Lupin


Taxonomy of the Lupin (Mediterranean white lupin, Lupinus albus Linnaeus, 1753; Narrow leaf lupin, Lupinus angustifolius L. 1753; Yellow lupin, Lupinus luteus L. 1753; Large-leaved lupin, Lupinus polyphyllus Lindley, 1827) according to Cronquist System
Dominium/SuperKingdom: Eucarya Chatton, 1925
Regnum/Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subregnum/SubKingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Green plants)
Superdivisio/Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Plants with seeds)
Divisio/Division o Phylum: Tracheobionta or Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998
Subdivisio/Subdivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Classis/Classe: Rosopsida Batsch, 1788
Subclassis/Subclass: Rosidae Takht., 1967
SuperOrdo/Superorder: Fabanae R. Dahlgren ex Reveal, 1993
Ordo/Order: Fabales Bromhead, 1838
Familia/Family: Fabaceae (Rchb., 1832) Lindley, 1836 or Leguminosae A.L. de Jussieu, 1789 or Papilionaceae Giseke, 1792
Subfamilia/Subfamily: Faboideae Rudd 1968 or Phaseoloideae Burnett, 1835 or Papilionoideae (Giseke, 1792) DC., 1825
Tribus/Tribe: Genisteae (Bronn) Dumort 1827
Subtribus/Subtribe: Lupininae F.A.Bisby 1981
Genus: Lupinus Linnaeus, 1753


Mediterranean white lupin, Lupinus albus L. 1753

Lupinus albus have a synonym: Lupinus termis Forsskål, 1775 The common names of the white lupin in the world are the following:
Narrow leaf lupin, Lupinus angustifolius L. 1753

Lupinus angustifolius have two synonyms: Lupinus linifolius Roth, 1788 and Lupinus varius Savi, non L. The common names of the Narrow leaf lupin in the world are the following:
Yellow Lupin, Lupinus luteus L. 1753

The common names of the Yellow lupin in the world are the following:
Large-leaved lupin, Lupinus polyphyllus Lindley, 1827

The common names of the Large-leaved lupin in the world are the following:

