Minor Vegetable Crops



Salsify, or Goatsbeard (Tragopogon porrifolius L. var. sativus Gaterau Br.-Bl.)

Taxonomy of the Salsify, or Goatsbeard (Tragopogon porrifolius L. var. sativus Gaterau Br.-Bl.) according to Cronquist System
Domain: Eucariota (Eukaryota o Eukarya)
Kingdom: Plantae (Plants)
Subkingdom: Tracheobionta (Vascular Plants)
Superdivision: Spermatophyta (Seed Plants)
Division: Magnoliophyta Takht. & Zimmerm. ex Reveal, 1996 (Flowering Plants con fiori)
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass: Asteridae Takht., 1967
Superorder: Asteranae Takht., 1967
Order: Asterales Lindl., 1833
Family: Asteraceae Dumortier, 1822, or Compositae Giseke, 1792
Subfamily: Scorzoneroideae Burmeist., 1837
Tribe: Tragopogoneae Schultz-Bip., 1834
Subtribe: Tragopogoninae (Schultz-Bip.) Schultz-Bip. in Webb & Be, 1850
Genera: Tragopogon L. (1753)
Species: Tragopogon porrifoliuns L. var. sativus Gaterau Br.-Bl.

Taxonomy of the Salsify, or Goatsbeard (Tragopogon porrifolius L. var. sativus Gaterau Br.-Bl.) according to APG II System
Kingdom: Plantae (Plants)
Clade: Angiosperms
Clade: Eudicots
Clade: Asterids
Order: Asterales Lindl., 1833
Family: Asteraceae Dumortier, 1822, or Compositae Giseke, 1792
Tribe: Tragopogoneae Schultz-Bip., 1834
Genera: Tragopogon L. (1753)
Species: Tragopogon porrifolius L. var. sativus Gaterau Br.-Bl.


A salsify, or goatsbeard, is a flowering plant in the genus Tragopogon L. (1753) . Tragopogon is in the family Asteraceae Dumortier, 1822, or Compositae Giseke, 1792 and has over 140 species, including the vegetable known as salsify, as well as a number of common wild flowers, some of which are usually regarded as weeds.
Salsifies are forbs growing as biennial or perennial plants. They have a strong taproot and milky sap. They generally have few branches, and those there are tend to be upright. Their leaves are somewhat grass-like. Flower colour varies within the genus, with some yellow species, and some bronze or purple. Seeds are borne in a globe like that of a dandelion but larger, and are dispersed by the wind.
The salsifies are natives of Europe and Asia, but several species have been introduced into North America and Australia and have spread widely there.
Some of the more common species of Tragopogon are known, in the regions where they are most common, by the common names goat's beard, goatsbeard, salsify, or common salsify, without further qualification. These names are therefore inherently ambiguous, and best avoided, or reserved for the genus collectively. In the species list below, the first common name given is the one that seems to be most widely used for that species and is not in significant use for any other species.
The vegetable called salsify is usually the root of purple salsify, Tragopogon porrifolius; the root is described as having the taste of oysters (hence the alternative common name "oyster plant" for some species in this genus), but more insipid with a touch of sweetness. The young shoots of purple salsify can also be eaten, as well as young leaves. Other species are also used in the same way, including the black or Spanish salsify, Scorzonera hispanica L. (1753), which is closely related though not a member of the genus Tragopogon.

Hybridization
Salsifies are one example where hybrid speciation has been observed. In the early 1900s, humans introduced three species of goatsbeard into North America. These species, the western salsify (T. dubius), the meadow salsify (T. pratensis), and the oyster plant (T. porrifolius), are now common weeds in urban wastelands. In the 1950s, botanists found two new species in the regions of Idaho and Washington, where the three already known species overlapped. One new species, Tragopogon miscellus, is a tetraploid hybrid of T. dubius and T. pratensis. The other species, Tragopogon mirus, is also an allopolyploid, but its ancestors were T. dubius and T. porrifolius. These new species are usually referred to as “the Ownbey hybrids” after the botanist who first described them. The T. mirus population grows mainly by reproduction of its own members, but additional episodes of hybridization continue to add to the T. mirus population.

Selected species

Description
As it has already been described, Tragopogon porrifolius is a common biennial wildflower, native to Mediterranean regions of Europe but introduced elsewhere, for example, into Great Britain, (mainly in the south) and northern Europe, North America, and southern Africa and in Australia; in the United States it is now found growing wild in almost every state, including Hawaii, except in the extreme south-east.
The plant (figure 1) grows to around 120 cm in height. As with other Tragopogons, its stem is largely unbranched, and the leaves are somewhat grasslike. It exudes a milky juice from the stems.
In Britain it flowers from June to September, but in warmer areas such as California it can be found in bloom from April. The flower head (Figure 2) is about 5 cm across, and each is surrounded by green bracts which are longer than the petals (technically, the ligules of the ray flowers). The flowers are like that of Goatsbeard Tragopogon pratensis, but are larger and full purple, 30-50 mm across. The flowers are hermaphroditics, and pollination is by insects.
The fruits (figure 3 and figure 4) are of the clock variety.

Figure 1 – Plant of Tragopogon porrifolius. Figure 2 – The flower head of Tragopogon porrifolius.
Figure 3 – Fruit of salsify. Figure 4 – “Pappo” of salsify containing about thirty seeds.
Figure 5 – Roots of salsify harvest, washed and manifactured for the commercialization.


Cultivation as vegetable crop and uses
The root, and sometimes the young shoots, of T. porrifolius are used as a vegetable, and historically the plant was cultivated for that purpose; it is mentioned by classical authors such as Pliny the Elder. Cultivation in Europe began in the 16th century in France and Italy. In Great Britain it was initially grown for its flower and later became a mildly popular vegetable in the 18th century but then declined in popularity. It is not a popular or very well known food item in the United States. Presently the root is cultivated and eaten most frequently in France, Italy and Russia.
Salsify is planted from seed in the early spring and harvested after the first hard freeze in the fall. Adequate moisture and fertility during the growing season is necessary if high quality roots are to be produced. The root yield is 15-25 t/ha
In modern times it has tended to be replaced by Spanish salsify (Scorzonera hispanica) as a cultivated crop. Cultivated varieties include White French, Mammoth Sandwich Island, and Improved Mammoth Sandwich Island; they are generally characterized by larger or better-shaped roots. The root becomes discoloured and spoils quickly if broken, which can easily happen since it is difficult to remove from the soil without damage. The root is noted for tasting of oysters, from which the plant derives its alternative name of oyster plant; young roots can be grated for use in salads, but older roots are better cooked, and they are usually used in soups or stews. It is recommended that when using the root that, if cut, its colour be preserved in acidulated water. A latex derived from the root can be used as a chewing gum. The flowering shoots can be used like asparagus, either raw or cooked, and the flowers can be added to salad, while the sprouted seeds can be used in salads or sandwiches.
You can purchase fresh salsify in many supermarkets and specialty stores during the winter months. You can also buy canned salsify year-round. However, canned salsify is not always an easy item to locate. When purchasing fresh salsify, you will find roots that are approximately 8-12 inches long and one inch in diameter. Select only those roots that are firm to the touch and that are well developed. Once purchased, you can safely store the fresh salsify in your home for up to one week as long as the roots are wrapped in plastic and placed in your refrigerator. When you are ready to use the salsify, cut-off its root ending then use a peeler to remove its outer skin and coating. To avoid discoloration of the root prior to its use, take the newly peeled salsify and drop it into a solution of water and lemon juice.
Common uses for salsify in cooking include cutting the root into 1/2-inch cubes and adding it to stews and soups. The root can also be microwaved, boiled, steamed, creamed, or mashed. A popular recipe suggests cooking the salsify root then mashing it and forming the mashed salsify into patties that are then fried. Because salsify root has an unusual taste, you may want to experiment with using it in recipes. While it is known for its oyster-like flavor, many people have also claimed it tastes similar to an artichoke. When cooked it also has the texture of an artichoke heart.
Using salsify as a cooking ingredient is also a wise and healthy decision because it is a highly nutritious root vegetable. A 2/3-cup of salsify, which is approximately 90 grams, contains only 60 calories. Additionally, salsify contains no cholesterol or fat and is low in sodium. It also provides an excellent source of dietary fiber.
Salsify is a diverse and healthy plant that can be used in a variety of ways. Because of this, it will continue to be used in the kitchens of many international chefs.
The plant has also been used in herbalism, also since classical times (it is mentioned by Dioscorides), and is claimed to have beneficial effects on the liver and gall bladder. The root is regarded as a diuretic.

Diseases
Smut caused byUstilago tragopogonis pratensis (Pers.) Roussel; White Rust, caused by the oomycete Albugo tragopogonis Pers.; Powdery Mildew, caused by Erysiphe cichoracearum DC.

Storage
With the tops removed, salsify roots will keep for extended periods of time when placed in the refrigerator. Ideal storage conditions are 33 to 35 degrees. F and 90% humidity.

Top




Black Salsify, or Black Oyster Plant, Spanish salsify (Scorzonera hispanica L.)

Taxonomy of the Black Salsify, or Black Oyster Plant, Spanish salsify (Scorzonera hispanica L.) according to Cronquist System
SuperKingdom: Eucariota
Kingdom: Plantae
Subkingdom: Tracheobionta (Vascular Plants vascolari)
Superdivision: Spermatophyta
Division: Magnoliophyta Takht. & Zimmerm. ex Reveal, 1996
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass: Asteridae Takht., 1967
Superorder: Asteranae Takht., 1967
Order: Asterales Lindl., 1833
Family: Asteraceae Dumortier, 1822 o Compositae Giseke, 1792
Subfamily: Scorzoneroideae Burmeist., 1837
Tribe: Scorzonereae D. Don, 1829
Subtribe: Scorzonerinae Cass. ex Dumort., 1827
Genera: Scorzonera L. (1753)
Species: Scorzonera hispanica L. (1753)


Taxonomy of the Black Salsify, or Black Oyster Plant, Spanish salsify (Scorzonera hispanica L.) according to APG II System
Kingdom: Plantae (Plants)
Clade: Angiosperms
Clade: Eudicots
Clade: Asterids
Order: Asterales Lindl., 1833
Family: Asteraceae Dumortier, 1822, or Compositae Giseke, 1792
Genera: Scorzonera L. (1753)
Species: Scorzonera hispanica L. (1753).


The synonyms of Scorzonera hispanica L. (1753) are:

  • Scorzonera edulis Moench, 1794
  • Scorzonera sativa Gater., 1789

The black salsify is named by the following common names:
  • CHINESE : Ou zhou ya cong.
  • DANISH : Skorzoner, Skorzonerrod.
  • DUTCH : Schorseneer.
  • ENGLISH : Common viper's grass, Scorzonera, Black salsify, Viper's grass.
  • FRENCH : Salsifis noir, Scorsonère, Scorsonère d'Espagne, Scorsonère géant de Russie, Salsifis noir.
  • GERMAN : Geissbart, Schwarzwurzel, Winterspargel.
  • HUNGARIAN : Spanyol pozdor.
  • ITALIAN : Scorzonera, Scorzonera di Spagna.
  • JAPANESE : Kiku gobou.
  • POLISH : Wezymord, Wezymord czarny, Wezymord czarny korsen.
  • PORTUGUESE : Escorcioneira, Salsifi-negro, Salsifi négro.
  • RUSSIAN : Skorconer.
  • SPANISH : Salsifi negro, Escorzonéra.
  • SWEDISH : Svartrot.


Scorzonera hispanica, black salsify or Spanish salsify, also known as black oyster plant, serpent root, viper's herb, viper's grass or simply “scorzonera”, is a perennial member of the sunflower family (Asteraceae), cultivated as a root vegetable in the same way as some of the members of the salsify genus Tragopogon, to which it is closely related.
The Synonyms of Scorzonera hispanica are: Scorzonera crispatula auct., non (Boiss.) Boiss.; Scorzonera hispanica L. subsp. asphodeloides (Wallr.) Arcang.; Scorzonera taurica M.Bieb.; Scorzonera marschalliana C.A.Mey.; Scorzonera stricta Hornem.; Scorzonera trachysperma Guss.; Scorzonera hispanica L. subsp. glastifolia (Willd.) Arcang.
A subspecies of Scorzonera hispanica is Scorzonera hispanica subsp. trachysperma (Fiori) Maire & Weiller

Distribution
The black salsify is now distributed in U.S.A. and in Europe. In Italy it is cultivated in some Regions of the North.

Description
The thin black taproot grows up to one meter long and up to 2 cm in diameter (figure 5). It has a black skin with white internal flesh. The taste is bitter. Scorzonera is seeded in rows 25-30 cm. Is necessary 10 kg/ha of seed if the product is destined to the fresh consumption and 12-15 kg if destined to industry. With the thinning, the plants will come distanced on the row to 5-7 cm (figure 6). The black salsify plant has heads of yellow ray flowers (figure 7 and figure 8). The fruit is along and thin and a gram produces 75-100 seeds.

History
The black salsify is native to Southern Europe and the Near East. As is indicated by its binomial name, it is generally thought to have spread to the rest of Europe from Spain. The name of the genus Scorzonera probably derives from the Old French word scorzon, meaning snake. The Celtic and Germanic peoples are believed to have eaten the black salsify, which was considered efficacious against the bubonic plague and snake bites until the 16th century. The plant was being cultivated as a vegetable in Italy and France by 1660, and soon after, the Belgians were growing vast fields of it.

Food value
The black salsify is considered nutritious: it contains proteins, fats, asparagine, choline, laevulin, as well as minerals such as potassium, calcium, phosphorus, iron, sodium, and vitamins A, B1, E and C. Since it also contains the glycoside inulin, which mainly consists of fructose, it is particularly suitable for diabetics.

Black Salsify Roots Cultivation of scorzonera Flowering of Scorzonera hispanica Macro of the Scorzonera hispanica flower
Figure 6 - Black Salsify Root. Figure 7 - Cultivation of scorzonera. Figure 8 - Flowering of Scorzonera hispanica. Figure 9 - Macro of the Scorzonera hispanica flower.


Preparation

The thick black skin of the salsify root is usually considered inedible and can be removed either prior to or after boiling. If the skin is removed prior to boiling, the peeled root should be immediately immersed in water mixed with vinegar or lemon juice, in order to prevent discolouring. Since the root sap is an extremely sticky latex, it is often more convenient to peel it after boiling the root for 20 to 25 minutes. Black salsify is often eaten together with other vegetables, such as peas and carrots. But it is also popular served like asparagus in a white sauce, such as bechamel sauce or mustard sauce. Boiled salsify roots may also be coated with batter and deep fried.

Cultivation
Black salsify is hither to mainly a European crop. Belgium, France and the Netherlands are the world's largest producers of black salsify; significant amounts are also produced in Germany (figure 6). In the latter country, 'Hoffmanns schwarzer Pfahl' is a cultivar widely used by commercial growers, while 'Duplex' is popular among small-scale gardeners. Some other cultivars are alre widely available, but because it was rather a localized crop before being produced for a wider market there are comparatively few landraces. Harvesting is somewhat complicated, as the roots are quite fragile, and broken material loses freshness. Entire roots will keep fresh all winter if stored in a cool dark place, due to their robust black corky skin. In root cellars they may keep fresh well into springtime. It is, however, very hardy and will grow well in most cool-temperate climates and usually yield 15-20 metric tons of roots per hectare. In British gardens it is common to profit from its perennial character by leaving it in the ground until its roots have grown to sufficient size for harvesting; this can take two years. Commercially, it can be grown best as the year's second crop of a field.

Top





Sorrel (Rumex acetosa L.)

Taxonomy of the Sorrel (Rumex acetosa L. or R. scutatus L.) according to Cronquist System
SuperKingdom: Eukaryota
Kingdom: Plantae
SubKingdom/: Tracheobionta
Superdivision: Spermatophyta
Division: Magnoliophyta Takht. & Zimmerm. ex Reveal, 1996
Subdivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass: Caryophyllidae Takht., 1967
SuperOrder: Polygonanae Takht. ex Reveal, 1992
Order: Polygonales Dumort., 1829
Family: Polygonaceae Juss. 1789
Subfamily: Rumicoideae Leurss., 1880
Tribe: Rumiceae Dumort., 1827
Subtribe: Rumicinae C. Mey ex Ledeb., 1850
Genera: Rumex L. 1753
Species: Rumex acetosa L. 1753
SubSpecies:
  • Rumex acetosa L. ssp acetosa L.
  • Rumex acetosa L. ssp alpestris (Jacq.) A. Löve
  • Rumex acetosa L. ssp pseudoxyria Tolm.
  • Rumex acetosa L. ssp thyrsiflorus (Fingerh.) Hayek

The synonyms of the Rumex acetosa are the following:

  • Acetosa rugosa (Campd.) Holub.,
  • Rumex acetosa var. hortensis Dierb.,
  • Rumex acetosa var. longifolia Metzg.,
  • Rumex hispanica Gmel.,
  • Rumex hispanicus Koch ,
  • Rumex hortensis Vis. ex Nym.,
  • Rumex rugosus Campd.,
  • Rumex tenuifolius (Wallr.) Á. Löve
In the world, the common names of the sorrel are:
  • ARABIC : Houmadhe (Egypt).
  • BULGARIAN : Киселец Kiselets.
  • CHINESE : 酸模 Suan mo
  • DANISH : Almindelig syre, Dusksyre, Syre.
  • DUTCH : Veldzuring.
  • ENGLISH : Acid sorrel, Bread-and-cheese, Brown sugar, Cock sorrel, Common sorrel, Cuckoo's mest, Cuckoo's sorrel, Cuckoo's sorrow, Dock, Dock seed, Donkey's oats, Field sorrel, Garden sorrel, Gipsy's baccy, Green sauce, Green snob, Green sorrel, Lammie sourocks, Lonondon green suce, Redshank, Sallet, Soldiers, Soorik, Sor saps, Sor sog, Sorrel, Sorrow, Sour dock, Sour dock, Sour docken, Sour grab, Sour grass, Sour leaves, Sour sab, Sour salves, Sour sauce, Sour sodge, Sour sops, Sour suds, Sourlick, Sourock, Sow-sorrel, spinach dock, Tom Thumb's thousand fingers.
  • FINNISH : Niittysuolaheinä.
  • FRENCH : Aigrette, Grande oseille, Oreille de brebis, Oseille, Oseille commune, Oseille des prés, Oseille des jardins, Patience, Patience acide, Rumex à feuilles sagittées, Rumex oseille, Surelle, Surette, Vinette.
  • GERMAN : Garten-Sauerampfer, Großer Ampfer, Große Sauerampfer, Sauerampfer, WiesenSauerampfer.
  • GREEK : Λάπαθο το οξυλάπαθο, Oξαλίδα Oxalida, Oξυλάπαθο Oxilapatho, Oξυλίδι Oxilidi, Ξινήθρα Xinethra, Ξυνίθρα Xinithra, Ξινολάπαθο Xinolapatho.
  • ICELANDIC : Túnsúra.
  • ITALIAN : Acetosa maggiore, Erba brusca, Romice acetosa, Saleggiola.
  • JAPANESE : スイバ Suiba, すいば Suiba, 酸葉 Suiba.
  • NORWEGIAN : Engsyre, Matsyre.
  • PAKISTAN: Khatimal
  • POLISH : Szczaw pospolity, Szczaw zwyczajny.
  • PORTUGUESE : Azeda, Azedas, Azeda-brava, Azedas-bravas, Erva-vinagreira, Vinagreira.
  • RUSSIAN : Щавел обыкновенный Shchavel obyknovennyi (ščavel obyknovennyj).
  • SLOVENIAN : Štiav lúčny.
  • SPANISH : Acedera común, Acedera de lagarto, Acedera de sapo, Acetosa, Agreta, Agrilla, Alacamines, Alcalamines, Azedinha da horta, Vinagrera, Vinagrera común, Vinagrerilla, Vinagrerita, Vinagreta, Zarrampín.
  • SWEDISH : Ängssyra, Trädgårdssyra.
  • TURKISH : Koca kuzu kulağı, Kuzukulağı.
  • VIETNAMESE : Cây chút chít, Chút chít.

