Parsley



Taxonomy of the Parsley

according to Cronquist System
Superdominium/Superdomain: Biota
Dominium/SuperKingdom: Eukarya
Regnum/Kingdom: Plantae
SubRegnum/SubKingdom: Tracheobionta
Superdivisio/Superdivision: Spermatophyta
Divisio/Division: MagnoliophytaCronquist, 1996 (Piante con fiori)
Subdivisio/Subdivision: MagnoliophytinaFrohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Classis/Class: Rosopsida Batsch, 1788
SubClassis/SubClass: Cornidae Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1994
SuperOrdo/SuperOrder: Aralianae Takht., 1967
Ordo/Order: Araliales Reveal, 1996
Familia/Famiglia: Apiaceae Lindl. 1836, or Umbelliferae Juss., 1789
Subfamilia/Subfamily: Apioideae Seem. 1866
Tribus/Tribe: Apieae
Genus: Petroselinum J. Hill, 1756

Taxonomy of the Parsley:

according to APG System
Regnum/Kingdom: Plantae
Clade: Angiosperm
Clade: Eudicots
Clade: Angiosperm tricolpate
Clade: Core tricolpate
Clade: Rosids
Clade: Eurosids I
SubClassis/SubClass: Cornidae Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1994
SuperOrdo/SuperOrder: Aralianae Takht., 1967
Ordo/Order: Araliales Reveal, 1996
Familia/Famiglia: Apiaceae Lindl. 1836, or Umbelliferae Juss., 1789
Subfamilia/Subfamily: Apioideae Seem. 1866
Tribus/Tribe: Apieae
Genus: Petroselinum J. Hill, 1756



Petroselinum crispum (P. Mill. 1754) Nyman, 1882, ex A.W. Hill, 1925
The synonyms of the Petroselinum crispum in literature indicated are:
The common names of the parsley in the world are the following:
  • ARABIC : بقدونس Baqdunis, مقدونس Maqdunis.
  • BULGARIAN : Магданоз Magdanoz.
  • CHINESE : 欧芹 Ou qin.
  • CROATIAN : Peršin.
  • CZECH : Petržel.
  • DANISH : Persille.
  • ENGLISH : Common parsley.
  • FINNISH : Persilja.
  • FRENCH : Persil commun.
  • GERMAN : Blattpetersilie, Petersilie.
  • GREEK : Μαϊντανό Maïntano, Μαϊντανός Maïntanos, Μακεδονίσι Makedonisi, Περσέμολο Persemolo.
  • HEBREW : פטרוזיליה Petrosilia.
  • HUNGARIAN : Petrezselyem.
  • ITALIAN : Prezzemolo.
  • JAPANESE : パセリ Paseri.
  • KOREAN : 파슬리 Pa sul li.
  • KHMER : Vanns baraing.
  • POLISH : Pietruszka zwyczajna.
  • PORTUGUESE : Salsa.
  • RUSSIAN : Петрушка Petrushka.
  • SERBIAN : Peršun.
  • SLOVENIAN : Peteršilj .
  • SLOVAKIAN : Petržlen záhradný.
  • SPANISH : Perejil.
  • SWEDISH : Bladpersilja, Persilja.
  • THAI : ผักชีฝรั่ง Phak chi farang.
  • TURKISH : Maydanoz.
  • VIETNAMESE : Rau mùi tây.
    Parsley, or Garden Parsley for precision (Petroselinum crispum) is a species of Petroselinum , native to the central Mediterranean region (Iran, southern Italy, Algeria and Tunisia), naturalised elsewhere in Europe, and widely cultivated as a herb, a spice and a vegetable.

    Botanical characteristics, biology and physiology
    Garden parsley is a bright green hairless biennial herbaceous plant in temperate climates, an annual herb in sub-tropical and tropical areas.
    Where it grows as a biennial; in the first year, it forms a rosette of tripinnate leaves 10–25 cm long with numerous 1–3 cm leaflets, and a tap root used as a food store over the winter. In the second year it grows a flowering stem to 75 cm tall with sparser leaves and flat-topped 3–10 cm diameter umbels with numerous 2 mm diameter yellow to yellowish-green flowers. The seeds are ovoid, 2-3 mm long, with prominent style remnants at the apex. The plant normally dies after seed maturation.

