta alle malerbe
Si può intervenire con la sarchiatura solo se la semina è stata effettuata a file sufficientemente distanziate.
Nelle coltivazioni per l’industria, data la tendenza a ridurre notevolmente la distanza tra le file, la lotta alle malerbe è effettuata con i diserbanti chimici. 1 principi attivi maggiormente impiegati in pre-semina sono il lenacil e il cycloate. In pre-emergenza si possono usare miscele di lenacil e ganon (benzthiazuron), mentre in post-emergenza phenmediphan e prodotti graminicidi, qualora siano presenti infestanti graminacee.

Irrigazione
Per la ridotta espansione dell'apparato radicale e per la tendenza alla prefioritura in condizioni di carenza idrica, lo spinacio richiede una costante disponibilità di acqua nel terreno. L'irrigazione viene effettuata con il metodo per aspersione con media intensità di pioggia. Generalmente, nel periodo estivo-autunnale, sono sufficienti, data la brevità del ciclo colturale, da 3 a 5 interventi per soddisfare le esigenze della coltura.

Raccolta
Quella manuale è ancora la più in uso per produzioni destinate al consumo fresco: incide, tuttavia, in misura notevole sul costo di produzione in quanto assorbe oltre l’80% della manodopera necessaria per tutte le operazioni dell'intero ciclo colturale.
Viene effettuata a più riprese asportando le foglie esterne più sviluppate o, più frequentemente, l'intera pianta; in quest'ultimo caso si opera anche un diradamento consentendo un maggior accrescimento delle piante più piccole.
La raccolta a foglie singole si attua soprattutto per produzioni destinate all’esportazione.
Le produzioni, in funzione delle cultivar e del periodo colturale, possono variare tra 10 e 20 t/ha. La raccolta meccanica richiede, oltre ad una opportuna scelta varietale, una accurata preparazione del terreno sia per evitare ristagni d’acqua che ostacolano l'avanzamento delle macchine raccoglitrici e dei mezzi di trasporto del materiale e sia per consentire un perfetto taglio delle foglie. La scelta delle cultivar va orientata verso quelle a portamento eretto.
Le macchine raccoglitrici sono schematicamente costituite da un apparato di taglio formato da una barra falciante e da un convogliatore elevatore con il compito di portare le foglie tagliate ai nastri trasportatori che le trasferiscono al carro che affianca la macchina raccoglitrice stessa.

Destinazione del prodotto, utilizzazione e valore nutritivo
Lo spinacio presenta una duplice utilizzazione: per il mercato del fresco e per la trasformazione industriale.
Per il mercato fresco vengono preferite le cultivar a foglia bollosa e picciolo corto, con cespi compatti e di media grandezza. Il prodotto si può presentare in foglie singole, oppure in cespi (piante intere), a seconda del tipo di raccolta effettuata.
L’industria di trasformazione, che assorbe circa il 25% della produzione nazionale, utilizza esclusivamente prodotto in foglie per la preparazione di surgelati e appertizzati. In questo caso le foglie devono essere lisce o poco bollose per facilitare l'operazione di lavaggio, il picciolo di ridotte dimensioni per avere un elevato rapporto lamina-picciolo. Inoltre devono essere consistenti ed in grado di mantenere il turgore fogliare, possedere elevato contenuto in sostanza secca e in vitamine, basso contenuto in acido ossalico, presentare colore verde scuro uniforme con lievi differenze tra la colorazione della lamina e quella del picciolo. Tra le caratteristiche organolettiche assumono importanza l'assenza di fibrosità e di sapori estranei.
Per l’esportazione nell’ambito dell’UE, sono previste norme diverse a seconda del tipo di foglia: liscia o bollosa.
Le caratteristiche minime prevedono che le piante siano sane (senza lesioni e attacchi parassitari), fresche, pulite, prive di stelo fiorifero e di odori e sapori anormali.
Si ha, quindi, una classificazione in 2 categorie: prima e seconda. Nella prima categoria, che comprende prodotto sia in foglie e sia in cespi, oltre alle caratteristiche minime prima accennate, le foglie devono presentarsi intere, di colore e aspetto normali, senza danni da gelo. La tolleranza è del 10%, in peso, di materiale con caratteristiche della seconda categoria. Nella seconda categoria rientrano gli spinaci che non sono classificabili nella prima categoria, ma che rispondono alle caratteristiche minime: possono presentare lievi lesioni, lievi danni da gelo, da parassiti animali e da malattie.
Il valore nutritivo dello spinacio è tra i più elevati, nell'ambito delle specie ortive, per l’alto contenuto sia in sali minerali, sia in vitamine e proteine.
Gli elementi minerali più rappresentati sono il ferro, il fosforo, il magnesio, il potassio, il solfo e, soprattutto, il calcio. Tra le vitamine risulta elevato il contenuto della A e della C, pur essendo presenti anche molte altre. Tra gli acidi organici il malico e l’ossalico in elevata quantità: quest'ultimo talora dannoso nell’alimentazione di soggetti con disfunzioni epatiche o renali.