In Italia è distribuita su tutto il territorio nazionale, mentre in Europa su buona parte della superficie (Figure 10). Negli U.S.A. ed in Canada la distribuzione è indicata nella figura 11. L’acetosa è una pianta piuttosto comune nei prati di tutta la penisola italiana, le cui foglie coriacee emanano odore erbaceo e hanno sapore acidulo.
Gli egizi, i greci e i romani utilizzavano l’acetosa per favorire la digestione dopo un pasto abbondante.Nei lunghi viaggi in nave attraverso i mari di tutto il mondo, ai marinai veniva prescritta l’acetosa come rimedio contro lo scorbuto. Probabilmente il nome di acetosa romana o romice scudato deriva proprio dalle foglie a forma di scudo, simili agli scudi delle truppe di Giulio Cesare. Carlo Magno promosse la sua coltivazione nei giardini dei chiostri. I medici medioevali la ritenevano capace persino di curare la peste e il colera.
Nelle zone di campagna in primavera i bambini erano soliti sgranocchiare le foglie aspre della pianta che, sebbene purifichi il sangue, in grandi quantità non è molto salutare poiché contiene acido ossalico.
Con i semi macinati, alcune tribù indiane del Nordamerica facevano una specie di focaccia.
Il termine latino rumex indica probabilmente un tipo di alabarda, la cui forma è simile a quella delle foglie astato-sagittate di alcune specie di questo genere, comunque un termine che si riferisce alle foglie, indicandone la caratteristica increspatura.

Figura 10 – Distribuzione di Rumex acetosa in Europa. Figura 11 – Distribuzione di Rumex acetosa negli Stati Uniti ed in Canada.


Botanica: l’acetosa è una pianta erbacea, perenne, rustica, fornita di una radice ingrossata dalla quale in primavera si sviluppa un fusto eretto, semplice o poco ramificato, che può arrivare all'altezza di un metro (figura 12).
Le foglie sono di due tipi: quelle basali, che formano una rosetta, sono lungamente picciolate ed hanno forma astata (figura 12), quelle inserite lungo il fusto sono sessili ed amplessicauli, cioè non hanno picciolo ed abbracciano il fusto (figura 13). Le foglie, disposte alternativamente lungo lo stelo, hanno un sapore ed un odore decisamente acidulo che, più lieve a primavera, si intensifica poi con l'avanzare delle stagioni.
I fiori, minuscoli, con perigonio erbaceo persistente diviso in lacinie, sono distinti in maschili e femminili e sono portati da piante differenti, per cui si hanno piante maschili e piante femminili (l’acetosa, pertanto, è una pianta dioica e dicline) e sono disposti in densi verticilli su una pannocchia racemosa e slanciata. I fiori hanno i tepali, forma intermedia tra sepali e petali, di colore rossiccio (figura 14).
I piccoli e caratteristici frutti sono diclesi peduncolati, cuoriformi, coperti dalle lacinie interne del perianzio, conniventi come valve, membranacee e trasparenti, che a maturazione si ripiegano verso il basso. Il frutto è un achenio ricoperto dai tepali persistenti che assumono colore rosso ruggine (figura 15), contenente i semi, di 1,2 mm di lunghezza e 1,0 mm di larghezza (figura 16).

Figura 12 – Pianta di Rumex acetosa e le foglie basali a rosetta. Figura 13 – Foglie inserite lungo il fusto, sessili, amplessicauli. Figura 14 – Pannocchia costituita da fiori maschili e femminili. Figura 15 – Frutti che sono acheni ricoperti dai tepali persistenti. Figura 16 – Semi tipici della famiglia delle Polygonaceae.


Diffusione e habitat: é diffusa in tutta Italia, dal mare ai monti (0-2000 m. di altitudine), in luoghi aperti e lungo i corsi d'acqua. Cresce nei prati e in terreni umidi e fiorisce da maggio ad agosto.
La destinazione può essere quella dell’orto familiare. Il ciclo di coltivazione è annuale o poliannuale (2-3 anni). L’unica varietà, la hortensis è quella coltivata ed è caratterizzata dall’avere una minore quantità di ossalati.
predilige un clima alla semina preferibilmente fresco anche se è pianta rustica. Durante il ciclo vegetativo vuole un clima temperato. La temperatura ottima di crescita (media mensile) e 15-18 °C. La temperatura minima di crescita (media mensile) è di 5-9 °C. Prefiorisce in presenza di un clima caldo. Impiega a germinare in terra 8-15 giorni . Per l’umidità necessaria alla semina mostra grande adattabilità. Durante lo sviluppo é poco esigente in fatto di acqua.
Terreno: ha bisogno di un pH compreso tra 5 e 6,8 . Circa la natura del terreno è una pianta di notevole adattabilità: la Rumex acetosa predilige un terreno argilloso e ricco, mentre la Rumex acetosella, le cui foglie anziché acidule sono amare, predilige un substrato sabbioso, asciutto e acido.
Concimazione: la coltura di acetosa asporta per ettaro e per 100 kg di prodotto: kg 0,64 di N, kg 0,12 di P2O5 e kg 0,20 di K2O. Il rapporto di concimazione più usato é: N=3 - P2O5=1 - K2O=1.
Consiglíabile l'impiego del letame in medie dosi. La concimazione in copertura consiste in eventuali nitratature.
Rotazione: l’acetosa è trattata come una coltura sarchiata. La consociazione non è usata.
Semina: l’poca della semina all’aperto é marzo-aprile. La quantità di seme necessaria per m2 è 12 g. La distanza tra le file é 20 cm. La profondità di semina è 0,5 cm. La ripichettatura può essere vantaggiosa. Da 1 g di seme si ottengono 500 piantine per il trapianto. Da 1 m2 di semenzaio si ottengono 500-700 piantine per il trapianto. Da 1 m2 di semenzaio si ottengono 3-4 m2 di superficie messa a dimora. Per 100 m2 a dimora occorrono 3-4 m2 di semenzaio.
La semina a dimora si effettua a marzo-aprile ed a settembre, con una distanza tra le file di 20-30 cm ed una distanza sulla fila di 20-25 cm, una profondità di semina di 0,5 cm, una quantità di seme per 100 m2 di g 25-30, una quantità di seme per metro lineare di di fila di g 0,05-0,1. Il diradamento sulla fila si effettua a 10-20 cm.
Trapianto: Trapianto: si effettua in aprile-maggio, a 15 giorni dopo la semina, quando le piantine sono alte 7-10 cm, con 4-6 foglie. Le piantine da trapiantare vanno ridotte nell’apparato fogliare e radicale. Si usano 15-20 piante a dimora per ogni metro quadrato, con una distanza tra le file di 25-35 cm ed una distanza sulla fila di 20-25 cm, ad una pofondità d’impianto tale da porre il colletto a livello del terreno.
Altre operazioni colturali: la scerbatura non è indispensabile nei primi stadi di sviluppo. La rincalzatura non è necessaria. L’irrigazione si effettua solo se si verificano forti siccità. Con la cimatura bisogna eliminare lo scapo fiorale con lo scopo di favorire l'emissione di nuove foglie. I trattamenti antiparassitari ed il diserbo non sono necessari.
Raccolta e produzione: la pianta si può raccogliere tutto l'anno, anche radendo la piantina in quanto la radice emetterà nuovamente. La raccolta manuale si esegue in marzo-giugno e ottobre-novembre. Gli indici di maturazione sono correlati alla dimensione delle piantine o delle oglie.La coltivazione di acetosa occupa il terreno per 4 mesi oppure per 2-3 anni. La raccolta si effettua 30-50 giorni dopo il trapianto oppure 60-70 giorni dalla semina. Circa la durata della raccolta, questa avviene in modo scalare con lo stacco delle foglie basali. La produzione per ettaro è di 200-250 q/ha. La produzione per pianta è di g 150.
Uso in cucina: Le foglie dell'acetosa possono venire mangiate come fossero spinaci, cioè dopo averle lessate, oppure possono venire aggiunte alle minestre.
Un accorgimento per rendere questa verdura più gradita consiste nel cambiare l'acqua, una volta, durante la cottura, in modo da ridurre il tipico sapore acidulo.
Le foglie tenere possono anche venir mangiate crude in insalata. Un altro utilizzo dell'acetosa consiste nel preparare una salsa verde adatta in particolare al pollame e al pesce. Il procedimento è il seguente: si lavano e poi si lessano una manciata di foglie di acetosa e mezza manciata di foglie di crescione assieme ad una cipolla (che poi va tolta), quindi si mescola il tutto con olio, aceto, sale e pepe fino ad ottenere una massa cremosa.
In alcune ricette le foglie apicali vengono usate con l'Oxalis acetosella per la preparazione di frittate.
Sono di seguito riportate alcune ricette culinarie, dove l'acetosa occupa un posto preminente:

Omelette per 4 persone:
250 g di farina
1 cucchiaino di sale
5 uova
3 dl di latte
2 dl d’acqua
olio d’oliva per friggere

Ripieno:
1 cipolla
8 manciate di foglie di acetosa (solo le foglioline giovani, tenere)
1 cucchiaio di olio d’oliva
un po’ di sale e pepe macinati

Pastella dell’omelette (figura 17):
Versare la farina e il sale in una scodella e formare un buco al centro.
Mettere le uova, il latte e l’acqua in un recipiente graduato e mescolare bene.
Versare il liquido nel buco e mescolare con farina finché non si forma una pastella liscia.
Fare riposare la pastella a temperatura ambiente per 30 minuti.

Ripieno:
Sbucciare la cipolla e tritarla finemente.
Lavare le foglie di acetosa e togliere il gambo.
Stufare la cipolla nell’olio d’oliva.
Aggiungere l’acetosa ancora umida e farla stufare per circa minuto finché non appassisce.
Aggiungere il sale e il pepe e mettere da parte.
Scaldare l’olio d’oliva in una padella antiaderente. Versare la pastella dell‘omelette con il mestolo e spanderla in modo uniforme. Dorare l’omelette a fuoco medio da entrambi i lati.
Distribuire l‘acetosa sulle omelette, arrotolare e servire subito.

Figura 17 – L'omelette all'acetosa, un’interessante e gustosa preparazione culinaria.


Proprietà: le foglie sono particolarmente ricche di vitamina C. La pianta contiene ossalato di ferro, acido ossalico e ferro. Può avere proprietà diuretiche, rinfrescanti, antinfiammatorie, febbrifughe, essendo ricca di ossalati e di antrachinoni.
Discrete proprietà emmenagoghe, stomachiche. Le foglie sono consumate fresche come blando depurativo, oppure si usa un infuso di 30 g di radici per 1 L d'acqua. Può essere usata per curare l'acne, le pelli grasse e la puntura di insetti, usando un decotto di 15 g di foglie fresche per 1 L d'acqua, e bevendone due tazze al giorno sempre lontano dai pasti. Con le foglie decotte si prepara un cataplasma utile per curare gli ascessi. Per uso esterno, come pediluvio per favorire la circolazione e il decongestionamento, si prepara un decotto d 50 g per 2 L d'acqua poi uniti all'acqua del pediluvio.
Proibita a quanti soffrono di calcoli, artrite, gotta, reumatismi, iperacidità. In caso di elevata ingestione di foglie crude sono stati riscontrati avvelenamenti con lesioni renali in bambini.
Incompatibilità con le acque minerali e con i contenitori in rame.

Top




Winter Cherry (Physalis alkekengi L. o P. alkekengi var peruviana L. e P. pruinosa L.)

Taxonomy of the Winter Cherry (Physalis alkekengi L. 1753) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Magnoliopsida
Subclass: Asteridae Brongniart, 1843
Superorder: Solananae R. Dahlgren ex Reveal, 1992
Order: Solanales Dumortier, 1829
Suborder: Solanineae Engl., 1898
Family: Solanaceae A.L. de Jussieu, 1789
Tribe: Physalideae Miers, 1849
Genera: Physalis

Taxonomy of the Winter Cherry (Physalis alkekengi L. 1753) according to APG II System
Angiosperme
Eudicodiledoni
Eudicotiledoni o Angiosperme tricolpate
Nucleo delle tricolpate
Asteridi
Euasteridi I
Solanales
Solanaceae
Genera: Physalis



L’alchechengio è una pianta perenne di origine europea e asiatica. Il fusto è eretto, ramificato e può raggiungere il metro di altezza.
Le foglie sono di forma ovali di 5-8 cm di lunghezza e di colore verde chiaro. Le foglie contengono solanina e quindi sono tossiche per l'organismo, può provocare vomito, diarrea, mal di testa.

Origine e Diffusione: Date le sue proprietà omeopatiche e medicinali l’alchechengio è una pianta coltivata fin dall'antichità. E’ originaria delle zone tropicali e del Giappone ed è ora diffusa negli Stati Uniti, in Europa ed in Italia. In Italia è noto con il nome di “alchechengio”, in inglese si chiama “winter cherry” o “chinese lantern”, negli Stati Uniti “strawberry groundcherry”, in Francia “coqueret” o “alkékenge”, in Germania “lampionblume” o “judenkirsche”, in Spagna “vejiga de perro” o “alquequenje”, in Portogallo “alquequenje” o “alkekengi”, in Olanda “lampionpiant”, in Danimarca “jǿdenkisebaer”.

Botanica: L'Alchechengio é una pianta erbacea perenne coltivato come pianta vivace in molte regioni d'Italia, specie meridionali, dove la temperatura non scende sotto lo zero.
Forma un cespuglio alto 50-70 cm con steli erbacei semieretti.
Le foglie sono ovali-lanceolate (3-6 x 5-10 cm).
I fiori presentano una corolla bianca o giallastra (figura 18), sono isolati all'ascella dei rami mediani e presentano un calice vescicoloso pergamenaceo di colore rosso arancio che avvolge il frutto (Figura 11). Quest'ultimo si riconosce facilmente per i calici che lo avvolgono e lo contengono, sono simili a piccoli lampioni prima verdi, poi arancioni a completa maturazione della bacca. Al tatto il calice ha consistenza quasi cartacea e spesso è poroso. Ci si aspetta la consistenza fragile di un petalo ma se si cerca di spezzarlo è molto più tenace e resistente. Nonostante ciò si apre facilmente a mani nude. I frutti e le brattee che lo avvolgono non sono da confondere con i quelli di Physalis peruviana (specie chiamata anche “cape gooseberry”) che sono della stessa forma e struttura ma beige oppure con quelli di Physalis ixocarpa che produce una bacca molto più grossa, verde (o porpora) e simile a un pomodoro, sempre, però, rivestita da un calice verde (o porpora) con forma simile a quello dell’alchechengio.
Il frutto, come già detto, è una bacca sferica rosso arancio, grossa come una ciliegia di sapore acidulo-amarognolo; contiene numerosi piccoli semi. Rappresenta l’unica parte commestibile della pianta. In genere le bacche sono mature a settembre ed hanno la forma di una piccola ciliegia. Dalle bacche, ricche in sostanza pectiche si può ricavare un'ottima marmellata. Si possono mangiare da sole o aggiunte alle insalate. Se seccate leggermente si possono mettere sott'aceto o in salamoia. Contiene una grandissima quantità di vitamina C, acido citrico, tannino e zucchero. In erboristeria si usava per le malattie in cui c'era bisogno di un'azione diuretica marcata. Vengono preparate candite o ricoperte di cioccolato fondente.
L'alchechengio è un ortaggio minore di cui vengono utilizzati, come già detto, i piccoli frutti carnosi e aciduli, spesso a scopo ornamentale. Si propaga per seme, raramente per talea (le specie perenni). I frutti si raccolgono quando sono completamente colorati e si conservano facilmente. Raramente vengono coltivati a scopo commerciale in quanto i frutti aciduli e profumati contengono molti semi.
Diverse sono le specie conosciute:
• l’alchechengio comune (Physalis alkekengi L.);
• l’alchechengio giallo-dolce (Physalis peruviana L.) che si trova spontaneizzata in Liguria e isole Eolie. Simile alla precedente ma con steli alti fino a 1 metro e molto tomentosi, con foglie larghe, cordate alla base, corolla gialla con cinque macchie rosse o brune (figura 19); i frutti sono giallo-arancio, di sapore dolce. I suoi frutti vengono usati in pasticceria;
• l’alchechengio annuale (Physalis pubescens L.) che è una pianta annuale simile all'alchechengio comune, ma densamente tomentosa e spesso vischiosa. Gli steli sono alti 90 cm con foglie larghe cordate alla base; i fiori presentano una corolla gialla con cinque macchie scure; la bacca è gialla o verdastra.

Figura 18 – Fiori di Physalis alkekengi, con corolla bianca o gialla. Figura 19 – Fiori di Physalis peruviana, con corolla gialla e cinque macchie rosse.
Figura 20 – Calice vescicoloso pergamenaceo che avvolge e contiene il frutto. Figura 21 – Frutti con il residuo dei calici quasi disseccati. Le bacche sono simili a piccoli lampioni prima verdi, poi arancioni alla maturazione della bacca.
Figura 22 – Sezione di una bacca di alchechengio per la raccolta dei semi. Figura 23 – Dopo aver raccolto nel passino tutti i semi, si eliminano le tracce di polpa sotto acqua corrente; poi i semi sono messi ad asciugare e poi conservati.


Habitat e Coltivazione: predilige terreni asciutti e la si può trovare in natura nei boschi in luoghi leggermente umidi. Gradisce molto i raggi del sole diretti e se possibile posizionarla nella posizione più soleggiata. Queste piante sono erbacee perenni. Questa pianta in estate assume una colorazione arancio bianco. Il ciclo di coltivazione è annuale. In Italia è coltivata un’unica varietà.