    Cultivation
    Parsley grows best in moist, well drained soil, with full sun. It grows best between 22-30 °C, and is usually grown from seed. Germination is slow, taking four to six weeks, and often difficult because of Furanocoumarins in its seed coat. Plants grown for the leaf crop are typically spaced 10 cm apart, while those grown as a root crop are typically spaced 20 cm apart to allow for the root development.
    Parsley attracts some wildlife. Some swallowtail butterflies use parsley as a host plant for their larvae; their caterpillars are black and green striped with yellow dots, and will feed on parsley for two weeks before turning into butterflies. Bees and other nectar-feeding insects visit the flowers. Seed eaters such as the goldfinch feed on the seeds.

    Cultivars
    In cultivation, Garden Parsley is subdivided into several cultivar groups depending on the form of the plant, which is related to its end use. These are often treated as botanical varieties, but are cultivated selections, not of natural botanical origin.

    Leaf parsley
    The two main groups of parsley used as herbs are curly leaf (Petroselinum crispum Crispum Group; syn. Petroselinum crispum var. crispum) and Italian, or flat leaf (Petroselinum crispum Neapolitanum Group; syn. Petroselinum crispum var. neapolitanum); of these, the Neapolitanum Group more closely resembles the natural wild species. One of the compounds of the essential oil is apiol. Flat-leaved parsley is preferred by some as it easier to cultivate, being more tolerant of both rain and sunshine, and has a stronger taste (though this is disputed), while curly leaf parsley is preferred by others because of its more decorative appearance in garnishing. The produce code for parsley is 4899. A third type, sometimes grown in southern Italy, has thick, celery-like leaf stems.

    Root parsley
    Another type of parsley is grown as a root vegetable, the Hamburg root parsley (Petroselinum crispum Radicosum Group, syn. Petroselinum crispum var. tuberosum). This type of parsley produces much thicker roots than types cultivated for their leaves. Although little used in Britain and the United States, root parsley is very common in central and eastern European cuisine, used in soups and stews.
    Though it looks similar to a parsnip it tastes quite different. Although parsnips are among the closest relatives of parsley in the family Apiaceae, the similarity of the names is a coincidence, parsnip meaning "forked turnip"; it is not closely related to real turnips.
    Tre sono le specie di prezzemolo che si possono coltivare e che sono di seguito elencate:
    Petroselinum hortense questa specie, come le altre sopra menzionate, come è stato già detto, ha origine nell’area del Mediterraneo, è utilizzata soprattutto in cucina per insaporire minestre, pesce, sughi. Di questa pianta si usano tutte le parti tranne le radici. I fiori sono piccoli. Questa specie di prezzemolo gradisce un terreno di tipo leggero e ricco di sostanza organica.
    Petroselinum crispum, non è molto coltivata in Italia, viene usata soprattutto in cucina come elemento decorativo per i piatti serviti nelle regioni della Scandinavia. Come dice il nome stesso, questo prezzemolo ha foglie ricce.
    Sono poi note delle suddette specie alcune varietà botaniche delle quali la più nota è Petroselinum sativum var. tuberosum che si coltiva per la radice commestibile, simile ad una carota (figura 1a).
    Petroselinum sativum é la più importante delle tre specie ed è abbastanza diffusa in coltivazione, tant'è che se ne distinguono almeno le seguenti tre varietà botaniche, diverse per dimensione, forma, intensità dell’aroma delle foglie: Petroselinum sativum var. typicum, Petroselinum sativum var. crispum e Petroselinum sativum var. latifolium, la cui denominazione e di per sé abbastanza indicativa.
    La specie é biennale. la coltura ortiva si conclude entro l’anno, mentre quella da seme richiede una fase di vernalizzazione ed un'altra di fotoperiodo lungo.

    Figure 1a - Petroselinum sativum var. tuberosum si coltiva per la radice commestibile.

    Figure 1b – Una ricca fioritura con le tipiche ombrelle a fiori bianchi di Petroselinum sativum.