Introduction
The plant group well-known like “leguminous plant for seed” comprises a great number of genus and species that represent a remarkable source of vegetable proteins available, occupying therefore a place of great relief in the human feeding and in that of the breeding animals. Except the bean and the peanut, coming from the America, and the soybean, original from the Far East, the leguminous plant for seed are all original of the Mediterranean basin and of the near East and in these areas they are cultivated from thousands of years. The high energetic value and the ability to resist for long conservation periods, when dried, gave a role of absolute centrality in the human feeding since the more ancient times.
Their alimentary importance is due to the high content in proteins of the seeds (from the 20 to 40%), higher respect to others vegetable and near to that of the meat. This has originated the denomination of protein-rich plants. The biological protein value of this plants is inferior that of the animals proteins for the reduced presence of sulphured amino acids (cystine and methionine), but the highest contained of lysine renders them complementary to the cereals from the nutritional view point.
The proteins are not the only substances brought by the leguminous plant. Between glucids the starch is present in greater quantity, while regarding the mineral salts, the legumes are much rich of calcium, iron and magnesium. The thiamine is the mainly vitamin contained in the leguminous plant, follows, in the order regarding the needs of the man, from riboflavin, niacin, vitamin C and the folic acid. The seeds of some leguminous (soybean and peanut) moreover, are rich also in fats, for which they constitute the raw materials for the industry of oils and the oil cakes or flours.
The fruit is the legume or the pod, of form and variable dimension according to the species, than it is opened in two valve along two suture lines and it contains edible seeds. Inside of the seed, the endosperm is not present, but the entire inner space to the integuments is occupied from the embryo, whose very much large cotyledons they are the accumulation site of the supply substances (sugars, starch, fats and proteins). Characteristic element of the seed of leguminous plant is the hilum that is the area where the funicle was inserted that it attacked the seed to the pod feeding it.
Important property of the leguminous is that to establish a relationship of symbiosis with a bacterium of the genus Rhizobium, vouching for the nitrogen-fixation process. If the conditions for an efficient symbiosis exist, the leguminous plants turn out self-sufficient with regard to the requirements of nitrogen; in optimal conditions the fixed nitrogen quantity in the soil vary from 50 to 200 Kg/ha per year in temperate climates, with average of 80-100 Kg/ha. The requirements are covered for the entire cycle of cultivation remaining nitrogen amounts available for the next cultivations.
The rhizobia fix nitrogen from the atmosphere into the soil and enhance this activity in symbiosis with legumes. Capture the nitrogen present in the atmosphere, fixing it for action of the nitrogenase enzyme, metabolic and export it to the metabolic circuits of the plant, which provides the largest amount of energy required for this process from the demolition of significant shares of carbohydrates produced by photosynthesis. This explains the fact that the biomass produced by leguminous plants, rich in nitrogenous substances, is significantly lowest than that which could produce other non-leguminous plants like graminaceus plants.
Since the symbiotic relationship is specific, in the case of new introduction of a new species of leguminous plants on a plot or a re-entry after a prolonged period of time, you must provide artificial inoculation of seeds with Rhizobium. The success of the symbiosis and the efficiency of its functioning can easily be assessed by observing the presence of red tubercles or nodules on the roots.
Among the annual crops do not forage, grain leguminous are the ones that have the highest value of the soil preparation. This prerogative is due to some peculiarity of these plants: Despite the high nutritional potential of the seeds of leguminous, their use on human and animal nutrition is often limited by the presence of a heterogeneous group of compounds, that are proteins and non-proteins, known as a whole as "anti-nutritional factors" or "anti-nutrients" because their are potentially toxic or harmful.
This designation is used for the definition of those endogenous components that can interfere with the digestibility of protein, the absorption of minerals and vitamins and the functions of the intestinal epithelium, thus causing nutritional deficiencies, or be responsible for allergic reactions in susceptible subjects. Below are a list of the most popular anti-nutritional factors or anti-nutrients: Gli effetti negativi di alcuni fattori antinutrizionali possono essere osservati solo in caso vengano assunti in grande quantità; al contrario invece, in quantità inferiori al livello di tossicità alcuni di questi fattori presentano effetti benefici (ad es. inibitori delle proteasi, lectine, tannini, acido fitico e saponine sono stati indicati come agenti protettivi nei confronti del cancro o delle malattie cardiovascolari; le saponine, legandosi al colesterolo, ne abbassano il livello nel sangue dell’uomo).
L’utilizzo di legumi per l’alimentazione umana quindi, richiede una serie di interventi che hanno lo scopo di eliminare o ridurre a livelli non dannosi queste sostanze.
I fattori antinutrizionali di natura proteica, inibitori enzimatici e lectine, vengono inattivati con il trattamento termico precedente il consumo dei legumi, mentre quelli di natura non proteica (in parte termostabili) possono essere ridotti mediante altri trattamenti, usati anche in abbinamento:


Origin and diffusion
The lupine is a species cultivated like seed plants since 3,000 years and beyond in the Mediterranean Basin and in plateaus of the South America; many other species of lupine, instead, are started in cultivation only recently and are still in cultivation course.
The lupine has ancient origins. The archaeologists have found seeds of this legume in the Egyptian and Mayan pyramids. First cultivations come made to go back to about 4,000 years ago, or in the area of the Mediterranean (white lupine) that in the Andean zones of the South America.
This cultivation was practiced near the Greeks who, as Hippocrates remembers, they believe the lupine particularly digestible. Many are the citation of the consumption of lupines near the Roman, also Orazio writes in its book of the “Epistles”: “the man honest and wise support of being incline to the high things; neither on the other hand he ignores how much are distant the coins from the lupines”.
In passed this legume was cultivated with various purposes: improvement of the soil for pasture, human feeding, and therapeutic qualities.
Only in the twentieth century, the ancient species of bitter lupine, being present in its seeds unpleasant and bitter alkaloids and, that they are removed boiling and putting repeatedly the seed in water before their consumption, came then replaced with sweet species, lacking in alkaloids.
It was Reinhold von Sengbusch, a German scientist that selected, in 1928, the first varieties of yellow and blue lupine with low content of alkaloids (0.05%). The sweet varieties and the blue lupine gradually were introduced in Australia after the second World war, and the great success of the cultivation of supported the lupine export in Europe.
The lupine recently has been object of a long experimentation that involved nutritionist and alimentary technologists, in order to find a valid alternative to the soybean and in order to offer a greater nutritional quality and organoleptic properties (fragrance, taste, and colour) to the foods without gluten.
The lupine is a leguminous plant for seeds for its remarkable adaptability to the ungrateful environments, acids and where every other leguminous fails, for its capacity to improve the fertility of the soils and for its ability to produce seeds richest of proteins (over 35%) even if it does not deprive of several disadvantages, like already reported.
In the Mediterranean Region, some lupine species used for agricultural scopes are:
Statistical data
In the World the lupine is cultivated in Australia, Europe, Oceania and Africa (table 1). In the Mediterranean Basin the lupine is cultivated everywhere. In 1975 the world-wide surface cultivated was about 850.000 has. Now the world-wide surface is of 689,555 ha, from which a production of 934,225 t is obtained, corresponding to the yield of 1.35 t/ha.