Clima: la coltivazione dell’alchechengio necessita di un clima temperato alla semina, soleggiato e caldo durante il ciclo vegetativo. La temperatura ottomale di crescita (media mensile) è di 21-23 °C; la temperatura minima di crescita è di 18 °C. Circa l’umidità necessaria alla semina questa specie presenta una notevole adattabilità, mentre media è la sua esigenza in acqua durante lo sviluppo. Impiega a germinare in germinatoio 5-8 giorni con temperatura ottimale di 20-25 °C, 14 giorni con temperatura minima di 20°C; in terra impiega a germinare 10-15 giorni.

Terreno: ha bisogno di un pH compreso tra 5,5 e 6,8 . Circa la natura del terreno è una pianta di notevole adattabilità.

Concimazione: il rapporto di concimazione più usato è: N = 1, P2O5 = 2, K2O = 2.
Consiglíabile l'impiego del letame in elevate quantità. Ha elevate esigenze di boro ed ha la caratteristica di essere insensibile alle elevate concentrazioni saline della soluzione, per cui si presta ad essere coltivata in terreni relativamente aridi e salsi. La concimazione in copertura consiste in nitratature e perfosfati, in relazione all’analisi del suolo.

Rotazione e consociazione:l’alchechengio è una coltura da rinnovo e non deve seguire a se stessa, le altre solanacee, la barbabietola e le cucurbitacee. La consociazione non è usata.

Semina: l’epoca della semina in semenzaio è a febbraio-marzo. All’aperto é marzo-aprile. La quantità di seme necessaria per m2 è 2 g. La disinfezione del seme si esegue immergendolo in acqua a 50°C per 25 minuti e poi in una soluzione di solfato di rame all’1,5 %, facendo seguire una polverizzazione con 2 g di TMTD (tetrametildiurandisolfuro) per 1 kg di seme.
La modalità di semina è a spaglio, ad una profondità di 0,5 cm. La ripichettatura può essere vantaggiosa.
Da 1 g di seme si ottengono 500 piantine per il trapianto. Da 1 m2 di semenzaio si ottengono 100 piantine per il trapianto. Da 1 m2 di semenzaio si ottengono 300-500 m2 di superficie messa a dimora. Per 100 m2 a dimora occorrono 0,2-0,3 m2 di semenzaio.
La semina a dimora non è conveniente e altrettanto dicasi per la coltivazione in serra e in tunnel.

Trapianto: Trapianto: si effettua in maggio-giugno, 60 giorni dopo la semina, quando le piantine sono alte 8-10 cm, con 4-6 foglie. Si usano 2-3 piante a dimora per ogni metro quadrato, interrandole ad una profondità d’impianto tale da porre il colletto a livello del terreno.

Altre operazioni colturali: la scerbatura non è indispensabile nei primi stadi di sviluppo. La rincalzatura non è necessaria. L’irrigazione si effettua solo se si verificano forti siccità. I trattamenti antiparassitari ed il diserbo eventuali in linea di massima non sono necessari; qualora rissultassero indispensabili sono gli stessi di quelli che interessano il pomodoro

Raccolta e produzione: la raccolta manuale si esegue in settembre-ottobre. Gli indici di maturazione dipendono dall’essicazione dele valve avvolgenti il frutto. La coltivazione di alchechengio occupa il terreno per 6-7 mesi. La raccolta si effettua 150-200 giorni dopo il trapianto. Circa la durata della raccolta, questa avviene in modo scalare in 40-50 giorni. La produzione è di 30-50 q/ha. La produzione per pianta oscilla tra 70 e 200 frutti per pianta. I residui incommestibili sono 50-70 q/ha. La produzione di alchechengio è presente sul mercato per 4 mesi.

Caratteristiche merceologiche:non sono codificate. Le norme d’uso sono il colore delle valve uniforme, ben secche, intatte, non aperte, senza macchie e frutti di colore giallo-verde.

Conservazione: non presenta difficoltà poiché avviene a temperatura ambiente. L’umidità relativa non deve superare il 70%. La durata di conservazione può giungere ad 1 mese.

Produzione di seme: avviene annualmente. I fiori sono ermafroditi, i fiori sono accoppiati o in racemi, l’impollinazione è entomofila ma prevalentemente autogama, il corredo cromosomico è 2n = 24. Gli incroci sono rari e per scongiurarli con sicurezza la distanza deve essere di 500 m. L’epoca di raccolta del seme è ottobre. La raccolta del seme si effettua manualmente dalle bacche facendole macerare e poi lavando ed essiccando il seme (figura 21 e figura 22). La produzione di seme per 100 m2 di terreno è di 200-400 g. La produzione di seme per pianta è di 1-2 g. La produzione di seme per frutto è di 0,01 g.

Semi: la durata della germinabilità è 4-5 anni; la germinabilità media effettiva è 85%; la germinabilità minima conveniente è 75%. Il numero di semi per grammo é 1.000. Il numero di semi per litro è 650.000. Un litro di semi ne contiene g 650 e 1.000 semi pesano 1 g. Per una buona conservazione del seme alla temperatura di 20°C, l’umidità del seme deve essere pari all’8% in equilibrio con 45% di UR ambiente.

Malattie trasmesse dal seme:
• cancro causato da Corynebacterium michiganense (E. F. Smith, 1910) H. L. Jensen, 1934;
• maculature fogliari da Stemphylium solani G.F. Weber, (1930), Cladosporium fulvum Cooke, 1883 (syn. Passalora fulva (Cooke) U. Braun & Crous, 2003 , Phoma destructiva Plowr., (1881);
• marciumi da Septoria lycopersici GEPS., (1881), Alternaria solani Sorauer, (1896);
• marciumi del colletto da Colletotrichum phomoides (Sacc.) Chester, (1894), Fusarium Link, (1809) spp.
• peronopora da Phytophthora parasitica Dast;
• tracheomicosi da Verticillium alboatrum Reinke & Berthold, (1879) e Fusarium oxysporum Schltdl.
• maculatura batterica da Xanthomonas vesicatoria (ex Doidge 1920).

Composizione:
• quantità edule sul prodotto greggio: 95%;
• calorie per 100 g: 25;
• acqua: 91%;
• proteine: 1,4%;
• grassi: 0,5%;
• zuccheri 8,9%;
• altri carboidrati: 0,3%;
• vitamina A: 380 UI;
• vitamina B1: mg 0,15;
• vitamina B2: mg 0,03;
• vitamina C: mg 4;
• vitamina PP: mg 3,5;
• fosforo: mg 34;
• calcio: mg 8;
• ferro: mg 3,3.


Top




Dill (Anethum graveolens L.)

Taxonomy of the Dill (Anetum graveolens L. 1753) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Magnolopsida Brongniart, 1843
Subclass: Cornidae Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1994
SuperOrdo/ SuperOrdine: Aralianae Takht., 1967
Order: Araliales Reveal, 1996
Family: Apiaceae Lindl., 1836 o Umbelliferae A.L. de Jussieu, 1789
Subfamily: Apioideae
Tribe: Peucedaneae De Candolle (1830)
Subtribe: Seselineae Drude 1897
Genera: Anethum
Speciess/Species: Anethum graveolens Linneo, 1753

Taxonomy of the Dill (Anetum graveolens L.)according to APG II System
Angiosperm
Eudicodyledons
Eudicotyledoni o Angiosperms tricolpate
Nucleo delle tricolpate
Asterids
Euasterids II
Order: Apiales
Genera: Anethum



Il nome del genere deriva dal greco “anethon” che significa anice, il quale a sua volta deriva dall’antico egizio, mentre l'epiteto specifico “graveolens” deriva dal latino “gravis” (pesante, forte) et « olens » (sentore), in quanto ha un un odore forte.
È coltivato come pianta da condimento (foglie e semi molto aromatici) e si avvicina al finocchio per il suo odore e le sue proprietà, da ciò i suoi nomi di finocchio bastardo, fetido e rizu. I suoi fiori sono molto apprezzati dalle api.
I sinonimi di Anethum graveolens sono:
• Anethum sowa Roxburgh ex Fleming, Kurz;
• Ferula marathrophylla W. G. Walpers;
• Peucedanum anethum Baillon;
• Peucedanum graveolens (L.) Benth. & Hook.;
• Peucedanum sowa (Roxburgh).
E’ una pianta nota con i nomi comuni di: finocchio bastardo; finocchio fetido; finocchio rizu; aneto puzzolente. Il nome inglese, tedesco e statunitense è “dill”; quello francese, “fenouil bâtard” o “aneth”; spagnolo, “eneldo”; portoghese, “endro” o “aneto”; olandese, “dille”; danese, “dild”.
Origine e diffusione
Quest ombrellifera è originaria dell’Europa meridionale, ha un ciclo di coltivazione annuale, la parte edule è la piantina, si consuma crudo o cotto, come aromatizzante.
Originario del bacino mediterraneo l’aneto è stato utilizzato:
• dai popoli Ebraici quale ortaggio;
• dagli Egizi da più di 5.000 anni, come pianta medicinale;
• dai Greci e i Romani per il suo profumo e le sue virtù medicinali.
È menzionato nel Vangelo secondo Matteo: «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima della menta, dell'aneto e del cumino e trasgredite le prescrizioni più gravi della legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà.».
In Inghilterra è coltivata fin dal XVI secolo. Attualmente l’aneto è diffuso negli Stati Uniti, in Europa ed in Italia, limitatamente a poche regioni dell’Italia centrale e del nord-est .

Caratteristiche botaniche
E’ una pianta annuale il cui fresco aroma ricorda ad alcuni quello del finocchio, ad altri quelli dell'anice, del cumino o della menta, in realtà il sapore dell'aneto, piccante e deciso, é molto tipico e particolare. Presenta un fusto eretto lungo dai 60 a 150 cm. I germogli sono terminali con fiori piccoli, gialli verdastro profumati, riuniti in infiorescenze ad ombrelle di 15-30 raggi (figura 24 e figura 26). I fiori appaiono verso la metà dell'estate ed hanno un aroma più forte di quello delle foglie, ma più lieve e fresco di quello dei semi. Le foglie, alterne, pennatosette, cioè formate da più foglioline filiformi disposte regolarmente, di colore blu-verdi, hanno la lamina divisa in lacinie filiformi (figura 25). I frutti (detti semi) sono degli acheni scanalati, piccoli, del peso medio di 2,5 mg, ovali, appiattiti a coste preminenti, di colore bruno, che si scindono in due parti una volta raggiunta la maturazione in agosto-settembre (figura 27 e figura 28) .

Figura 24 – Pianta di aneto, con le tipiche infiorescenze ad ombrella. Figura 25 – Ramo con le tipiche foglie pennatosette.

Figura 26 – Un’ombrella di Anethus graveolens, con fiori gialli. Figura 27 – Rami secchi di aneto, con gli acheni (cosiddetti “semi”) all’estremità. Figura 28 – Un achenio di Anethus graveolens, con le tipiche scanalature.

L’habitat dell'aneto é l'oriente, in particolare la Persia e l'India; il terreno ideale per la sua coltivazione é ricco di sostanza organica, lavorato in profondità e dotato di buon drenaggio. Tollera anche temperature di qualche grado sotto lo zero, ma in ogni caso, nelle zone a clima rigido, é preferibile riparare le piante in serra o comunque proteggerle. L'esposizione più gradita all'aneto é in pieno sole, al riparo dai venti.
È poco diffuso nel territorio italiano, lo si trova raramente al di sotto dei 600 metri.
La sua formula fenologica è la seguente:
Forma biologica: T scap;
Periodo di fioritura: VII-VIII;
Tipo corologico: Avv.;
Altitudine (min/max): 0/1000 m.

Clima
Alla semina vuole un clima mite e temperato durante il ciclo vegetativo. La temperatura ottimale di crescita (media mensile) è di 16-18 °C. Quella minima (media mensile) di 7 °C. L’umidità necessaria alla semina deve essere elevata, mentre le esigenze idriche durante lo sviluppo sono moderate. Impiega a germinare in vitro 10 giorni alla temperatura ottimale di 20 °C e 20 giorni con temperatura minima di 8 °C. In terra germina in 15-20 giorni.

Terreno
Vuole un pH dele terreno uguale a 6. L'aneto apprezza l'esposizione al sole pieno e i terreni ben drenati. Teme i suoli troppo umidi. Circa la natura del terreno è una pianta di notevole adattabilità, anche se predilige un suolo leggero.

Concimazione
E’ consigliabile l’impiego di letame fino a 1000 q/Ha. Eventualmente in copertura ha bisogno di nitratature.

Semina
La semina é il metodo riproduttivo più usato; il periodo di semina é tra la primavera e l'estate. Come norma generale conviene non mettere a dimora l'aneto accanto al finocchio poiché‚ mischiandosi le impollinazioni, si confondono anche gli aromi.
La semina a dimora si esegue in maggio o a settembre-ottobre. Eseguire eventualmente la disinfezione del seme immergendolo in acqua a 52 °C per 10 minuti e polverizzare co TMTD (2 g per kg di seme). L’investimento di piante è 60-80 piante per m2. La distanza tra le file è di 20-30 cm. La quantità di seme per ara è di 200-250 g. La quantità di seme a metro lineare di fila è di 0,4-0,5 g. Il diradamento sulla fila è 6-10 cm.

Rotazione
L’aneto è una coltura intercalare che non deve mai seguire le altre ombrellifere (finocchio) e la barbabietola.
La consociazione non è praticata, la semina in semenzaio non è usata, il trapianto non è conveniente.

Coltivazione in serra fredda
La temperatura diurna è di 18 °C; la semina a dimora si effettua in ottobre-gennaio; la durata di occupazione della serra è di 5 mesi.

Coltivazione in tunnel
La semina a dimora si effettua in febbraio-marzo. Il tunnel va asportato quando la temperatura minima è superiore a 18 °C. Il tunnel va aperto quando la temperatura massima è superiore a 22 °C.

Lavori colturali
Le uniche cure richieste dall'aneto sono la sarchiatura del terreno per tenerlo libero dalle erbe infestanti e il diradamento delle piantine quando raggiungono un'altezza di 10 centimetri. La distanza tra le piante deve essere di almeno 5 cm e deve essere maggiore nel caso in cui le piante debbano essere lasciate andare a seme; tra le file si va da circa una quarantina di centimetri a mezzo metro, a seconda che si vogliano raccogliere le piante o i semi. La rincalzatura non è necessaria, l’irrigazione non è indispensabile, i diserbanti sono raramente impiegati come pure i trattamenti antiparassitari.

Parassiti
Malattie crittogamiche: Sclerotinia sclerotiorum (Lib.) de Bary, (1884) e Sclerotinia minor Jagger, (1920) che causano il marciume delle radici e del colletto; Itersonilia pastinacae Channon, 1963 che attacca l’apparato aereo; Puccinia bullata (Pers.) J. Schröt. (1879) agente della ruggine; Oidium erysiphoides causa di oidio.
Insetti: Myzus persicae (Sulzer, 1776), Tortrix pronubana (Hübner, 1779), Papilio machaon Linnaeus, 1758.

Raccolta
L'aneto può venir coltivato per consumare l'intera pianta, come un ortaggio, o per la raccolta dei semi. La raccolta della pianta o dei semi può essere scalare o contemporanea. Chi intende raccogliere le piantine deve tagliarle alla base quando superano una ventina di centimetri d'altezza. Chi invece é interessato alla raccolta dei semi é bene sospenda le piantine capovolte sopra un telo, in posizione soleggiata, quando i capolini cominciano ad assumere un colore bruno, per completarne la maturazione. Un metro quadro coltivato ad aneto può offrire 1,5-2 kg di piante fresche o 50 g di semi. L’epoca di raccolta è dicembre-gennaio, l’indice di maturazione è rappresentato dalla giusta altezza delle piantine che si verifica 60 giorni dopo la semina. La coltura occupa il terreno per circa 3 mesi. La resa è di 100-200 q/Ha. L’aneto è presente sul mecato per 4 mesi.

Caratteristiche merceologiche
Si commercializzano mazzeti di 200-400 g in casse da 4 kg. Le piante devono essere alte 20-25 cm, turgide, fresche, senza giallumi o lesioni. La conservazione non è conveniente.

Produzione di seme
E’ annuale o biennale. Piante e fiori ermafroditi. Infiorescenza ad ombrella. Impollinazione entomofila. Corredo cromosomico 2n = 22. Incroci facili. Distanza tra le cultivar onde impedire l’impollinazione incrociata è di 1.500 m. Distanza impianto piante madri 25—30 x 30 cm. Epoca di impianto delle piante madri in aprile-maggio o ottobre. Fioritura e maturazione scalari. Epoca di raccolta dei semi in settembre-ottobre. A fine estate si recidono le ombrelle e si lasciano essiccare in un luogo ombroso. Poi, si battono fino a provocare l’uscita dei semi, che vengono conservati a parte in vasi di vetro, chiusi ermeticamente. Meccanicamente la preparazione dei semi avviene mediante essiccamento e trebbiatura. La produzione dei semi per ara è pari a 10 kg. La produzione di semi per pianta è pari a 6-8 g.

Semi
La durata della germinabilità è di 2-3 anni; la germinabilità media effettiva è 75%; la germinabilità minima conveniente è 55-65%; il numero di semi per litro è 60.000-300.000; un litro contiene 300 g di seme; 1.000 semi pesano 1-5 g; per una buona conservazione a 20 °C, l’umidità del seme deve essere di 8% in equilibrio con il 50% di umidità relativa dell’ambiente; le malattie trasmesse per seme sono Phoma anethi (Pers. ex Fr.) Sacc., 1881, Stemphylim botryosum , Stemphylim radicinum Wallr., (1833).

Preparazione in cucina
Dell’aneto in cucina si usano sia i semi sia le foglie soprattutto nella cucina scandinava, che li accosta ad uova, pesce (salmone), molluschi e patate.
L’aneto è adatto nelle marinate, nella salsa per i pesci e nelle insalate.
Le foglie fresche vengono tritate e insaporiscono minestre, patate lessate, piatti di pesce, uova, formaggi freschi; quelle essiccate hanno un aroma più tenue e si usano sempre a fine cottura.
Nella cucina italiana viene adoperato nelle insalate, sulle patate lessate, nelle marinate, nella salsa per i pesci , per insaporire minestre e intingoli e sulla carne alla griglia, ma si accompagna anche a yogurt, panna acida e formaggi freschi.
I semi, molto profumati, sono ideali per aromatizzare l'aceto, e quindi le conserve. Famoso é l'aceto di aneto che si ottiene ponendo a macerare i capolini o i semi.
In cucina l'aneto viene usato oltre che per insaporire diverse pietanze anche per le sue proprietà digestive e sedative e fu impiegato, fin dai tempi antichi, anche in campo medico. Il suo olio essenziale ha caratteristiche aromatiche, rinfrescanti, digestive e antisettiche.
I semi d'aneto vengono masticati per rinfrescare l'alito. L'infuso di quest'erba favorisce la digestione, placa il singhiozzo e i crampi dello stomaco, allevia le flatulenze e l'insonnia.
L'aneto era conosciuto già da Egizi, che ne apprezzavano le virtù come calmante; é citato nella Bibbia come pianta pregiata al punto da venir usata, quale moneta, per il pagamento delle tasse.
Dai semi pestati e posti in infusione si ha un liquido utile per fare bagni rinforzanti alle unghie.
Gli antichi gladiatori pensavano che l’aneto accrescesse la loro forza e per questo condivano ogni loro pasto con i suoi semi; inoltre si coronavano il capo con questa pianta come simbolo di gioia.
Composizione:
La composizione della pianta di aneto è riportata nella tabella 1.