    Varietà
    “Comune Gigante d’Italia” (figure 2): detto anche Sellerina. Di buon sviluppo e di abbondante resa non dovrebbe mancare in ogni orto di famiglia e di comunità in genere. Varietà coltivabile sul balcone-terrazzo.
    “Gigante di Napoli” (figure 3): medio-precoce. Foglia verde brillante. “Prezzemolo comune 2” (figure 4): rustico, precoce. Resistente ai geli. E’ il più aromatico e profumato. Il periodo di semina va da febbraio a ottobre, luglio escluso. Si semina direttamente a dimora a spaglio o a file. La quantità di seme occorrente è di g 70-80 per m2 100 di terreno. Le distanze sono 25-30 cm tra le file e 3-5 cm. lungo le file. Si raccoglie recidendo le foglie al piede. E’ una varietà coltivabile sul balcone o sul terrazzo.
    “Nano riccio verde scuro” (figure 5): portamento nano. Foglie crespe, finemente dentellate, di ottimo aroma.
    “Titan” (figure 6): liscio, profumatissimo. La taglia delle piante è media, con foglie di colore verde molto scuro. Titan ricresce molto velocemente dopo il taglio.
    “Genovese” (figure 7): early variety with dark green leaf that is very aromatic.
    Prezzemolo a “Radice” (figure 8): It belongs to the botanical variety Petroselinum sativum var. tuberosum. This variety have a tap root and it is very aromatic.

    Figure 2 - Parsley “Comune Gigante d’Italia”.

    Figure 3 - Parsley “Gigante di Napoli”.

    Figure 4 - Parsley “comune 2”.

    Figure 5 – Parsley “Nano riccio verde scuro”.

    Figure 6 – Parsley “Titan”.

    Figure 7 – Parsley “Genovese”.


    Figure 8 – Parsley “Radice”.




    Companion plants
    Parsley is widely used as a companion plant in gardens. Like many other members of the carrot family (umbellifers), it attracts predatory insects, including wasps and predatory flies to gardens, which then tend to protect plants nearby. For example, they are especially useful for protecting tomato plants as the wasps that kill tomato hornworms also eat nectar from parsley. It offers protection even in its first year as the strong scent of the parsley leaves appear to mingle with the tomato scent and confuses the search algorithm of the tomato moth.

    Culinary use
    Parsley is widely used in Middle Eastern, European, and American cooking. Curly leaf parsley is often used as a garnish. In modern cooking, parsley is used for its leaf in much the same way as coriander (also known as Chinese parsley or cilantro), although parsley is perceived to have a milder taste. In central and eastern Europe and in western Asia, many dishes are served with fresh green chopped parsley sprinkled on top. Green parsley is often used as a garnish, with potato dishes (boiled buttered potatoes or mashed potato), with rice dishes (risotto or pilaf), with fish, fried chicken, lamb or goose, steaks, meat or vegetable stews (like beef bourguignon, goulash or chicken paprikash).
    In southern and central Europe, parsley is part of bouquet garni, a bundle of fresh herbs used as an ingredient in stocks, soups, and sauces. Freshly chopped green parsley is used as a topping for soups like chicken soup, green salads or salads like Salade Olivier, on open sandwiches with cold cuts or pâtés. Parsley is a key ingredient in several western Asian salads, e.g., tabbouleh (the national dish of Lebanon, also called terchots by Armenians from Van, historic Armenia). Persillade is a mixture of chopped garlic and chopped parsley used in French cuisine. Gremolata is a traditional accompaniment to the Italian veal stew, ossobuco alla milanese, a mixture of parsley, garlic, and lemon zest. Parsley is the most abundantly used herbs in Spanish cuisine. Its preferred uses are in paste and dressing.
    Root parsley is very common in central and eastern European cuisines, where it is used as a soup vegetable in many soups and in meat or vegetable stews and casseroles.

    Medicinal uses
    Parsley tea may be used as an enema.
    Chinese and German herbologists recommend parsley tea to help control high blood pressure.
    It is often used as an emmenagogue.
    Parsley also appears to increase diuresis by inhibiting the Na+/K+-ATPase pump in the kidney, thereby enhancing sodium and water excretion while increasing potassium re absorption. It is also valued as an aquaretic.
    When crushed and rubbed on the skin, parsley is said to reduce itching of mosquito bites. The essential oil apiole found in all parts of parsley are a proven kidney stimulant.[citation needed] Parsley appears to enhance the body's absorption of manganese, which is important to help build bone. The absorption appears to be especially enhanced when parsley is eaten in conjunction with copper and zinc rich foods such as shellfish and whole grains.