Cultivar
Le cultivar di spinacio esistenti in commercio sono molto numerose e comprendono anche ibridi F1.
I caratteri ricercati nelle cultivar, indipendentemente dal tipo di coltura e in aggiunta alle caratteristiche qualitative sopra indicate, sono: In commercio esistono attualmente coltivar resistenti ad alcuni ceppi di peronospora, virus e alla prefioritura. Ogni anno vengono immesse sul mercato numerose nuove costituzioni; a titolo di esempio si possono ricordare: Seguono le immagini di alcune delle principali varietà di spinacio:
  1. ”Spinacio gigante d’inverno” (figura 1) che si presta alle semine di agosto-settembre per raccolto autunno-invernale e in ottobre per raccolto in febbraio-marzo. Le foglie, di colore verde scuro, sono ampie e carnose. Va seminato abbastanza rado.
  2. ”Spinacio della Nuova Zelanda” (figura 2) è uno spinacio perenne che si semina a buche distanti 70-80 cm. da aprile a giugno. Il seme prima di essere interrato a 3-4 cm di profondità, va tenuto a macero nell’acqua per due giorni. Si staccano le foglie senza strappare la pianta che rivegeta. Si può anche seminare in autunno.
  3. ”Spinacio Matador” (figura 3) si semina rado da febbraio a maggio, viene raccolto da aprile a settembre. È la migliore fra le varietà a foglie larghe, scure, di rapida crescita.
  4. “Spinacio mostruoso viroflay” (figura 4) si semina in ogni stagione, ma se seminato in agosto-settembre produce da novembre a dicembre in modo ineguagliabile per la particolare ampiezza delle foglie parzialmente bollose, tenere, carnose e di ottimo sapore che, talvolta, raggiungono fino i 25 cm di larghezza. La pianta è estremamente vigorosa. Va detto che, pur essendo una vecchia varietà, ancora oggi è assai richiesta sia per il mercato fresco, sia per l’uso familiare.
  5. “Spinacio viking” (figura 5) che ha la prerogativa di poter essere seminato in ogni mese dell’anno. Durante i forti calori se bene annaffiato non monta a seme, d'inverno sopporta il freddo. Va seminato assai rado per le eccezionali dimensioni delle foglie.
  6. “Spinacio merlo nero” (figura 6) è lento a montare a seme. Cespo a portamento eretto formato da foglie leggermente bollose, carnose, verde intenso. Semine primaverili e autunnali per la buona resistenza al freddo.
  7. “Spinacio ibrido F1 Tyee” (figura 7), varietà caratterizzata da una elevata tolleranza alla prefioritura e, per tale motivo, adatta alle semine di tarda primavera-estate e più in generale nei periodi caldi. Le foglie sono erette, bollose, di colore verde scuro, molto consistenti e pesanti. Ottima resistenza a tre razze di Peronospora farinosa, (Fr.) Fr., (1849) f. sp.spinaceae Byford (1967), note, ciascuna, con le sigle P1, P2 e P3, dove la lettera P è l’acronimo di Peronospora.
  8. ”Spinacio hybrid F1 Melody” (figura 8) è un ibrido recentissimo dal fogliame semibolloso, di colore verde intenso, la cui pianta è a ciclo medio tardivo, con buona resistenza alla salita a seme. A seconda delle diverse località pedoclimatiche della Penisola italiana e delle isole maggiori va seminato da gennaio a tutto aprile come pure da agosto a tutto il mese di ottobre. Normalmente la semina viene effettuata in ragione di 5-8 g di seme a m2, rispettando la distanza di circa 20 cm tra le file.
  9. “Spinacio Simphonie F1” (figura 9) medio-precoce, a foglia liscia, per industria e mercato.
  10. ”Spinacio Riccio d’Asti” (figura 10), medio-precoce, a foglia riccia, lento a montare.
  11. ”Spinacio America” (figura 11), medio-tardivo, a foglia riccia, per mercato fresco.
  12. “Spinacio hearly hybrid n. 7 F1” (figura 12), ibrido medio-precoce, a foglia semi-bollosa.