Tabella 1 – Contenuto centesimale della pianta di aneto.

 

Contenuto su 100 g di prodotto
Parte edibile
100 g
Carboidrati
55,82 g
Grassi
4,36 g
Proteine
19,96 g
Kcal
253 g
Fibre
13,6 g
Ferro
48,78 mg
Calcio
1784 mg
Vitamina C
50 mg

 



Top




Cervil (Anthriscus cerefolium (L.) Hoffm., 1814)

Taxonomy of the Cervil (Anthriscus cerefolium (L.) Hoffm., 1814) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Magnolopsida Brongniart, 1843
Subclass: Cornidae Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1994
Superorder: Aralianae Takht., 1967
Order: Araliales Reveal, 1996
Family: Apiaceae Lindl., 1836 o Umbelliferae A.L. de Jussieu, 1789
Subfamily: Apioideae Seem., 1866
Tribe: Scandiceae Spreng., 1820
Subtribe: Anthriscinae Caruel, 1889
Genera: Anthriscus Persoon, 1805
Speciess/Species: Anthriscus cerefolium (L.) Hoffm., 1814

Taxonomy of the Cervil (Anthriscus cerefolium (L.) Hoffm., 1814) according to APG II System
Angiosperms
Eudicodiledons
Eudicotiledoni o Angiosperme tricolpate
Nucleo delle tricolpate
Asteridi
Euasteridi II
Order: Apiales
Genera: Anthriscus Persoon, 1805
Speciess/Species: Anthriscus cerefolium (L.) Hoffm., 1814

Generalità
I sinonimi di Anthriscus cerefolium sono: Anthriscus trichosperma Spreng., 1820 (= Caucalis trichosperma Delile, 1778-1850).
I nomi comuni del cerfoglio sono: in italiano, “cerfoglio comune”; in inglese, “chervil”; negli Stati Uniti, “garden chervil”; in francese, “cerfeuil cultivé”; in tedesco, “kerbel”; in spagnolo, “perifollo”; in portoghese “cerefólo”; in olandese, “kervel”; in danese, “kørvel”.
Coltivato negli orti e qua e là inselvatichito, ad un’altitudine compresa tra 0 e1000 m. e nel periodo tra aprile e giugno. E’ molto appetito dalle lumache, per cui, in alcune zone, è credenza popolare proteggere il raccolto dai gasteropodi coltivando in piccole aree questa ombrellifera alimentandosi della quale faranno meno danni alle altre piante. Come pure, mettere alcuni rametti di cerfoglio nella dispensa terrà lontane le formiche.
Il cerfoglio contiene principi amari che conferiscono proprietà toniche, digestive e diuretiche.
Ha, inoltre, proprietà emollienti; perciò è utilizzato per curare contusioni, punture di insetto, occhi infiammati dal sole e dal vento, blefariti, geloni e nella preparazione di cataplasmi. Il decotto era usato anche per lavare le parti arrossate dei neonati. L'infuso può essere utilizzato per curare idropisia, coliche epatiche, reumatismi, gotta e dolori mestruali. È considerato un “purificatore” del sangue.
In cucina, é indicato dovunque possa essere usato il prezzemolo, al quale spesso è preferito per il suo sapore più delicato. Conferisce alle pietanze un gradevole e delicato sapore piccante e allo scopo basta dosarne modiche quantità. Nel caso di pietanze cotte, va aggiunto sempre a fuoco spento perché il calore ne altera l'aroma. Particolarmente indicato con le uova. È molto popolare in Francia dove è aggiunto ad omelette, insalate e zuppe; abbastanza raro da trovare in Italia. Viene anche usato come aromatizzante per liquori e aceti o, al posto della menta, per preparare bibite dissetanti. Il suo aroma particolare, tra anice e prezzemolo con un leggero richiamo di liquirizia, è utilizzato anche con i formaggi freschi, nelle omelette e nelle uova strapazzate. Come molte altre erbe profumate, il cerfoglio è utilizzato anche per insaporire il burro da utilizzare poi nelle varie ricette. Per prepararlo occorre innanzitutto un burro di buona qualità: si lascia ammorbidire a temperatura ambiente e poi si mescola al cerfoglio tritato, al pepe macinato, ad un pizzico di sale e a qualche goccia di limone. Il burro al cerfoglio può essere utilizzato per la cottura delle verdure, degli scampi alla griglia, delle paste ripiene o negli antipasti, spalmato sulle fette di pane fresco condite con pomodorini e olive snocciolate.

Botanica
Il cerfoglio è una pianta erbacea, annuale, esile, con odore aromatico, importata in Europa dai Romani dalla Russia meridionale, dal Caucaso o dal Medio Oriente. Si è ormai naturalizzata nella flora degli Stati Uniti, dell’Europa e nordafricana. In Italia cresce spontaneamente nei boschi e nei prati, limitatamente ad alcune regioni. La pianta (figura 29) può crescere dai 40 ai 70 cm. Ha fusto eretto, liscio. Ha foglie a lamina suddivisa, 3 pennatosette a contorno triangolare, che possono arricciarsi. Possiede piccoli fiori ermafroditi, con petali bianchi, riuniti in una infiorescenza ad ombrella di circa 2,5 cm di diametro e con 3-6 raggi. Brattee nulle; bratteole presenti riflesse. I frutti sono diacheni oblunghi e ovali, di circa 1 cm di lunghezza, nero lucidi a maturità.

Figura 29 – Pianta di Anthriscus cerefolium, adatta ad un orto familiare.

Le caratteristiche fenologiche di questa pianta sono:
• Forma biologica: T scap;
• Periodo di fioritura: IV-VI;
• Tipo corologico: Avv.;
• Altitudine (min/max): 0/1000 m.

Clima
Alla semina predilige un clima mite; durante il ciclo vegetativo ha bisogno di un clima temperato ombreggiato; prefiorisce con clima caldo e secco; ha un’elevata esigenza in fatto di acqua durante lo sviluppo. In terra impiega a germinare 6-10 giorni.

Terreno
Il terreno deve essere fresco e preferibilmente limoso. Pertanto, coltivare il cerfoglio in un terreno da giardino ben drenato e soffice; più il terreno è ricco di materia organica e più il cerfoglio ha aroma delicato. Annaffiare regolarmente in primavera e in estate.

Concimazione
È consigliabile l’uso del letame maturo.

Rotazione
Non deve seguire ad altre ombrellifere.
La consociazione non è conveniente, la semina in semenzaio non è praticata, il trapianto non è possibile data la delicatezza delle piantine.

Semina a dimora
Si effettua in marzo-aprile o in settembre. La distanza tra le file è 15-30 cm. La profondità di 0,5 cm. La quantità di seme per 100 m2 è di 15-25 g, mentre la quantità per mero lineare di fila è 0,05-0,08 g. Il diradamento sulla fila è effettuato considerando una distanza di sulla fila di 10-20 cm. S’impiegano 30-50 piante/m2.

Coltivazione in tunnel
È usata nel periodo invernale, procedendo con la semina in ottobre-febbraio. Il tunnel va asportato quando la temperatura minima è superiore a 15 °C, mentre va semplicemente aperto quando la temperatura massima supera i 20 °C.
Lavori colturali
Consistono semplicemente in sarchiature ripetute e frequenti irrigazioni.

Raccolta
Si esegue manualmente. In maggio-luglio e in ottobre-novembre. L’indice di raccolta è rappresentato dalla dimensione delle piante. Il cerfoglio occupa il terreno per 30-70 giorni e si raccoglie 30 giorni dopo la semina. La durata di raccolta è di circa un mese. La produzione è di 200-300 q/ha. La produzione per pianta è di 100-150 g.

Caratteristiche merceologiche
Si usano mazzetti con foglie lunghe 2 cm.

Conservazione
Si conserva alla temperatura di 0 °C, con U.R. del 95% e per una durata di 5-6 giorni. L’atmosfera controllata non è usata. Tuttavia, il cerfoglio ha un aroma molto delicato che si perde sia con l'essiccazione, sia con la surgelazione.

Produzione di seme
Può essere annuale o biennale. Le piante posseggono, come già detto, fiori ermafroditi riuniti in infiorescenze ad ombrella come tutte le apiacee. L’impollinazione è entomofila. Il corredo cromosomico 2n = 18. Gli incroci sono abbastanza facili. La distanza tra le cultivar per evitare impollinazioni incrociate deve essere di almeno 1500 m. Le piante madri vanno poste ad un sesto d’impianto di 50 x 70 cm. L’epoca d’impianto delle piante madri avviene in marzo-aprile. La fioritura e la maturazione dei frutti è scalare. L’epoca di raccolta dei semi è luglio-agosto ed avviene con lo sfalcio. La preparazione dei semi è basata sull’essicazione e sulla trebbiatura.

Semi
La conservazione della germinabilità è di 2-3 anni. La germinabilità media effettiva è del 75%. La germinabilità minima conveniente è 60%. Un grammo di seme contiene 450 semi. Il numero di semi per litro è pari a 170.000. Un litro di semi contiene 380 g di seme. 1.000 semi pesano 2,2 g. Per una buona conservazione del seme di cerfoglio, l’umidità del seme, in equilibrio con una U.R dell’aria del 50%, deve essere pari a 8% alla temperatura di 20 °C.

Composizione centesimale della pianta fresca
• Cenere: 3,47;
• Grassi: 0,5;
• Glucidi: 11,5;
• Acqua: 81,0;
• Proteine: 3,6.

I valori nutrizionali e la composizione, riferiti a 100 g di pianta secca, sono appresso indicati:
• Calorie (in kcal): 237;
• Calorie (in kj): 990;
• Grassi (g): 3,9;
• Carboidrati (g): 49,1;
• Proteine (g): 23,2;
• Fibre (g): 11,3;
• Acqua (g): 7,2;
• Ceneri (g): 16,6;
- MINERALI:
• Calcio (mg): 1346;
• Sodio (mg): 83;
• Fosforo (mg): 450;
• Potassio (mg): 4740;
• Ferro (mg): 31,95;
• Magnesio (mg): 130;
• Zinco (mg): 8,8;
• Rame (mg): 0,44;
• Manganese (mg): 2,1;
• Selenio (mcg): 29,3;
- VITAMINE:
• Retinolo (vitamina A) (mcg): 0;
• Vitamina A, RAE (UI): 5850;
• Tiamina (vitamina B1) (mg): 0,38;
• Riboflavina (Vitamina B2) (mg): 0,68;
• Niacina (Vitamina B3 o vitamina PP o antipellagra) (mg): 5,4;
• Piridossina (Vitamina B6) (mg): 0,93;
• Acido folico (Vitamina B9 o M o Folacina) (mcg): 0;
• Folato alimentare (mcg): 274;
• Folato, DFE (mcg di DFE): 274;
• Folati, totali (mcg): 274;
• Cobalamina (Vitamina B12) (mcg):0;
• Acido ascorbico (Vitamina C) (mcg): 50;
• Vitamina D (D2+D3) (mcg): 0;
• Colecalciferolo (Vitamina D) (UI) 0;
- ZUCCHERI
- LIPIDI:
• Acidi grassi, monoinsaturi (g) 1399;
• Acidi grassi, polinsaturi (g) 1,8;
• Acidi grassi, saturi (g) 0,169;
• Colesterolo (mg) 0;
- GRASSI SATURI:
• 4:0 (g) 0;
• 6:0 (g) 0;
• 8:0 (g) 0;
• 10:0 (g) 0;
• 12:0 (g) 0;
• 14:0 (g) 0;
• 16:0 (g) 0,169;
• 18:0 (g) 0;
- GRASSI MONOINSATURI:
• 16:1 indifferenziato (g) 0;
• 18:1 indifferenziato (g) 1,399;
• 20:1 (g) 0;
• 22:1 indifferenziato (g) 0;
- Grassi polinsaturi:
• 18:2 indifferenziato (g) 1,8;
• 18:3 indifferenziato (g) 0;
• 18:4 (g) 0;
• 20:4 indifferenziato (g) 0;
• 20:5 n-3 (g) 0;
• 22:5 n-3 0;
• 22:6 n-3 0;
- Aminoacidi
- Altro:
• Alcol etilico (g) 0;
• Caffeina (mg) 0;
• Teobromina (mg) 0.


Top




Sea Kale (Crambe maritima L.)

Taxonomy of the Sea Kale (Crambe maritima L., 1753) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906
Division or Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Subdivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Magnolopsida Brongniart, 1843
Subclass: Dilleniidae Takhtajan, 1967
Superorder: Capparanae Reveal, 1994
Order: Capparales J. Hutchinson, 1924
Suborder: Capparineae Engl., 1898
Family: Brassicacea Burnett, 1835 o Cruciferae A.L. de Jussieu, 1789
Tribe: Crambeae Coss., 1887
Genera: Crambe L. 1753
Species: Crambe maritima L., 1753

Sistematica del crambe (Crambe maritima L., 1753) according to APG II System
Angiosperms
Eudicotyledons
Eudicotyledons o Angiosperm tricolpate
Nucleo delle tricolpate
Rosids
Eurosids II
Order: Capparales J. Hutchinson, 1924
Genera: Crambe L. 1753
Species: Crambe maritima L., 1753

Generalità
È una pianta erbacea pluriennale (4-8 anni) nota soprattutto in Liguria. La parte edibile è costituita dalle foglie e dai piccioli fogliari che diventano teneri e croccanti a seguito di particolari tecniche di coltura. Viene coltivato in orti familiari. Si presenta come un comune cavolo, alto 75 cm e largo 60 cm. I fiori sono tipici delle crucifere di colore bianco (figura 30 e figura 31)

Figura 30 – Crambe maritima, molto simile ad una pianta di cavolo. Figura 31 – Cavolo marino in fase di fioritura.

Le caratteristiche fenologiche di questa specie sono:
• Forma biologica: T scap;
• Periodo di fioritura: III-IV;
• Tipo corologico: Medit.-Turan.;
• Altitudine (min/max): 0/300 m.

Clima
Alla semina e durante il ciclo vegetativo ha bisogno di un clima temperato. Durante lo sviluppo ha un’esigenza idrica elevatissima.

Terreno
Deve essere sciolto.

Rotazione
Non deve seguire ad altre crucifere, ombrellifere, cucurbitacee, fagioli.
La consociazione non è possibile.

Semina in semenzaio
Si effettua in marzo-maggio. La distanza tra le file è 10-15 cm. La profondità di 2,0 cm. Il diradamento sulla fila è effettuato considerando una distanza sulla fila di 15 cm.

Trapianto
Si effettua in aprile-maggio, 350-370 giorni dopo la semina, quando le piantine hanno un’altezza di 20 cm e 4-5 foglie. Le piantine non hanno bisogno di particolare preparazione e si mettono a dimora 2 piante per m2. Le distanza tra le file è di 100 cm, quelle sulla fila di 50 cm. Nell’effettuare l’operazione di trapianto bisogna avere cura a non interrare il colletto.

Impianto a dimora
Si esegue nel periodo invernale, La distanza tra le file è 100 cm, quella sulla fila di 50 cm. La profondità d’impianto si regola fino a coprire con terra il germoglio più basso.

Lavori colturali
La scerbatura è indispnsabile, la rincalzatura è utile, le irrigazioni sono ripetute ed indispensabili, i trattamenti antiparassitari non si effettuano, come pure i trattamenti con diserbanti. Importante è l’imbiancatura che si esegue per una durata di 20-30 giorni.

Raccolta
Si esegue manualmente in ottobre-dicembre. L’indice di raccolta è rappresentato dall’altezza di germogli che devono essere 15-20 cm alti. La durata della raccolta è di 3-6 settimane. La produzione è di 500-1000 q/ha. La produzione per pianta è di 100-150 g.

Semi
La durata della germinabilità è di 1-2 anni. Un grammo di seme contiene 15-18 semi. Il numero di semi per litro è pari a 3000-3600. Un litro di semi contiene 200 g di seme. 1.000 semi pesano 55-60 g.

Composizione centesimale della pianta fresca
• Calorie per 100 g: 13-22;
• Acqua: 90-94;
• Grassi: 0,3;
• Proteine: 2-3,5;
• Zuccheri: 0,7-1,2;
•Altri carboidrati: 0,1.
- SALI MINERALI:
• Calcio (mg): 35-63;
• Sodio (mg): 20;
• Fosforo (mg): 35-63;
• Ferro (mg): 0,6-0,9;
• Magnesio (mg): 67.
- VITAMINE:
• Vitamina A (UI): 10-4600;
• Vitamina B1 (mg): 0,04-0,16;
• Vitamina B2 (mg): 0,04-0,1;
• Niacina (Vitamina B3 o vitamina PP) (mg): 0,3-0,5;
• Acido ascorbico (Vitamina C) (mg): 26-87.