    Health risks
    Parsley should not be consumed in excess by pregnant women. It is safe in normal food quantities, but large amounts can have uterotonic effects.
    Parsley contains small amounts of oxalic acid, capable of causing kidney stones, though the exact quantities are disputed.
    Parsley seeds contain a high level of apiole oil and are a diuretic.

    Importanza economica, origine e diffusione
    Il prezzemolo é originario dell’area mediterranea ed era conosciuto dai Romani come pianta medicinale. Verso il 1500 s’ incominciò a considerarla pianta alimentare, dapprima in Italia e successivamente in Inghilterra e Germania.
    In Italia è destinata a questa coltura (dati Istat, 2002):
    La distribuzione di seme di prezzemolo in Italia è riportata nella tabella 1.

    Tabella 1 - Distribuzione di seme di in Italia.
    Regione kg di seme
    Piemonte
    Valle d’Aosta
    Lombardia
    Trentino Alto Adige
    Bolzano
    Trento
    Veneto
    Friuli Venezia Giulia
    Liguria
    Emilia Romagna
    Toscana
    Umbria
    Marche
    Lazio
    Abruzzo
    Molise
    Campania
    Puglia
    Basilicata
    Calabria
    Sicilia
    Sardegna
    ITALIA
    Nord
    Centro
    Mezzogiorno
    1.420
    22
    5.315
    2.045
    1.755
    290
    2.370
    1.337
    1.122
    10.354
    1.926
    637
    1.542
    2.148
    1.071
    70
    3.031
    433
    40
    416
    673
    1.780
    37.752
    23.985
    6.253
    7.514


    Le regioni più importanti sotto questo punto di vista sono l’Emilia e Romagna, il Piemonte e la Campania. Le regioni dove la coltivazione del prezzemolo è praticamente inesistente sono la Valle d’Aosta, la Basilicata ed il Molise.
    In Italia, la superficie coltivata per la produzione di semente di prezzemolo, nel 2008, è stata di 58 ha, facendo registrare un decremento rispetto agli anni precedenti (ettari 113, 90 e 130, rispettivamente nel 2006, 2004 e 2002).

    Caratteri botanici, biologia e fisiologia
    La montata a fiore avviene naturalmente, in Nord Italia, nella primavera del secondo anno di età della coltura: questo e il motivo principale per cui il prezzemolo da foglia deve essere riseminato ogni anno, quantunque il ricaccio dopo il taglio, anche ripetuto, sia molto facile. L’altezza della pianta in fioritura non supera i 100-150 cm; le foglie dell’asse fiorale hanno forma diversa e dimensione minore di quelle della rosetta non sono utilizzate per il consumo. L’infiorescenza (figura 1b) ad ombrella composta, simile come forma e funzionamento a quella della carota, è però più piccola. Anche questa specie, prevalentemente allogama è spesso visitata, durante la fioritura, da insetti pronubi.
    La forma biologica è H scap (pianta erbacea perenne, eretta).
    Periodo di fioritura é V-VI.
    Il tipo corologico é E-Medit (coltiv). Lo sviluppo può avvenire ad un’altitudine che va da 0 a 1500 m s.l.m.