Figura 1 – Spinacio “Gigante d’inverno”.

Figura 2 – Spinacio “Nuova Zelanda”.
Figura 3 – Spinacio “Matador”.
Figura 4 – Spinacio “Mostruoso di viroflay”.
Figura 5 – Spinacio “Viking”.
Figura 6 – Spinacio “Merlo nero”.

Figura 7 – Spinacio ibrido F1 “Tyee”. Figura 8 – Spinacio ibrido F1 “Melody”. Figura 9 – Spinacio F1 “Simphonie”. Figura 10 – Spinacio “Riccio d’Asti”.

Figura 11 – Spinacio “America”. Figura 12 – Spinacio ibrido F1 “Hearly n. 7”.


Avversità
La Peronospora dello spinacio, Peronospora farinosa, (Fr.) Fr., (1849) f. p.spinaceae Byford (1967), è la più comune e dannosa malattia dello spinacio. Si manifesta soprattutto sulle foglie che diventano bollose, si disseccano e cadono. L'infezione avviene in condizioni di elevata umidità e temperatura compresa tra 8 e 18 °C, per cui è più temibile nei mesi autunnali e invernali.
Si possono anche avere attacchi da marciumi provocati da funghi del genere Pythium e da Rhizoctonia solani Kühn che causano danni principalmente all’apparato radicale. La lotta si effettua con trattamenti al seme.
Tra i virus è da ricordare quello del mosaico del cetriolo che provoca ingiallimenti e necrosi delle foglie adulte e deperimento della pianta. Il virus, trasmesso da afidi, provoca gravi danni alle colture.
Tra gli insetti dannosi si ricordano la Phlogophora meticulosa Linneo, 1758 (figura 13), un lepidottero nottuide, le cui larve danneggiano le piante in ogni stadio, la mosca della barbabietola, il dittero Anthomyidae Pegomyia betae (Curtis) 1847, le cui larve risultano minatrici delle foglie con danni che risultano più gravi se l'attacco avviene su piante giovani.

Figura 13 – Adulto del lepidottero Phlogophora meticulosa Linneo, 1758.


L'altica (Chaetocnema tibialis Illige, 1807), è un coleottero che provoca danni talora gravi, rodendo le foglie dalla pagina inferiore che appare come crivellata di fori.
Numerose sono, inoltre, le specie di afidi presenti su spinacio. anche responsabili della trasmissione dei virus.

Top

Ritorna a Presentazione

Ritorna alla Home page



Questa pagina è stata visitata volte

© Fiume Francesco 2005