Top




Ice Plant (Mesembryanthemum cristallinum L. 1753)

Taxonomy of the Ice Plant (Mesembryanthemum cristallinum L. 1753 according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass: Caryophyllidae Takht., 1967
SuperOrdo/ SuperOrdine: Caryophyllanae Takht., 1967
Order: Caryophyllales Perleb, 1826
Family: Aizoaceae F. Rudolphi, 1830
Subfamily: Mesembryanthemoideae Burnett., 1835
Tribe: Mesembryanthemeae Benth. & Hook.f., 1867
Genera: Mesembryanthemum L. 1753
Species: Mesembryanthemum cristallinum Linneo, 1753

Taxonomy of the Ice Plant (Mesembryanthemum cristallinum L. 1753 according to APG II System
Angiosperms
Eudicots
Core
Order: Caryophyllales Perleb, 1826
Family: Aizoaceae F. Rudolphi, 1830
Genera: Mesembryanthemum L. 1753
Species: Mesembryanthemum cristallinum Linneo, 1753


I sinonimi del nome specifico di questa interessante specie orticola minore sono: Cryophytum crystallinum (L.) N.E.Br., 1926 e Gasoul crystallinum (L.) Rothm., 1941.
I nomi comuni sono: in italiano “erba cristallina comune”; in inglese “ice plant”; negli Stati Uniti è nota come “common iceplant”; in francese “ficoîde glaciale”; in tedesco “eiskraut”; in spagnolo “escarchosa”; in portoghese “barrilha”.
È originariamente nativa dell’Africa meridionale ed attualmente è diffusa in Arizona e California e nella Pennsylvania negli Stati Uniti, in Europa, dove é arrivata nel 18° secolo (nel 19° secolo è giunta nelle isole Canarie) ed in Italia, limitatamente a poche regioni. Ora si è diffusa anche nell’Australia meridionale e nelle aree costiere del Giappone.
Il nome generico Mesembryanthemum viene dal greco mesembria = “mezzogiorno” and anthemon = “fiore” e si riferisce proprio al fatto che i fiori si aprono solo quando il sole è più forte, quindi a mezzogiorno. Il nome della famiglia, Aizoaceae, viene dal greco aizoon = “sempiterno”, a descrizione della robustezza di questa pianta.
Si sviluppa su suoli sabbiosi, argillosi, persino salini dove arriva a coprire un'area fino a 0,7 m² sotto il sole cocente.
In natura, di norma, vegeta d’inverno in occasione della stagione delle piogge formando spesso dei cespi. Conservano le riserve d’acqua durante la secca estiva, cadendo in una forma di letargo oppure utilizzano l'umidità contenuta nelle vecchie foglie per crearne di nuove.
L’erba ghiacciola può essere considerata una "specialista nella fornitura di acqua" e se nel deserto africano, in mancanza d’acqua, non si vuole morire di sete, bisogna ricorrere all’uso di questa specie. Infatti, le foglie, verdi (figura 32) o di un rosso intenso sono spesse, succose, ricoperte da piccole vescicole trasparenti piene d’acqua che sembrano minuscole e brillanti gocce di rugiada gelata o cristalli. Da luglio a settembre l’erba cristallina è ricoperta da numerosi fiori che vanno dal bianco al rosso con i petali a raggiera (figura 33). Questa abbondanza contrasta con la radice, che è lunga solo pochi centimetri e dà l'impressione che la sua funzione sia solo quella di ancorare la pianta al terreno piuttosto che rifornirla di acqua. I fiori sono ermafroditi e solitari, sono vistosi e luccicanti per attirare gli insetti pronubi. La fioritura avviene, per la stragrande maggioranza, in primavera e continua, mediamente, per 3-4 settimane. Le ore preferite per l’apertura dei fiori sono quelle intorno a mezzogiorno Il frutto è una cassula e anch’esso può ricoprirsi di vescicole trasparenti piene d’acqua (figura 34).

Figura 32 – Piantina di erba ghiacciola allevata in vasetto. Figura 33 – Erba ghiacciola in fase di fioritura, con fiori singoli ed ermafroditi. Figura 34 – Cassula di Mesembryanthemum cristallinum ricoperta di vescicole ripiene di acqua.

Le caratteristiche fenologiche sono le seguenti: • Forma biologica: T scap;
• Periodo di fioritura: IV-VI;
• Tipo corologico: S-Medit.-Mont.;
• Altitudine (min/max): 0/0 m.

L’erba ghiacciola può essere destinata ad un orto familiare, necessita di una modesta umidità alla semina, ma ha esigenze idriche modestissime durante lo sviluppo.
La durata della germinabilità dei semi è di 5 anni; il numero di semi in un litro è pari a 3.800.000, corrispondente ad un peso 760 g; il numero si semi per grammo è di 5.000; 1.000 semi pesano 0,2 g.
Vengono riportate alcune notizie, ricavate dalla letteratura scientifica, che riguardano questa specie orticola minore.
In che modo l'erba cristallina riesce a vivere in climi così caldi? Ci riesce "trattenendo il respiro" durante il giorno. Normalmente le piante assorbono anidride carbonica durante il giorno e la trasformano in zucchero e ossigeno con l'aiuto della luce solare. La pianta respira attraverso i pori delle foglie ma contemporaneamente attraverso di loro perde anche acqua.
Così l'erba cristallina chiude i cosiddetti stomi durante il giorno e respira solo dopo il tramonto. L'anidride carbonica immagazzinata viene legata a una molecola e trasformata in zucchero e ossigeno solo al mattino seguente attraverso la fotosintesi.
Questa pianta ha anche un'altra strana peculiarità, accumula sale. Qualsiasi altra pianta morirebbe se esposta a troppo sale. Ce ne accorgiamo ad esempio durante gli inverni più aspri dove il sale viene distribuito sulle strade ghiacciate e danneggia la vegetazione. Ma questa pianta addirittura trae sale dall'aria nelle aree costiere, se il suolo non è sufficientemente salino.
Il sale stimola la produzione degli acidi della frutta nella pianta. E questi, insieme agli alcoli dello zucchero, all'abbondante magnesio e all’aminoacido prolina, creano un naturale fattore di ritenzione dei liquidi. Questi componenti praticamente attirano e trattengono la minima umidità presente nel loro ambiente naturale.
Ne è impressionante dimostrazione il fatto che la pianta, dopo essere stata raccolta, si mantiene fresca per molte settimane, sorprendendoci per la riserva d'acqua che si trova nelle sue brillanti foglie.
Il colore rosso delle foglie completa la protezione dall’eccessivo calore. Questa colorazione deriva dalle cosiddette β-cianine, pigmenti che assorbono la luce e così danno una protezione naturale contro il sole.
A causa del suo alto contenuto in sale l'erba cristallina rende salino il suolo in cui cresce e lo rende ostile alla crescita di altre piante; di conseguenza l'abitudine di piantarla per prevenire l'erosione dei terreni è stata ora abbandonata.
Le foglie del Mesembryanthemum cristallinum sono simili a quelle dello spinacio. Gli abitanti del Sud dell’Africa masticano le foglie fermentate. Alle Canarie la pianta viene di solito utilizzata per ottenere la soda (Na2CO3) che si trova in grandi quantità nella cenere. Questa è l’origine di uno dei suoi nomi germanici “pianta della soda”. E’ stata, per caso, un'infermiera, Waltraud Marschke, a scoprirne poteri terapeutici nell'isola di Lanzarote, una delle Canarie.
Nel 1988, dopo una serie di esperimenti, il risultato della sua ricerca venne pubblicato ottenendo immediatamente ampio consenso. L'erba cristallina doveva essere impiegata nella cosmesi. Trattandosi di una pianta che si adatta così bene al sole, essa deve di conseguenza poter aiutare la pelle durante l’esposizione ai raggi solari. Una pianta in grado di trattenere l'umidità e quindi di idratare e calmare la pelle è il componente ideale da aggiungere alla formulazione di un nuovo prodotto solare.
Altri usi di questa pianta sono basati sul fatto che abbia un’azione diuretica. Il succo fresco pressato della pianta, che ha un sapore nauseante, è noto per essere un rimedio diuretico e diluitore delle urine in caso di idropisia e disuria, anche se con poca evidenza. Questa pianta è utilizzata per l'ascite (accumulo di fluidi nell'addome), la dissenteria, epatopatie, nefropatie e infiammazioni polmonari. Per uso esterno, allevia il prurito, il dolore, l’arrossamento e l'edema cutaneo.
Componenti Acqua, sali minerali (magnesio), acidi della frutta, alcoli dello zucchero, aminoacidi (prolina), flavonoidi, betaina

Top




Wonderberry or Garden Buckleberry, Berry Nightshade, Black Nightshade (Solanum nigrum L.)

Taxonomy of the Wonderberry or Garden Buckleberry, Berry Nightshade, Black Nightshade (Solanum nigrum L. 1753) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Magnoliopsida
Subclass: Asteridae Brongniart, 1843
Superorder: Solananae R. Dahlgren ex Reveal, 1992
Order: Solanales Dumortier, 1829
Suborder: Solanineae Engl., 1898
Family: Solanaceae A.L. de Jussieu, 1789
Subfamily: Solanoideae Kostel., 1834
Tribe: Solaneae Dumort., 1829
Subtribe: Solaninae Dunal in DC., 1852
Genera: Solanum L. (1753)
Species: Solanum nigrum Linneo, 1753

Taxonomy of the Wonderberry (Solanum nigrum L. 1753) according to APG II System
Eudicotiledons
Tricolpate basali
Asterids
Euasterids I
Order: Solanales Dumortier, 1829
Family: Solanaceae A.L. de Jussieu, 1789
Genera: Solanum L. 1753
Species: Solanum nigrum Linneo, 1753


Generalità e diffusione
È originaria dell’Europa ed è ora diffusa negli Stati Uniti, in quasi tutta l’Europa ed in Italia. È diffusa anche in Asia ed in Australia, dove probabilmente si è naturalizzata in seguito ad una sua successiva introduzione.
Pertanto, il suo tipo il tipo corologico (area di origine) è cosmopolita (sinantropico), ma anche Eurasiatico.
In Italia, come già detto, è diffusa su tutto il territorio (isole comprese). Anche fuori dall'Italia la è frequente su tutte le alture europee, sui Pirenei e nei Balcani. È una pianta molto comune e quasi infestante specialmente per le colture del mais e della bietola e di altre colture erbacee ed arboree (il tipo di danno è dovuto soprattutto alla sottrazione di azoto e spazio).
L’habitat tipico per questa specie è rappresentato dagli incolti e ruderi; ma anche bordi dei sentieri e strade. Si trova facilmente negli orti, nelle vigne o campi di granoturco; e nei terreni che spesso si sarchiano per togliere le malerbe. Il substrato preferito è calcareo oppure calcareo-siliceo con un pH basico, ad alto valore nutrizionale e mediamente umido.
Circa la diffusione altitudinale l’erba morella si può trovare dal piano fino a 900 m s.l.m. per cui si può sicuramente affermare che frequenta i primi due piani vegetazionali: il piano collinare ed il piano montano.
In Italia questa specie è nota con il nome di “erba morella”, “morella comune”, “pomidorella”, “ballerina”, “erba puzza”, “iritrigno”, “uva lupina”, “sondra”, “solatro ortolano”, “cerasella selvaggia”. In inglese si chiama “wonderberry”, “garden buckleberry”, “berry nightshade”, “black nightshade”; negli Stati Uniti “terong meranti”; in Francia “morelle noire”; in Germania “nachtschatten spinat” o “schwarzer nachtschatten”; in Spagna “hierba mora”; in Portogallo “erva-moura”; in Olanda “zwarte nachtschade”; in Danimarca “sart natskygge”.
Qualora dovesse essere coltivata si ricorda che il ciclo di coltivazione è annuale. Una volta si utilizzavano solo i frutti sicuramente maturi, poiché quelli verdi sono velenosi per la presenza di solanina. La destinazione di questa specie, con riferimento a specifiche sottospecie e particolari selezioni, è l’orto familiare.

Variabilità
La specie è dotata di un’ampia variabilità, sia come morfologia, sia come portamento il che giustifica il lungo elenco di sottospecie, varianti e sinonimi che esso genera: le piante possono essere sia annue sia perennanti; sia erbacee che suffrutici; il colore della bacca, che è normalmente nero, può essere rosso-miniato, ma anche verde oppure giallo; la corolla è generalmente bianca, ma può assumere anche colorazioni violacee; può variare molto anche in grandezza; l'infiorescenza può essere racemosa come ombrelliforme più o meno allungata; varia il tipo di pelosità (può essere a peli semplici o ghiandolari ma anche tomentosa); varia infine il tipo di margine delle foglie, che può essere intero, dentato-angoloso oppure sinuato-dentato.
In climi più caldi (sul nostro territorio questo avviene nel meridione) si nota il passaggio ad un ciclo perenne con piante suffruticose, quindi con fusti lignificati alla base. Si riporta un elenco, stilato anche in relazione al fatto che per alcuni autori esistono molti sinonimi della specie principale e anche di altre specie, in cui sono indicate alcune sottospecie presenti sul territorio italiano: • Solanum nigrum L. proles alatum (Moench) Rouy (1908); sinonimo = S. villosum subsp. miniatum;
Solanum nigrum L. proles ochroleucum (Bast.) Rouy (1908); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. subsp. alatum (Moench) Celak. (1871); sinonimo = S. luteum Mill. subsp. alatum (Moench) Dostál;
Solanum nigrum L. subsp. chacoense Hassl. (1909);
Solanum nigrum L. subsp. chlorocarpum (Spenn.) Arcang. (1882); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. subsp. dillenii (Schult.) Nyman (1881); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. subsp. erectum;
Solanum nigrum L. subsp. humile (Bernh.) Marzell; sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. subsp. humile (Willd.) Hartman (1846); sinonimo = S. villosum subsp. villosum;
Solanum nigrum L. subsp. luteovirescens (C.C.Gmel.) Kirschl. (1852); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. subsp. luteum (Mill.) Kirschl. (1852); sinonimo = S. luteum Mill. subsp. luteum;
Solanum nigrum L. subsp. miniatum (Bernh. ex Willd.) Arcang.; sinonimo = S. luteum Mill. subsp. alatum (Moench) Dostál;
Solanum nigrum L. subsp. miniatum (Willd.) Hartman (1846); sinonimo = S. villosum subsp. miniatum;
Solanum nigrum L. subsp. moschatum (C.Presl) Arcang. (1882); sinonimo = S. nigrum L. subsp. schultesii (Opiz) Wessely;
Solanum nigrum L. subsp. nigrum: in questa sottospecie il fusto e le foglie sono subglabre (eventualmente sono presenti dei peli semplici); il margine delle foglie può essere intero o dentato in modo ottuso o anche lobato;
Solanum nigrum L. subsp. ochroleucum (Bast.) Corb. (1894); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. subsp. schultesii (Opiz) Wessely (1960); sinonimi = S. decipiens Opiz; = S. nigrum L. subsp. moschatum (C.Presl) Arcang.; = S. moschatum C. Presl subsp. parviflorum (Badarò) Nyman – morella di Schultes: questa sottospecie possiede dei peli patenti, il più delle volte ghiandolari; la lamina fogliare difficilmente è intera;
Solanum nigrum L. subsp. stenopetalum (A.Braun) Arcang.; sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. subsp. villosum (L.) Ehrh. (1780); sinonimo = S. luteum Mill. subsp. luteum;
Solanum nigrum L. var. aguaraquiya Reiche;
Solanum nigrum L. var. americanum (Mill.) O.E. Schulz (1909); sinonimo = S. americanum;
Solanum nigrum L. var. amethystinum Kuntze (1891);
Solanum nigrum L. var. atriplicifolium G. Mey;
Solanum nigrum L. var. atriplicifolium Desportes (1838); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. var. dillenii A. Gray (1878);
Solanum nigrum L. var. douglasii (Dunal) Gray; sinonimo = S. douglasii;
Solanum nigrum L. var. flavum (Dunal) Rouy (1908); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. var. grossedentatum (A. Rich.) De Wild. (1922) ;
Solanum nigrum L. var. humile (Bernh. ex Willd.) C.Y. Wu & S.C. Huang (1978);
Solanum nigrum L. var. luteovirescens Desportes (1838); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. var. melanocerasum (All.) Dunal in DC. (1852); sinonimo = S. scabrum;
Solanum nigrum L. var. miniatum (Willd.) Cariot & St-Lager (1889); sinonimo = S. nigrum subsp. miniatum;
Solanum nigrum L. var. minor Hook. f. (1847);
Solanum nigrum L. var. nigrum;
Solanum nigrum L. var. nodiflorum (Jacq.) A. Gray (1878);
Solanum nigrum L. var. ochroleucum (Bast.) P. Fourn. (1937), non Woods; sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. var. patulum L. (1753);
Solanum nigrum L. var. pauciflorum Liou (1935);
Solanum nigrum L. var. pilcomayense (Morong) Chodat (1902);
Solanum nigrum L. var. rigidum Dunal (1852);
Solanum nigrum L. var. schultesii (Opiz) Rouy (1908); sinonimo = S. nigrum subsp. schultesii;
Solanum nigrum L. var. stenopetalum Döll (1845); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. var. stylosum Witasek ex Reiche;
Solanum nigrum L. var. suaveolens G. L. Guo;
Solanum nigrum L. var. suffruticosum (Schousboe ex Willd.) Moris (1858); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum);
Solanum nigrum L. var. tauschii (Opiz) Rouy (1908); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum;
Solanum nigrum L. var. villosum L. (1753); sinonimo = S. villosum;
Solanum nigrum L. var. violaceum Chen ex Wessely (1960);
Solanum nigrum L. var. virginicum L. (1753); sinonimo = S. americanum;
Solanum nigrum L. var. vulgare L. (1753); sinonimo = S. nigrum subsp. nigrum.
Questa specie, con tutte le sue varianti, presenta un corredo cromosomico che normalmente viene indicato con tre numeri: 2n = 24-48-72. Ciò dimostra l’estrema variabilità e la presenza di ibridi tetraploidi e esaploidi.

Botanica
Queste piante in genere sono ascendenti; il fusto può essere eventualmente prostrato solo nella parte basale. L'altezza varia da 10 a 70 cm (figura 35) . La forma biologica è terofita scaposa (T scap), ossia sono piante erbacee che differiscono dalle altre forme biologiche poiché, essendo annuali, superano la stagione avversa sotto forma di seme, sono inoltre munite di asse fiorale eretto. Tutta la pianta (fusto e foglie) si presenta, a volte, come se fosse clorotica.
Le radici sono fibrose e fittonanti.
Il fusto è molto ramoso (a ramificazione divaricata), non è spinoso ed ha una sezione cilindrica e superficie striata (2 strie longitudinali). Nella parte basale può essere legnoso, mentre in alto è sempre erbaceo. Si presenta inoltre succoso (quasi vischioso-peloso) e dall’odore muschiato. Il colore del fusto può essere porporino.
Le foglie lungo il fusto sono a disposizione alterna (in realtà sono spiralate e senza stipole). Il picciolo è parzialmente alato. La forma della lamina va da lanceolata a ovata (può essere anche romboide) ed è asimmetrica, mentre il bordo è sinuoso-dentato. La consistenza delle foglie è fragile. Lunghezza del picciolo: 1 – 3 cm. Dimensione delle foglie: larghezza 3–5 cm; lunghezza 5–8 cm.
L’infiorescenza è di tipo extra-ascellare e più o meno cimosa-corimbosa con pochi fiori (da 3 a 5, massimo 10) bratteolati. L’infiorescenza ha un suo peduncolo eretto-patente, e i singoli fiori sono pedicellati. Lunghezza dei peduncoli alla fruttificazione: 14–30 mm.
I fiori (figura 36) sono ermafroditi, attinomorfi, tetra-ciclici (formati cioè da 4 verticilli: calice – corolla – androceo – gineceo) e pentameri (calice e corolla formati da 5 elementi). Diametro dei fiori: 8–12 mm. La formula fiorale è K (5), [C (5), A 5], G (2) (supero). Il calice, di dimensione di 2,5 mm, a forma di cono, è gamosepalo, diviso in 5 segmenti di forma ovata, apice ottuso e seni acuti. La superficie del calice è scarsamente pubescente. La corolla (ipogina) è simpetala e brevemente tubolare (il tubo è molto più corto dei lobi), rotata e di colore bianco. I petali, di lunghezza di 6 mm, hanno una forma lanceolata e apice acuminato ed alla fine dell’infiorescenza si ripiegano all'indietro. L’androceo comprende gli stami in numero di 5 (inseriti nel tubo corollino) con antere connate di forma ovato-ellittica e riunite insieme a formare una specie di colonnetta a cono. Le antere, di colore è giallo carico, sono deiscenti alla sommità per due pori. Il poro di deiscenza occupa tutta la larghezza della loggia. Il gineceo comprende l’ovario (a due loculi), supero, formato da due carpelli; e lo stilo è unico con stimma bilobo (o bifido). La fioritura avviene da marzo a novembre. L’impollinazione è entomofila.
Il frutto è una piccola bacca ovata (figura 37 e figura 38), di 6–7 mm di dimensione ed è diviso in diverse logge contenenti i semi. Il colore delle bacche è verde (per la presenza di solanina) e poi nero lucido, mentre la forma è ovoidale (più lunga che larga). Alla base il frutto è avvolto dal calice che è persistente. A maturazione si presentano come dei grappoli appesi.
I semi (figura 39) sono a forma discoidale o reniforme ed hanno una germinabilità di 5 anni. Un grammo contiene 800 semi; 1 litro contiene 600 g di semi.