    Terreno e Tecniche Colturali
    Il terreno maggiormente adatto per la coltivazione del prezzemolo deve essere fertile e ben drenato (anche questa pianta non gradisce i ristagni idrici), leggero ed a pH sub-acido, se troppo compatto prima di seminare andrà lavorato.
    Il prezzemolo si moltiplica tramite seme. Un metodo che abbiamo spiegato già altre volte utile per rendere più rapida la germinazione dei semi è quello di porli in acqua calda per una notte intera prima dell’operazione di semina. La semina può essere fatta in diversi periodi: ad esempio se volete cogliere il prezzemolo in estate, la semina andrà fatta in gennaio- febbraio se in zona coperta, a marzo-aprile se in vaso o nel terreno. Per la raccolta nel periodo autunnale, la semina andrà fatta in maggio-giugno, mentre per la raccolta nel periodo primaverile si procederà con la semina in settembre-ottobre in luogo coperto.
    Per quanto riguarda la semina in pieno campo, essa andrà eseguita a mano spargendo i semi in modo uniforme nella quantità di circa 15-20 chilogrammi di semi ogni ettaro. Per la semina in contenitore o vaso, i semi vanno posizionati a file parallele sull’apposito terriccio e interrati di circa uno-due centimetri non di più e la temperatura nel luogo dove sarà posizionato il suddetto contenitore dovrà essere di circa 20-25 °C. Come detto per moltissime altre coltivazioni, a questo punto si dovrà far attenzione a mantenere il terriccio sempre della giusta umidità. Fatta la semina si procederà con la copertura del contenitore con della plastica al fine di mantenere la giusta temperatura ed evitare che il terriccio diventi secco; alla comparsa dei primi germogli si toglierà la plastica e si posizionerà il prezzemolo in una zona più luminosa. Nel momento in cui le nuove piantine avranno raggiunto una grandezza sufficiente, saranno pronte per essere trapiantate. La coltivazione del prezzemolo non è affatto complicata, si consiglia quindi di provare ad effettuarla nel proprio orto o nel vaso per ottenere sicuramente dei risultati soddisfacenti ed poter sempre disporre di qualche foglia per insaporire i piatti e per essere più soddisfatti perché verrà dal frutto del proprio impegno.

    Concimazione ed Irrigazione
    Si apporterà della sostanza organica al terreno del prezzemolo solo nel caso in cui sarà coltivato come pianta a ciclo biennale. Soprattutto dalla stagione autunnale a quella primaverile, dopo la raccolta dei gambi, sarà opportuno innaffiare in modo regolare quasi ogni giorno per favorire la nuova crescita di foglie. Durante l’inverno il prezzemolo ha bisogno di un po’ meno acqua ma dovrà essere necessariamente coperto o posto in un luogo riparato in quando teme le temperature molto fredde.

    Raccolta
    La raccolta delle foglie si effettuerà quando le foglie saranno abbastanza sviluppate, andranno tagliate con il loro piccolo; gli steli del prezzemolo sono commestibili e vanno raccolti tagliandoli nella parte alta.
    Dopo la raccolta le foglie vengono usate fresche oppure possono essere congelate. Un consiglio: come per quasi tutte le altre piante aromatiche, aggiungete il prezzemolo a fine cottura, cotto perde il suo pregevole aroma.

    Malattie e Parassiti
    Il prezzemolo può subire l’attacco di numerosi nemici e malattie che possono provocare danni più o meno gravi. Oltre a lumache e topi, questa pianta è vittima di un insetto molto dannoso: l’oziorrinco, un coleottero che attacca con le sue larve le radici del prezzemolo, mentre gli esemplari adulti si cibano delle foglie. I periodi di maggior attacco da parte di questo insetto sono primavera-estate e fine estate-autunno avanzato. Molto diffusi sono quelli denominati Cribricollis, Rugosustriatus, Sulcatus e Armatus.
    Il prezzemolo viene infestato anche dagli afidi (Myzus persicae e Dysaphis spp che lo attaccano, formando sulle piante numerose delle colonie.
    Un altro parassita animale dannoso per questa pianta è la mosca della carota (Psila rosae F.). Le larve di questa mosca attaccano le radici e formano di buchi o gallerie, con il passare del tempo il prezzemolo ingiallisce e infine secca.
    I nematodi possono interessare la coltivazione di prezzemolo: si ricordano i nematodi galligeni Meloydogyne spp. ed i nematodi fogliari della specie Ditlylenchus dipsaci. Le malattie alle quali va più soggetto il prezzemolo sono:


    Tossicità
    L’intera pianta ed i semi del prezzemolo sono tossici, i danni provocati da questo avvelenamento possono essere: abbassamento di pressione, successivo collasso e conseguente coma. Il veleno colpisce in modo particolare reni e fegato provocando la degenerazione del fegato e la necrosi delle cellule dei reni. Abbiamo voluto spiegare in breve la tossicità del prezzemolo, ma non bisogna preoccuparsi, l’uso classico nelle nostre cucine non provoca alcun danno quindi si può continuare tranquillamente ad usarlo per preparare gli ottimi piatti.

    Top

    Return to Introduction

    Return to Home page


    This page has been visited times

    © Fiume Francesco 2005