Figura 35 – Giovane pianta di Solanum nigrum. Figura 36 – Fiori tipici della famiglia delle Solanacee. Figura 37 – Frutti immaturi ricchi in solanina. Figura 38 – Frutti maturi neri a piccoli grappoli. Figura 39 – Semi tipici della famiglia delle Solanacee.


Cucina
Si sconsiglia l’uso alimentare in quanto pianta generalmente tossica anche se la sua effettiva tossicità viene a volte messa in discussione. La pianta è da considerarsi tossica come tutte le solanacee, anche se qualche giovane germoglio può essere usato, ben cotto, nelle minestre primaverili. Un tempo in Europa si consumavano le foglie, ma anche i frutti (ora non più). In realtà, grazie al grande polimorfismo di questa pianta, in America, si è riusciti a creare una varietà, chiamata “garden huckliberry”, senz’altro non tossica, i cui frutti sono usati in cucina per ricavarne conserve e dolciumi. Questo dimostra che la tossicità di questa pianta è anch’essa un aspetto variabile e dipende dalle zone e dalla sottospecie.
Sono eduli invece le bacche di certi ceppi che crescono in India; queste profumano di pomodoro. Anche in Etiopia le bacche mature vengono normalmente mangiate dai ragazzini.
Questa pianta è conosciuta e usata fin dall’antichità. Uno dei tanti componenti era l’unguento populeo, consigliato solo per uso esterno, data la sua velenosità, specialmente per le periartriti e per l'azione antalgica locale. Sempre anticamente, le foglie venivano usate contro le ustioni. Sembra, inoltre, che insieme ad altre erbe sia stata una delle prime sostanze usate per addormentare i pazienti durante gli interventi chirurgici.
Da questa pianta si ottengono principi attivi come i gluco-alcaloidi (quelli della dulcamara) sia pure in minor quantità. Tutta la pianta può considerarsi velenosa, specie le bacche immature color verde. Tra le proprietà farmaceutiche ricordiamo quelle antispasmodiche. analgesiche. sedative, emollienti, febbrifughe, diuretiche e purganti. In omeopatia viene usata in caso di vertigini, crampi. emicranie. L’uso farmacologico di questa pianta è assolutamente riservato ai medici. In letteratura si legge che 10 bacche possono essere sufficienti a provocare una paralisi degli organi motori e delle fibre sensitive. In Francia l’erba morella è detta erba crepa-cane, a ricordare la pericolosità di questa pianta.

Top




Buck's-Horn Plantain (Plantago coronopus L. var. sativa Fiori)

Taxonomy of the Buck's-Horn Plantain (Plantago coronopus L. var. sativa Fiori) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass: Lamiidae Takht. ex Reveal 1993
Superorder: Lamianae Takht., 1967
Order: Lamiales Bromhead, 1838
Suborder: Lamiineae Bessey in C.K. Adams, 1895
Family: Plantaginaceae A.L. de Jussieu, 1789
Subfamily: Plantaginoideae Eaton, 1836
Tribe: Plantagineae Dumort., 1829
Subtribe: Solaninae Dunal in DC., 1852
Genera: Plantago L. (1753)
Species: Plantago coronopus L. var. sativa Fiori Linneo, 1753

Taxonomy of the Buck's-Horn Plantain (Plantago coronopus L. var. sativa Fiori) according to APG II System
Eudicotiledons
Tricolpate basali
Asterids
Euasterids I
Order: Lamiales Bromhead, 1838
Family: Plantaginaceae A.L. de Jussieu, 1789
Genera: Plantago L. (1753)
Species: Plantago coronopus L. var. sativa Fiori Linneo, 1753


Generalità e diffusione
Originaria dell’Europa è ora diffusa negli Stati Uniti, nella stessa Europa e in tutta l’Italia. In Italia, seconda delle zone, è conosciuta con i nomi di “erba stella”, “erba minutina”, “barba di cappuccio”, “piantaggine barbatella” o semplicemente “piantaggine” o “barbatella”, “coronopo”, “erba a corna di cervo”; in inglese è chiamata “buck's-horn plantain”, negli U.S.A. ”buckhorn plantain”, in Francia “corn de cerf”.
Quest’erba, facilmente riconoscibile per le foglie minute e riunite in belle rosette, cresce spontanea quasi ovunque in Italia ed é diffusissima soprattutto nelle zone costiere su terreni sabbiosi o salmastri. A differenza delle altre comuni “piantaggini”, pregevoli solo in quanto hanno proprietà medicinali, viene apprezzata anche come ortaggio; infatti, le foglie sono commestibili e saporite sia crude, se tenere, sia cotte, da sole o miste ad altre erbe spontanee o coltivate. Si tratta di una pianticella erbacea biennale o perenne (figura 40), che negli orti si coltiva come annuale.
Le foglie, che sono riunite a formare delle belle rosette, crescono quasi aderenti al terreno se le piante sono rade, oppure, in coltura fitta, assumono uno sviluppo eretto e sono sottili, lunghe fino a 25 centimetri, spesse, con qualche piccola lacinia e di colore verde intenso (figura 31). Pertanto, le foglie sono strette, lunghe fino a 20 cm, e larghe 1,5-2,2 x 01-1,5 cm, lineari o oblanceolate, generalmente pennatifide o bipennatifide, con lobi interi o dentati, a volte sub-intere, glabre o vellutate.
L’erba minutina ha un ciclo naturale biennale, ma in coltura diventa annuale. Gli scapi fiorali (figura 41), sono alti 5-30 cm, generalmente più lunghi delle foglie, e terminano con una spiga cilindrica di 2-10 cm (figura 42). I fiori sono ermafroditi ed unisessuali, sono riuniti in infiorescenze a spiga , cilindriche allungate portate da peduncoli che si irradiano verso l’alto e verso l’esterno a corona; sono avvolti da piccole brattee fiorali a forma ovale più o meno acuminate, con margine scarioso e ciliato; sono lunghi circa 3 mm, sepali 2-3 mm, con margine asimmetrico, quelli anteriori saldati a 1/5 della lunghezza; corolla regolare con tubo pubescente. I frutti sono capsule triloculari, con 3 -4 semi ellitici piano convessi. Il corredo cromosomico 2n è 10 o 11 o 30.
Figura 40 – Pianta di Plantago coronopus tipica per l’aspetto rosettiforme. Figura 41 – Plantago coronopus con i tipici scapi fiorali a pannocchia. Figura 42 – Pannocchie mature pronte per la produzione di seme.
Per quanto sia così comune allo stato spontaneo, chi la apprezza preferisce coltivarla perchè le foglie delle piante selvatiche sono quasi sempre dure e ispide; invece le foglie delle piante coltivate nell’orto sono molto piu tenere e piu gustose, purchè si abbia l’avvertenza di innaffiare di recidere i cespi al piede almeno una volta al mese per favorire nuovi ricacci.

Coltivazione
La semina si esegue da aprile a settembre a file distanti 20 cm, come si usa per la cicoria “spadona” da taglio. La densità d’investimento è di 25 piante/m2. La profondità di semina è di 0,5 cm. La quantità di seme per ara è di 10 g. Il diradamento si effettua sulla fila a 15-20 cm. La scerbatura deve essere ripetuta, l’irrigazione é utile, i trattamenti antiparassitari normalmente non sono praticati. L’indice di maturazione è correlato alla dimensione del cespo La coltura orticola occupa il terreno per 4 mesi. La raccolta è scalare, inizia dopo 80-100 giorni dalla semina e si esegue ogni 25-35 giorni, recidendo le foglie quasi a livello del terreno. La raccolta prosegue fino all’autunno e, se il clima é mite e se la coltura e protetta, anche durante l’inverno. All’inizio della primavera si esegue I’ultimo taglio prima che si sviluppino gli scapi fiorali e poi si rinnova la coltura. La produzione è destinata al consumo familiare ed ammonta a 150 kg/ara.
Circa la produzione di seme, questo si ottiene dalle piante madri la cui distanza d’impianto è di 40 x 40 cm. Le piante madri s’impianta a fine inverno. La fioritura e la maturazione è scalare. La raccolta dei semi avviene in luglio-settembre, mediante sfalci (figura 33). I semi si preparano mediante essiccazione e trebbiatura.
La durata di germinabilità dei semi è di 3-4 anni. Un grammo contiene 4.000 semi ed un litro ne contiene 2.950.000. 1 litro contiene un peso di semi pari a 740 g. Il peso di 1.000 semi è 0,25 g. Bisogna prestare attenzione alla produzione del seme, poiché quest’ultimo può essere veicolo di diffusione di nematodi e virus.
La minutina merita di essere conosciuta e coltivata, dato che é rusticissima e poco esigente di cure e, giustamente, viene apprezzata dai buongustai.
La piantaggine è sempre stata raccolta dall’uomo fin dai tempi più antichi. Questa pianta fu molto apprezzata nel Medioevo dalla scuola medica salernitana. Dato che era usata per eliminare ogni tipo di durezza, facilitando i movimenti sciolti era chiamata anche “centonervi”. Gli Indiani d’America la chiamarono “orma d'uomo bianco”, dato che la vedevano comparire e inserirsi nei loro territori con l'avanzare dei coloni europei.

Cucina
Può essere utilizzata cotta o usata come insalata da sola o mista. In quest’ultimo caso gli ingredienti sono: 2 ciuffi di finocchio selvatico, 2 manciate di foglie di tarassaco, un ciuffo di erba cipollina, un pò di foglioline di piantaggine, qualche foglia di menta, qualche fiore di edera terrestre, olio extra vergine d’oliva, limone, sale e pepe.

Top




Tarragon (Artemisia dracunculus L.)

Taxonomy of the Tarragon ( Artemisia dracunculus L.) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass: Asteridae Takht., 1967
Superorder: Asteranae Takht., 1967
Order: Asterales Lindl., 1833
Family: Asteraceae Dumortier, 1822 o Compositae Giseke, 1792
Subfamily: Artemisioideae Burmeist., 1837
Tribe: Artemisieae Kostel., 1833
Subtribe: Artemisiinae Less., 1830
Genera: Artemisia L. (1753)
Species: Artemisia dracunculus Linneo, 1753

Taxonomy of the Tarragon ( Artemisia dracunculus L.) according to APG II System
Eudicotiledons
Tricolpate basali
Asterids
Euasterids II
Order: Asterales Lindl., 1833
Family: Asteraceae Dumortier, 1822 o Compositae Giseke, 1792
Genera: Artemisia L. (1753)
Species: Artemisia dracunculus Linneo, 1753


Generalità e diffusione
Originaria dell’Europa è ora diffusa negli Stati Uniti, nella stessa Europa e in tutta l’Italia. In Italia, seconda delle zone, è conosciuta con i nomi di “erba stella”, “erba minutina”, “barba di cappuccio”, “piantaggine barbatella” o semplicemente “piantaggine” o “barbatella”, “coronopo”, “erba a corna di cervo”; in inglese è chiamata “buck's-horn plantain”, negli U.S.A. ”buckhorn plantain”, in Francia “corn de cerf”.
Quest’erba, facilmente riconoscibile per le foglie minute e riunite in belle rosette, cresce spontanea quasi ovunque in Italia ed é diffusissima soprattutto nelle zone costiere su terreni sabbiosi o salmastri. A differenza delle altre comuni “piantaggini”, pregevoli solo in quanto hanno proprietà medicinali, viene apprezzata anche come ortaggio; infatti, le foglie sono commestibili e saporite sia crude, se tenere, sia cotte, da sole o miste ad altre erbe spontanee o coltivate. Si tratta di una pianticella erbacea biennale o perenne (figura 43), che negli orti si coltiva come annuale.
Le foglie, che sono riunite a formare delle belle rosette, crescono quasi aderenti al terreno se le piante sono rade, oppure, in coltura fitta, assumono uno sviluppo eretto e sono sottili, lunghe fino a 25 centimetri, spesse, con qualche piccola lacinia e di colore verde intenso (figura 44). Pertanto, le foglie sono strette, lunghe fino a 20 cm, e larghe 1,5-2,2 x 01-1,5 cm, lineari o oblanceolate, generalmente pennatifide o bipennatifide, con lobi interi o dentati, a volte sub-intere, glabre o vellutate.
L’erba minutina ha un ciclo naturale biennale, ma in coltura diventa annuale. Gli scapi fiorali (figura 41), sono alti 5-30 cm, generalmente più lunghi delle foglie, e terminano con una spiga cilindrica di 2-10 cm (figura 45). I fiori sono ermafroditi ed unisessuali, sono riuniti in infiorescenze a spiga , cilindriche allungate portate da peduncoli che si irradiano verso l’alto e verso l’esterno a corona; sono avvolti da piccole brattee fiorali a forma ovale più o meno acuminate, con margine scarioso e ciliato; sono lunghi circa 3 mm, sepali 2-3 mm, con margine asimmetrico, quelli anteriori saldati a 1/5 della lunghezza; corolla regolare con tubo pubescente. I frutti sono capsule triloculari, con 3 -4 semi ellitici piano convessi. Il corredo cromosomico 2n è 10 o 11 o 30.
Figura 43 – Pianta di Plantago coronopus tipica per l’aspetto rosettiforme. Figura 44 – Plantago coronopus con i tipici scapi fiorali a pannocchia. Figura 45 – Pannocchie mature pronte per la produzione di seme.
Per quanto sia così comune allo stato spontaneo, chi la apprezza preferisce coltivarla perchè le foglie delle piante selvatiche sono quasi sempre dure e ispide; invece le foglie delle piante coltivate nell’orto sono molto piu tenere e piu gustose, purchè si abbia l’avvertenza di innaffiare di recidere i cespi al piede almeno una volta al mese per favorire nuovi ricacci.

Coltivazione
La semina si esegue da aprile a settembre a file distanti 20 cm, come si usa per la cicoria “spadona” da taglio. La densità d’investimento è di 25 piante/m2. La profondità di semina è di 0,5 cm. La quantità di seme per ara è di 10 g. Il diradamento si effettua sulla fila a 15-20 cm. La scerbatura deve essere ripetuta, l’irrigazione é utile, i trattamenti antiparassitari normalmente non sono praticati. L’indice di maturazione è correlato alla dimensione del cespo La coltura orticola occupa il terreno per 4 mesi. La raccolta è scalare, inizia dopo 80-100 giorni dalla semina e si esegue ogni 25-35 giorni, recidendo le foglie quasi a livello del terreno. La raccolta prosegue fino all’autunno e, se il clima é mite e se la coltura e protetta, anche durante l’inverno. All’inizio della primavera si esegue I’ultimo taglio prima che si sviluppino gli scapi fiorali e poi si rinnova la coltura. La produzione è destinata al consumo familiare ed ammonta a 150 kg/ara.
Circa la produzione di seme, questo si ottiene dalle piante madri la cui distanza d’impianto è di 40 x 40 cm. Le piante madri s’impianta a fine inverno. La fioritura e la maturazione è scalare. La raccolta dei semi avviene in luglio-settembre, mediante sfalci (figura 33). I semi si preparano mediante essiccazione e trebbiatura.
La durata di germinabilità dei semi è di 3-4 anni. Un grammo contiene 4.000 semi ed un litro ne contiene 2.950.000. 1 litro contiene un peso di semi pari a 740 g. Il peso di 1.000 semi è 0,25 g. Bisogna prestare attenzione alla produzione del seme, poiché quest’ultimo può essere veicolo di diffusione di nematodi e virus.
La minutina merita di essere conosciuta e coltivata, dato che é rusticissima e poco esigente di cure e, giustamente, viene apprezzata dai buongustai.
La piantaggine è sempre stata raccolta dall’uomo fin dai tempi più antichi. Questa pianta fu molto apprezzata nel Medioevo dalla scuola medica salernitana. Dato che era usata per eliminare ogni tipo di durezza, facilitando i movimenti sciolti era chiamata anche “centonervi”. Gli Indiani d’America la chiamarono “orma d'uomo bianco”, dato che la vedevano comparire e inserirsi nei loro territori con l'avanzare dei coloni europei.

Cucina
Può essere utilizzata cotta o usata come insalata da sola o mista. In quest’ultimo caso gli ingredienti sono: 2 ciuffi di finocchio selvatico, 2 manciate di foglie di tarassaco, un ciuffo di erba cipollina, un pò di foglioline di piantaggine, qualche foglia di menta, qualche fiore di edera terrestre, olio extra vergine d’oliva, limone, sale e pepe.

Top




Hyssop (Hyssopus officinalis L.)

Taxonomy of the Hyssop (Hyssopus officinalis L.) according to Cronquist System
Domain: Eucariota Whittaker & Margulis,1978
Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subkingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Division o Phylum: Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998 -
Sottodivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclass: Lamiidae Takht. ex Reveal 1993
SuperOrder: Lamianae Takht., 1967
Ordo/Ordine: Lamiales Bromhead, 1838
SubOrder: Lamiineae Bessey in C.K. Adams, 1895
Family: Lamiaceae Lindley, 1836
Tribe: Hyssopeae Burnett, 1835
Subtribe: Hyssopinae Endl., 1838
Genera: Hyssopus L. (1753)
Species: Hyssopus officinalis L. 1753

Taxonomy of the Hyssop ( Hyssopus officinalis L. 1753) according tol APG II System
Clade: Eudicotiledos
Clade: Core
Clade: Asterids
Clade: Euasterids I
Order: Lamiales Bromhead, 1838
Family: Lamiaceae Lindley, 1836
Tribe: Hyssopeae Burnett, 1835
Genera: Hyssopus L. (1753)
Species: Hyssopus officinalis L. 1753


Hyssop is a name of Greek origin: ύσσωπος (hyssopos). The Hyssopos of Dioscorides was named from azob (a holy herb), because it was used for cleaning sacred places. It is alluded to in the Scriptures: Purge me with Hyssop, and I shall be clean. The Book of Exodus records that the blood of the sacrifices was applied to the doorposts using hyssop on the night of Passover. Its purgative properties are also mentioned in the Book of Psalms. In the New Testament, a sponge soaked in sour wine or vinegar was stuck on a branch of hyssop and offered to Jesus of Nazareth on the cross just before he died. Both Matthew and Mark mention the occasion but refer to the plant using the general term καλαμος (kalamos), which is translated as "reed" or "stick."
The hyssop is now diffused in U.S.A. and in Europe. In Italy the hyssop is distributed in nearly all the Regions except in the main Islands (Sicily and Sardinia) and Tuscany and Apulia.
The hyssop has the following common names: in Italian issopo; in the U.S.A. Hyssop; in French hysope officinale; in Spanish hisopo; in German Ysop; in Portuguese hissopo.
There are some subspecies of Hyssopus officinalis: Hyssopus officinalis L. ssp. aristatus (Godr.) Briq.; Hyssopus officinalis L. ssp. officinalis.

Description
Perennial herb with an intense, pleasant aroma. Hyssop is a low-growing, evergreen shrub that has foliage and flowers similar to lavender in appearance (figure 46). Hyssop grows to a height of about 2-4 inches, and its green leaves, spiked upright stems and delicate whorls of flowers (white, pink or lavender in colour) give off a strong, slightly musky scent (figure 47). Native to southern Europe, it makes an attractive dwarf-size hedge border. Hyssop, cultivated in ancient times, is even mentioned in the Bible as a sacred plant.

Figure 46 – Plant of Hyssopus officinalis.
Figure 47 – Cultivation of Hyssopus officinalis. Figure 48 – Seeds of Hyssopus officinalis.


Stem
Woody based, and grass-like tip to this branched, square stem. This native perennial plant is 2-4' tall, branching occasionally near the apex. The four-angled stems are glabrous or slightly pubescent. The root system produces a taproot.

Foliage
The opposite leaves are up to 4" long and 2" across, and have short petioles. They are cordate or broadly lanceolate, with crenate margins. The upper surface of the leaves is conspicuously veined and dull green, while the lower surface is white and finely canescent. The foliage has an anise scent.
An oil used by the perfume industry and distilleries is extracted from the leaves, which are narrow and range from a few millimetres to over two centimetres in length, pointed, linear or lancelet, slightly hairy and intense green in colour. Use in moderation in cooking, adding to soups and meat dishes to favour digestion. They should never be handled by pregnant women.

Flowers
The upper stems terminate in spikes of flowers about 3-6" long. The small flowers are arranged in dense whorls that are crowded along the spike, although sometimes the whorls are less crowded and more interrupted. The calyx of a flower is tubular and has five teeth; it is usually dull blue-violet or a similar colour, becoming more colourful toward its tips. The tubular flowers are about 1/3" long, extending beyond the calyx. They are blue-violet. The corolla of a flower is divided into a short upper lip and a longer lower lip. The lower lip has 2 small lateral lobes and a larger central lobe. Exerted from the throat of the flower are 4 stamens with blue-violet anthers, and a style that is cleft toward its tip. The small flowers in axils forming an intense blue or white or pink apex spike. The flowers bloom in scattered locations along the spikes for about 1-2 months from mid- to late summer. During this time, calyx of each flower remains somewhat colourful. There is no floral scent. The flowers are replaced by nutlets that oval-shaped and smooth (figure 48). Flowering is favoured by bees and butterflies.

Range & Habitat
Grows spontaneously in mountain areas in Italy but can now be found on the plains of the rest of the country especially in Tuscany and around Naples. The issop prefers stony, arid and open soil, but may also be cultivated in pots. In the wild, Anise Hyssop is rare in Illinois; it is known to occur in only Menard county in central Illinois. This species is more common in areas that lie northwest of Illinois. Typical habitats include openings in dry upland forests, upland areas of prairies, scrubby barrens, and thickets. Cultivated forms of Anise Hyssop are often grown in flower gardens; these cultivars are often hybrids and vary in their fidelity to the wild forms of this plant. Outside of Menard county, populations in the wild are likely to be plants that have escaped cultivation.

Cultivation
Hyssop prefers fertile, well-drained soil. Hyssop seeds germinate quickly, so the easiest way to start Hyssop is to simply sow seeds directly in the ground in spring. You can also plant rooted cuttings. Cut established plants back to the ground in the spring to stimulate bushier growth, and again after flowering (not as severely). Roots should be protected with mulch over winter. Plants will establish themselves by reseeding but will deteriorate over time and should be replaced every 4 to 5 years. Foliar disease isn't a significant problem, although some of the lower leaves may drop from the central stem in response to a drought. Occasionally, slugs and insects will feed on the leaves, creating holes. This member of the Mint family is more resistant to drought than many others.

Exposition
Likes full sun but must be sheltered.

Propagation
By seeds or cuttings. Multiply by dividing clumps in late spring, towards April-May or at the beginning of autumn. Seeds may be sown in March-April in calcareous light soil.

Growth
A robust herb which does not require particular attention. Hyssop grows well in window boxes and containers.

Harvest
Pick flowers as they begin to blossom and leaves throughout the year. Harvest flowers for medicinal purposes while in bloom.

Storage
Fresh leaves can be cut as needed or cut and dried for storage in an airtight container.

Culinary usage
Flowers and tender leaves may be added to salads, soups and roasts. Flowering tips can be used in sauces and soups and hyssop is also one of the ingredients of the liqueur named, in Italian, "cent'erbe".

Other usage
Insect and moth repellent, potpourri.
Hyssop have ritual uses. It is a sacred plant used in Judaism, it appears repeatedly in the Hebrew Bible as Ezov. In Exodus 12:22 the Jews in Egypt are instructed to Take a bunch of hyssop, dip it into the blood in the basin and put some of the blood on the top and on both sides of the doorframe. Not one of you shall go out the door of his house until morning. It is used by the priests in the Temple of Solomon for purification rites of various kinds in Leviticus 14:4-7, 14:49-52, 19:6, 18. Accordingly, hyssop is also often used to fill the Catholic ceremonial Aspergillum, which the priest dips into a bowl of holy water, and sprinkles onto the congregation to bless them. However, researchers have suggested that the Biblical accounts refer not to the plant currently known as hyssop, but rather one of a number of different herbs.

Health
Expectorant, diaphoretic, stimulant, pectoral, carminative. The healing virtues of the plant are due to a particular volatile oil, which is stimulative, carminative and sudorific. It admirably promotes expectoration, and in chronic catarrh its diaphoretic and stimulant properties combine to render it of especial value. It is usually given as a warm infusion, taken frequently and mixed with Horehound.
Hyssop Tea is also a grateful drink, well adapted to improve the tone of a feeble stomach, being brewed with the green tops of the herb, which are sometimes boiled in soup to be given for asthma. In America, an infusion of the leaves is used externally for the relief of muscular rheumatism, and also for bruises and discoloured contusions, and the green herb, bruised and applied, will heal cuts promptly. The Talmud calls the hyssop אברתא and considers it to be a herbal remedy for indigestion.
The infusion has an agreeable flavour and is used by herbalists in pulmonary diseases. It was once much employed as a carminative in flatulence and hysterical complaints, but is now seldom employed.
A tea made with the fresh green tops, and drunk several times daily, is one of the old fashioned country remedies for rheumatism that is still employed. Hyssop baths have also been recommended as part of the cure, but the quantity used would need to be considerable.

Miths and legends
Fragrant hyssop blossoms of the plants sown in the vegetable patches near to cabbages, keep cabbage butterflies at bay. Hyssop is said to be antagonistic to radishes, and they should not be grown nearby.

Faunal associations
The flowers are pollinated primarily by honeybees, bumblebees, and other long-tongued bees, which seek nectar or pollen. The flowers are also visited by an oligolectic bee, Doufourea monardae, which has extended its range into Illinois. Other occasional visitors are Green Metallic bees, bee flies, and various butterflies. Mammalian herbivores normally avoid consumption of this plant, as the anise scent of the foliage is repugnant to them. The anise scent may also deter some leaf-chewing insect species.

Comments
Because of its rarity, Anise Hyssop is not normally thought of as a prairie species in Illinois, nor does it appear in many field guides of prairie plants for the tallgrass prairie. This plant does occur in the north-western area of the tallgrass prairie, however, with a few scattered remnant populations elsewhere. Other members of this genus are woodland species. One of them, Agastache scrophulariaefolia (Purple Giant Hyssop), has flowers with similar coloration to Anise Hyssop. However, the foliage of Purple Giant Hyssop doesn't have an anise scent and the undersides of the leaves are green, rather than white. Purple Giant Hyssop is more pubescent or hairier than Anise Hyssop, and it tends to be a taller plant. The calyx of each flower remains green for this species, unlike Anise Hyssop, where each calyx assumes a coloration that is more similar to the flowers. This latter characteristic can cause Anise Hyssop to look like it is in flower, even when it is not.

Top




Opposite Leaved Saltwort, or Oppositeleaf Russian Thistle, or Barilla Plant (Salsola asparagoides L., or Salsola soda L., or Salsola Kali L.)

testo


New Zealand Spinach (Tetragonia espansa Murr., Thum, or Tetragonia tetragonioides Ktze)

testo


Tansy (Tanacetum vulgare L.)

testo



Nasturtium (Tropaeolum majus L. and Tropaeolum minus L.)

testo



Peanut, or Groundnut (Arachis hypogeae L.)

The synonyms of the Arachis hypogeae are:
  • Arachidna hypogaea (L.) Moench,
  • Arachis africana Lour.,
  • Arachis americana Ten.,
  • Arachis asiatica Lour.,
  • Arachis hypogeae L. forma communis (A.Chev.) F. J. Herm.,
  • Arachis hypogeae L. forma macrocarpa (A.Chev.) Hoehne,
  • Arachis hypogeae L. forma microcarpa (A.Chev.) Hoehne,
  • Arachis hypogeae L. forma nambyquarae (Hoehne) F. J. Herm.,
  • Arachis hypogeae L. forma typica Hoehne,
  • Arachis hypogeae L. subsp. fastigiata Waldron,
  • Arachis hypogeae L. subsp. nambyquarae (Hoehne) A.Chev.,
  • Arachis hypogeae L. subsp. oleifera A. Chev.,
  • Arachis hypogeae L. var. communis A.Chev.,
  • Arachis hypogeae L. var. gigantea Patel & Narayana,
  • Arachis hypogeae L. var. hirsuta Kohler,
  • Arachis hypogeae L. var. macrocarpa A.Chev.,
  • Arachis hypogeae L. var. microcarpa A.Chev.,
  • Arachis hypogeae L. var. nambyquarae (Hoehne) Burkart,
  • Arachis hypogeae L. var. stenocarpa A.Chev.,
  • Arachis hypogeae L. var. vulgaris Harz,
  • Arachis nambyquarae Hoehne ,
  • Arachis rasteiro A.Chev.
The common names od peanut in the world are:
    AFRIKAANS : Apeneutjie, Grondboontjie.
  • ARABIC : Fûl sûdânî, فُولٌ سُودانِيّ Fûl sûdânî.
  • BENGALI : চিনাবাদাম (cinābādāma), মাটকলাই Mata kalai (māṭa-kalāi).
  • BURMESE : Mye pai.
  • CHINESE : Luo hua sheng, Hua sheng, Chang sheng guo.
  • CZECH : Burský oříšek, Podzemnice olejná.
  • DANISH : Jordnød, Jordnødder, Jordnoedder.
  • DUTCH : Aardnoot, Grondnoot, Pindaplant.
  • ENGLISH : Earth-nut, Earthnut, Goober, Ground-nut, Groundnut, Peanut .
  • ESTONIAN : Maapähkel.
  • FINNISH : Maapähkinä.
  • FRENCH : Arachide, Cacahuète, Pistache de terre, Pistachier de terre.
  • GERMAN : Erdnuß, Echte Erdnuss, Erdmandel.
  • GREEK : Aραχίδα Arahida (sing.), Αραχίδες Arahides (plur.), Αραχίδη Arahidi, Aράπικο φυστίκι Arapico fistiki
  • HINDI : Cini badama (cīnā-badāma), Moong phali, Mosambi cana (mosaṃbī caṇā), Mumg phali (mūṃg-phalī), Muungaphalii .
  • ITALIAN : Arachide, Mandorla di terra, Nocciolina, Pistacchio di terra.
  • JAPANESE : Nankinmame, Piinatsu, Piinattsu, Rakkasei, Rakkasei,
  • KANNADA : Kadale kayi (kaḍalē-kāyi).
  • KHMER : Sandaek dei.
  • KOREAN : Ttang kong.
  • MALAYALAM : Nellakkadalai, നിലക്കടല Nilakkatala (nilakkaṭala).
  • MARATHI : Bhui muga (bhuī mūga), (vilāyatī mūga).
  • NEPALESE : Mungphalii.
  • POLISH : Orzech ziemny, Orzacha podziemna.
  • PORTUGUESE : Amendoim, Amendoim verdadeiro (Brazil), Aráquida, Jinguba, Mancarra, Mendoim (Brazil), Mendubi, Mondubim (Brazil), Mudubim (Brazil).
  • RUSSIAN : Arakhis.
  • SANSKRIT : Bhu canaka, Mandapi.
  • SINHALESE : Rata kaju.
  • SLOVAKIAN : Podzemnica olejná.
  • SPANISH : Alcagüeses, Aráquido, Avellana americana, Cacahuate, Maní, Manî.
  • SWEDISH : Jordnød.
  • TAMIL : (kaṭalai-k-kāy), (maṇilākkoṭṭai), (maṉilāppayaṟu), Verikaddalai (vēr-k-kaṭalai).
  • TELUGU : Veeru senaga.
  • THAI : Thùa lísong.
  • TURKISH : Yerfıstığı.
  • URDU : Mugphalii.
  • VIETNAMESE : Đậu phộng, Ðậu phọng.
The peanut, or groundnut is a species in the legume or "bean". The cultivated peanut was probably first domesticated in the valleys of Peru. It is an annual herbaceous plant growing 30 to 50 cm tall. The leaves are opposite, pinnate with four leaflets (two opposite pairs; no terminal leaflet), each leaflet 1 to 7 cm long and 1 to 3 cm broad. The flowers are a typical peaflower in shape, 2 to 4 cm (¾ to 1½ in) across, yellow with reddish veining. After pollination, the fruit develops into a legume 3 to 7 cm long, containing 1 to 4 seeds, which forces its way underground to mature. Hypogeae means "under the earth."
Peanuts are known by many other local names such as earthnuts, ground nuts, goober peas, monkey nuts, pygmy nuts and pig nuts

History
The domesticated peanut is an amphidiploid or allotetraploid, meaning that it has two sets of chromosomes from two different species, thought to be Arachis duranensis and Arachis ipaensis. These likely combined in the wild to form the tetraploid species Arachis monticola, which gave rise to the domesticated peanut. This domestication might have taken place in Paraguay or Bolivia, where the wildest strains grow today. Many pre-Columbian cultures, such as the Moche, depicted peanuts in their art.
Archeologists have (thus far) dated the oldest specimens to about 7,600 years found in Peru. Cultivation spread as far as Mesoamerica where the Spanish conquistadors found the tlalcacahuatl (Nahuatl = 'peanut,' whence Mexican Spanish, cacahuate and French, cacahuète) being offered for sale in the marketplace of Tenochtitlan (Mexico City). The plant was later spread worldwide by European traders.

Cultivation
The orange veined, yellow petaled, pea-like flower of the Arachis hypogeae is borne in axillary clusters above ground. Following self-pollination, the flowers fade and wither. The stalk at the base of the ovary, called the pedicel, elongates rapidly, and turns downward to bury the fruits several inches in the ground, where they complete their development. The entire plant, including most of the roots, is removed from the soil during harvesting.
The pods act in nutrient absorption. The fruits have wrinkled shells that are constricted between pairs of the one to four (usually two) seeds per pod.
Peanuts grow best in light, sandy loam soil. They require five months of warm weather, and an annual rainfall of 500 to 1,000 mm or the equivalent in irrigation water.
The pods ripen 120 to 150 days after the seeds are planted. If the crop is harvested too early, the pods will be unripe. If they are harvested late, the pods will snap off at the stalk, and will remain in the soil.
Peanuts are particularly susceptible to contamination during growth and storage. Poor storage of peanuts can lead to an infection by the mold fungus Aspergillus flavus, releasing the toxic and highly carcinogenic substance aflatoxin. The aflatoxin-producing molds exist throughout the peanut growing areas and may produce aflatoxin in peanuts when conditions are favourable to fungal growth.
Harvesting occurs in two stages. In mechanized systems a machine is used to cut off the main root of the peanut plant by cutting through the soil just below the level of the peanut pods. The machine lifts the "bush" from the ground and shakes it, then inverts the bush, leaving the plant upside down on the ground to keep the peanuts out of the dirt. This allows the peanuts to dry slowly to a bit less than a third of their original moisture level over a period of 3–4 days. Traditionally, peanuts are pulled and inverted by hand.
After the peanuts have dried sufficiently, they are threshed, removing the peanut pods from the rest of the bush.

Cultivation in China
The peanut was introduced to China by Portuguese traders in the 17th century and another variety by American missionaries in the 19th century.
They became popular and are featured in many Chinese dishes, often being boiled. During the 1980s peanut production began to increase so greatly that as of 2006 China was the world's largest peanut producer. A major factor in this increase was the household-responsibility system, which moved financial control from the government to the farmers.

Production
China leads in production of peanuts having a share of about 41.5% of overall world production, followed by India (18.2%) and the United States of America (6.8%).

Cultivars
Thousands of peanut cultivars are grown, with four major cultivar groups being the most popular: Spanish, Runner, Virginia, and Valencia. There are also Tennessee red and white groups. Certain cultivar groups are preferred for particular uses because of differences in flavour, oil content, size, shape, and disease resistance. For many uses the different cultivars are interchangeable. Most peanuts marketed in the shell are of the Virginia type, along with some Valencias selected for large size and the attractive appearance of the shell. Spanish peanuts are used mostly for peanut candy, salted nuts, and peanut butter. Most Runners are used to make peanut butter.
The various types are distinguished by branching habit and branch length. There are numerous varieties of each type of peanut. There are two main growth forms, bunch and runner. Bunch types grow upright, while runner types grow near the ground.
Each year new cultivars of peanuts are bred and introduced. Introducing a new cultivar may mean change in the planting rate, adjusting the planter, harvester, dryer, cleaner, sheller, and method of marketing.

Spanish group
The small Spanish types are grown in South Africa, and in the south-western and south-eastern U.S. Prior to 1940, 90% of the peanuts grown in Georgia, USA were Spanish types, but the trend since then has been larger seeded, higher yielding, more disease resistant cultivars. Spanish peanuts have higher oil content than other types of peanuts and in the U.S. are now primarily grown in Oklahoma and Texas.
Cultivars of the Spanish group include "Dixie Spanish", "Improved Spanish 2B", "GFA Spanish", "Argentine", "Spantex", "Spanette", "Shaffers Spanish", "Natal Common (Spanish)", "White Kernel Varieties", "Starr", "Comet", "Florispan", "Spanhoma", "Spancross", "OLin", "Tamspan 90", "AT 9899-14", "Spanco" "Wilco I", "GG 2", "GG 4" and "TMV 2".

Runner group
Since 1940, the southeastern U.S. region has seen a shift to production of Runner group peanuts. This shift is due to good flavour, better roasting characteristics and higher yields when compared to Spanish types leading to food manufacturers' preference for use in peanut butter and salting. Georgia's production is now almost 100% Runner type.
Cultivars of Runners include "Southeastern Runner 56-15", "Dixie Runner", "Early Runner", "Virginia Bunch 67", "Bradford Runner", "Egyptian Giant" (also known as "Virginia Bunch" and "Giant"), "Rhodesian Spanish Bunch" (Valencia and Virginia Bunch), "North Carolina Runner 56-15", "Virugard", "Georgia Green", "Tamrun 96", "Flavor Runner 458", "Tamrun OL01", "Tamrun OL02" and "AT-108".

Virginia group
The large seeded Virginia Group peanuts are grown in the following US states: Virginia, North Carolina, Tennessee, Texas, New Mexico, Oklahoma, and parts of Georgia. They are increasing in popularity due to demand for large peanuts for processing, particularly for salting, confections, and roasting in the shells.
Virginia Group peanuts are either bunch or running in growth habit. The bunch type is upright to spreading. It attains a height of 45 to 55 cm (18 to 22 in), and a spread of 70 to 80 cm (28 to 31 in), with 80 to 90 cm (31 to 35 in) rows that seldom cover the ground. The pods are borne within 5 to 10 cm of the base of the plant.
Cultivars of Virginia type peanuts include NC 7, NC 9, NC 10C, NC-V 11, VA 93B, NC 12C, VA-C 92R, Gregory, VA 98R, Perry, Wilson, Hull, AT VC-2 and Shulamit.

Valencia group
Valencia Group peanuts are coarse, and they have heavy reddish stems and large foliage. In the U.S. large commercial production is primarily in Eastern New Mexico, especially in and around Portales, New Mexico, but they are grown on a small scale elsewhere in the South as the best flavoured and preferred type for boiled peanuts. They are comparatively tall, having a height of 125 cm and a spread of 75 cm. Peanut pods are borne on pegs arising from the main stem and the side branches. Most of the pods are clustered around the base of the plant, and only a few are found several inches away. Valencia types are three seeded and smooth, with no constriction between the seeds. Seeds are oval and tightly crowded into the pods. There are two strains, one with flesh and the other with red seeds. Typical seed weight is 0.4 to 0.5 g.

Tennessee Red and Tennessee White groups
These are alike, except for the colour of the seed. Sometimes known also as Texas Red or White, the plants are similar to Valencia types, except that the stems are green to greenish brown, and the pods are rough, irregular, and have a smaller proportion of kernels.

Uses
Peanuts have many uses. They can be eaten as straight food, used in recipes, made into solvents and oils, used in make-up, medicines, textile materials, peanut butter, as well as many other uses. Popular confections made from peanuts include salted peanuts, peanut butter (sandwiches, peanut candy bars, peanut butter cookies, and cups), peanut brittle, and shelled nuts (plain/roasted). Peanuts, served by them, are one of the most popular nuts in the world. They are often eaten as snacks, served at cocktail parties and are sometimes added as a balanced and nutritional side dish with lunch. Salted peanuts are usually roasted in oil and packed in retail-size plastic bags or hermetically sealed cans. Dry roasted, salted peanuts are also marketed in significant quantities. Peanuts are often a major ingredient in mixed nuts because of their inexpensiveness compared to Brazil nuts, cashews, walnuts, and so on. Although peanut butter has been a tradition on camping trips and the like because of its high protein count and the fact that it resists spoiling for long periods of time, the primary use of peanut butter is in the home, but large quantities are also used in the commercial manufacture of sandwiches, candy, and bakery products. Boiled peanuts are a preparation of raw, unshelled green peanuts boiled in brine and eaten as a snack in the United States. More recently, fried peanut recipes have emerged - allowing both shell and nut to be eaten. Peanuts are also used in a wide variety of other areas, such as cosmetics, nitroglycerin, plastics, dyes and paints.

Arctic and Antarctic expeditions
While peanuts are nutritional and delicious as an everyday food, during expeditions on foot into the wilderness, especially regions of sub-zero temperatures like the South and North Poles, having peanuts has been the deciding factor between life and death. After learning from the mistakes of other adventurers, especially the tragically ill-prepared "Discovery" and "Terra Nova" expeditions to the south pole lead by Captain Robert Falcon Scott and Captain Oates from 1901-12 (during which the majority of the expedition died), where starvation and lack of the proper amount of calories needed to keep from freezing were a constant danger, adventurers had to decide on a type of food that was dense, portable, high in protein and calories and could be eaten at any time without preparation. Subsequent expeditions thus settled on peanut butter as the ideal foodstuff, freeing explorers from the transport and kindling of cooking fuel (a near-impossibility in the frigid polar winds), and high enough in protein and calories to fuel the party and keep them from freezing to death in the harsh weather and freezing nighttimes temperatures. Peanut butter was further favoured for speed and ease of use because it could be eaten while walking if necessary.

Peanut oil
Peanut oil is often used in cooking, because it has a mild flavour and a relatively high smoke point. Due to its high monounsaturated content it is considered more healthy than saturated oils, and is resistant to rancidity. There are several types of peanut oil including: aromatic roasted peanut oil, refined peanut oil, extra virgin or cold pressed peanut oil and peanut extract. In the United States, refined peanut oil is exempt from allergen labelling laws.

Peanut flour
Peanut flour is lower in fat than peanut butter, and is popular with chefs because its high protein content makes it suitable as a flavour enhancer. Peanut flour is used as a gluten-free solution.
Peanuts are common ingredients in Peruvian Creole cuisine reflecting the marriage of native ingredients and ingredients introduced by Europeans. In one example peanuts are roasted along with hot peppers (both native to South America) and blended with roasted onions, garlic, and oil (all of European origin) to make a smooth sauce poured over boiled potatoes. This dish is especially famous in the city of Arequipa and is known as "papas con ocopa". Another example combines a similar mixture with sautéed seafood or boiled and shredded chicken in the form of a fricassee. These dishes are generally known as ajis (the word for hot peppers), such as aji de pollo and aji de mariscos. Not all cooks use peanuts in seafood "ajis".
During Colonial times the Spanish in Peru learned to use ingredients like peanuts in substitution for nuts which were unavailable in Peru. It is well documented that Spanish cuisine makes extensive use of almonds, pine nuts, and other nuts, in ground or paste form, combined with rice, meats and vegetables, to create dishes like rice pilaf. However, almonds, pine nuts, chestnuts, walnuts, etc. were too expensive or unobtainable in Peru.
In south Asian countries, peanuts are known as either a light snack by themselves, usually roasted and salted (sometimes with the addition of chilli powder, especially in Karnataka), and often sold roasted in pod on roads in the north, or boiled with salt in the south. They are also made into little dessert or sweet snack pieces by processing with refined sugar and jaggery. Indian cuisine uses roasted, crushed peanuts to give a crunchy body to salads; they are added whole (without pods) to leafy vegetable stews for the same reason. Another use of peanut oil as cooking oil. Most Indians use mustard, sunflower, and peanut oil for cooking.

Southeast Asia
Peanuts are also widely used in Southeast Asian cuisine, particularly Indonesia, where they are typically made into a spicy sauce. Peanuts originally came to Indonesia from the Philippines, where the legume came from Mexico in times of Spanish colonization.
Common Indonesian peanut-based dishes include gado-gado, pecel, karedok and ketoprak, all vegetable salads mixed with peanut sauce, and the peanut-based sauce for satay.

Mali, Senegal, and the Ivory Coast
Peanuts grow well in southern Mali and adjacent regions of the Ivory Coast, Burkina Faso, and Senegal. Peanut sauce, prepared with onions, garlic, peanut butter/paste, and vegetables like carrots, cabbage/cauliflower, can be vegetarian (the peanuts supplying ample protein) or prepared with meat, usually chicken.

Zambia/Malawi
Peanuts are a common ingredient of several types of relishes (dishes which accompany nshima) eaten by the tribes in Malawi and in the eastern part of Zambia, and these dishes are now common throughout both countries. In this area they are always called groundnuts.

The United States
In the US, peanuts are used in candies, cakes, cookies, and other sweets. They are also enjoyed roasted and salted. Peanut butter is one of the most popular peanut-based foods in the US. In some southern portions of the US, peanuts are boiled for several hours until soft and moist.

Israel
Crunchy coated peanuts, called kabukim in Hebrew, are a popular snack in Israel. Kabukim are commonly sold by weight at corner stores where fresh nuts and seeds are sold, though they are also available packaged. The coating typically consists of flour, salt, starch, lecithin, and sometimes sesame seeds. An additional variety of crunchy coated peanuts popular in Israel is "American peanuts." The coating of this variety is thinner but harder to crack. The origin of the name is obscure.
Another popular Israeli peanut snack is Bamba. Similar in shape to Cheez Doodles, Bamba puffs are made of corn and flavoured with peanut butter.

Boiled peanuts
Boiled peanuts are a popular snack in the southern United States, as well as in India and China. Peanuts are also used in the Mali meat stew maafe, and in many sauces for South American meat dishes, especially rabbit.
Malnutrition Peanuts are used to help fight malnutrition. Plumpy Nut and Medika Mamba are high protein, high energy and high nutrient peanut-based pastes that were developed to be used as a therapeutic food to aid in famine relief. Organizations like the World Health Organization, UNICEF, Project Peanut Butter and Doctors Without Borders have used these products to help save malnourished children in developing countries.
Peanuts can be used like other legumes and grains to make a lactose-free milk-like beverage, peanut milk. Peanut plant tops are used for hay.
Low grade or culled peanuts not suitable for the edible market are used in the production of peanut oil. The protein cake (oilcake meal) residue from oil processing is used as an animal feed and as a soil fertilizer. Low grade peanuts are also widely sold as a garden bird feed.
Peanuts have a variety of industrial end uses. Paint, varnish, lubricating oil, leather dressings, furniture polish, insecticides, and nitroglycerin are made from peanut oil. Soap is made from saponified oil, and many cosmetics contain peanut oil and its derivatives. The protein portion of the oil is used in the manufacture of some textile fibers. Peanut shells are used in the manufacture of plastic, wallboard, abrasives, fuel, cellulose (used in rayon and paper) and mucilage (glue). Rudolf Diesel ran some of the first engines that bear his name on peanut oil and it is still seen as a potentially useful fuel.

Health benefits
Peanuts are rich in nutrients, providing over 30 essential nutrients and phytonutrients. Peanuts are a good source of niacin, folate, fiber, magnesium, vitamin E, manganese and phosphorus. They also are naturally free of trans-fats and sodium, and contain about 25% protein (a higher proportion than in any true nut).
Niacin: peanuts are a good source of niacin, and thus contribute to brain health and blood flow.
Antioxidants: recent research on peanuts and nuts in general has found antioxidants and other chemicals that may provide health benefits. New research shows peanuts rival the antioxidant content of many fruits. Roasted peanuts rival the antioxidant content of blackberries and strawberries, and are far richer in antioxidants than carrots or beets. Research conducted by a team of University of Florida scientists, published in the journal Food Chemistry, shows that peanuts contain high concentrations of antioxidant polyphenols, primarily a compound called p-coumaric acid, and that roasting can increase peanuts' p-coumaric acid levels, boosting their overall antioxidant content by as much as 22%.
Resveratrol: peanuts are a significant source of resveratrol, a chemical studied for potential anti-aging effects and also associated with reduced cardiovascular disease and reduced cancer risk. It has recently been found that the average amount of resveratrol in one ounce of commonly eaten peanuts (15 whole peanut kernels) is 73 μg.
Coenzyme Q10: peanuts are a source of coenzyme Q10, as are oily fish, beef, soybeans and spinach.

Health concerns

Allergies
Some people (1-2% of the US population) have mild to severe allergic reactions. For some people with a peanut allergy, exposure can cause fatal anaphylactic shock. For these individuals, eating a small amount of peanuts or just breathing the dust from peanuts[citation needed] can cause a fatal reaction. An allergic reaction can also be triggered by eating foods that have been processed with machines that have previously processed peanuts,[citation needed] making the avoidance of such food difficult. For this reason, some foods processed in facilities which also handle peanuts may carry warnings on their labels indicating such.
A hypothesis of the development of peanut allergy has to do with the way peanuts are processed in North America versus other countries, like Pakistan and China. Peanuts are widely eaten in China and Pakistan. In Pakistan, peanuts produced in the Potohar Plateau region are heavily produced and consumed. The Rawalpindi region is also known for its peanut production, but peanut allergies are almost unheard of there. According to a 2003 study, roasting peanuts, as more commonly done in North America, causes the major peanut allergen Ara h2 to become a stronger inhibitor of the digestive enzyme trypsin, making it more resistant to digestion. Additionally, this allergen has also been shown to protect Ara h1, another major peanut allergen, from digestion, a characteristic further enhanced by roasting.
Another hypothesis, called the hygiene hypothesis, states that a lack of early childhood exposure to infectious agents like germs and parasites could be causing the increase of food allergies.
Recent (2008) studies comparing age of peanut introduction in Great Britain with introduction in Israel appear to show that delaying exposure to peanuts can dramatically increase the risk of developing peanut allergies.
Results from some animal studies (and limited evidence from human subjects) suggest that the dose of peanuts is an important mediator of peanut sensitisation and tolerance; low doses tend to lead to sensitisation and higher doses tend to lead to tolerance.
Peanut allergy has been associated with the use of skin preparations containing peanut oil among children, but the evidence is not regarded as conclusive. Peanut allergies have also been associated with family history and intake of soy products.
Though the allergy can last a lifetime, another 2003 study indicates that 23.3% of children will outgrow a peanut allergy.
Some school districts in the U.S.A have banned peanuts.
There are experimental techniques which appear to have desensitized some allergic individuals.
The most popular technique, oral immunotherapy, works to create desensitization in those allergic by feeding them small amounts of peanuts until their body becomes desensitized. Some progress is possibly being made in the UK, where researchers at Cambridge are studying the effectiveness of the desensitization technique.
Research indicates that refined peanut oil will not cause allergic reactions in most people with peanut allergies. However, crude (unrefined) peanut oils are strongly flavoured, and have been shown to contain protein, which may cause allergic reactions. In a randomized, double-blind crossover study, 60 people with proven peanut allergy were challenged with both crude peanut oil and refined peanut oil. The authors conclude, “Crude peanut oil caused allergic reactions in 10% of allergic subjects studied and should continue to be avoided.” They also state, “Refined peanut oil does not seem to pose a risk to most people with peanut allergy.” However, they point out that refined peanut oil can still pose a risk to peanut-allergic individuals if oil that has previously been used to cook foods containing peanuts is reused.

Contamination and aflatoxin
Peanuts may be contaminated with the mold Aspergillus flavus which produces a carcinogenic substance called aflatoxin. Lower quality specimens, particularly where mold is evident, are more likely to be contaminated. USDA tests every truckload of raw peanuts for aflatoxin; any containing aflatoxin levels of more than 20 parts per billion are destroyed. The peanut industry has manufacturing steps in place to ensure all peanuts are inspected for aflatoxin. Peanuts are also processed at a high temperature to ensure any microorganisms are killed.

USDA program
George Washington Carver is often credited with inventing 300 different uses for peanuts[39] (which, contrary to popular belief, did not include peanut butter but did include salted peanuts). Carver was one of many USDA researchers who encouraged cotton farmers in the South to grow peanuts instead of, or in addition to, cotton, because cotton had depleted so much nitrogen from the soil, and one of the peanut's properties as a legume is to put nitrogen back into the soil (a process known as nitrogen fixation). Rising demand for peanuts in the early 20th century was due to a shortage of plant oils during World War I and the growing popularity of peanut butter, roasted peanuts and peanut candies.
Peanuts were designated by the U.S. Congress to be one of America's basic crops. To protect domestic industry by keeping prices artificially high, the United States Department of Agriculture (USDA) aids peanut farmers through commodity programs. In the 2008 Farm Bill, the marketing quota for peanuts was eliminated and the Price Support Program was switched to a Direct and Counter-Cyclical Payment Program. Direct and counter-cyclical payments provide benefits to producers with eligible historical production of peanuts whenever the effective price is less than the targeted price.

Trade
The major producers/exporters of peanuts are the United States, Argentina, Sudan, Senegal, and Brazil. These five countries account for 71% of total world exports. In recent years, the United States has been the leading exporter of peanuts. The major peanut importers are the European Union (EU), Canada, and Japan. These three areas account for 78% of the world's imports.
Although India and China are the world's largest producers of peanuts, they account for a small part of international trade because most of their production is consumed domestically as peanut oil. Exports of peanuts from India and China are equivalent to less than 4% of world trade.
Ninety percent of India's production is processed into peanut oil. Only a nominal amount of hand-picked select-grade peanuts are exported. India prohibits the importation of all oil seeds, including peanuts.
The European Union is the largest consuming region in the world that does not produce peanuts. All of its consumption is supplied by imports. Consumption of peanuts in the EU is primarily as food, mostly as roasted-in-shell peanuts and as shelled peanuts used in confectionery and bakery products.
The average annual U.S. imports of peanuts are less than 0.5% of U.S. consumption. Two thirds of U.S. imports are roasted, unshelled peanuts. The major suppliers are Taiwan, Malaysia, Hong Kong, Mainland China, and Canada. The principal suppliers of shelled peanut imports are Argentina and Canada. Most of Canada's peanut butter is processed from Chinese peanuts. Imports of peanut butter from Argentina are in the form of a paste and must be further processed in the U.S. Other minor suppliers of peanut butter include Malawi, China, India, and Singapore.
Approximately 50% of all peanuts produced in the United States are grown within a 100 mi (160 km) radius of Dothan, Alabama. Dothan is home to the National Peanut Festival established in 1938 and held each fall to honours peanut growers and celebrates the harvest.




Top

Return to Introduction

Return to Home page



This page has been visited times

© Fiume Francesco 2005