Table 1 – Surface expressed in hectares (ha), quantity of production of bean dry in tons (t), value of the production noticed in thousands of dollars ($1000), yields, expressed in tons per ectar (t/ha), for the main Countries of the world (FAO, 2009).
Country Surface (ha) Production Yield (t/ha)
Quantity (t) Value ($1000)
Australia
Poland
Morocco
Germany
Chile
South Africa
Russian Federation
Ukraine
Peru
Lithuania
Spain
Ecuador
Italy
France
Egypt
Lebanon
Greece
Hungary
Argentina
Switzerland
Syrian Arab Republic
World
573,300            
30,670            
21,000            
19,869            
15,250            
14,000            
12,400            
8,500            
7,500            
7,500            
5,146            
3,800            
2,800            
2,692            
1,302            
450            
400            
272            
90            
68            
15            
689,555            
614,000           
39,686            
14,000            
50,000            
31,623            
13,300            
21,840            
14,000            
8,461            
7,300            
4,300            
1,500            
4,500            
6,821            
2,384            
1,000            
500            
381            
150            
200            
16            
934,225            
1,687            
141            
83            
5,667            
3,387            
31            
130            
33            
972            
839            
144            
163            
510            
773            
253            
119            
49            
29            
17            
23            
2            
58,389            
1.07              
1.29              
0.67              
2.52              
2.07              
0.95              
1.76              
1.65              
1.13              
0.97              
0.84              
0.39              
1.61              
2.53              
1.83              
2.22              
1.25              
1.40              
1.67              
2.94              
1.07              
1.35              


Una drastica riduzione si è avuta in Italia, dove la coltura è crollata a seguito dello spopolamento delle aree svantaggiate nelle quali il lupino aveva trovato inserimento in ordinamenti colturali poveri. Si è passati infatti dai 38.436 ha coltivati nel 1961 (con produzione di 33.290 t di granella), agli appena 2.800 ha del 2008, dislocati in Calabria, Campania, Puglia e Lazio. A fronte di questo calo di produzione non sono però registrate importazioni di lupino.
Il declino del lupino in Centro Europa, come ad esempio in Germania, ebbe inizio quando si diffuse la lupinosi, malattia che attaccava in modo pesante gli ovini.
Nuove prospettive di espansione potrebbero aprirsi per il lupino con la selezione di varietà a bassissimo contenuto di alcaloidi (varietà “dolci”).

Botanical Characters
I lupini coltivati in Europa appartengono a tre specie (figura 1): lupino bianco (Lupinus albus), lupino giallo (L. luteus) e lupino blu o azzurro (L. angustifolius).

A - Lupino bianco (<i>Lupinus albus</i> L.), B - Lupino blu o azzurro (<i>L. angustifolius</i> L.), C - Lupino giallo (<i>L. luteus</i> L.), D - Semi di lupino pronti per la vendita
Figure 1 - A: White Lupin (Lupinus albus L.), B: Blu Lupin (L. angustifolius L.) and C: Yellow Lupino (L. luteus L.), D: Seeds of lupin ready for the sale.

In Italia la sola specie interessante, perché la più adatta al clima e ai terreni prevalenti, è il lupino bianco, mentre le altre specie sono più favorite dai terreni acidi e dal clima a estate umida e fresca.
Il lupino bianco è caratterizzato dai seguenti tratti. Pianta annuale, eretta, alta fino a 1,5 m, poco ramificata, pubescente. Radice robusta, fittonante, che ospita numerosi tubercoli globosi prodotti dal Rhizobium. Le foglie sono alterne, palmato-composte, cioè composte da un lungo picciolo alla sommità del quale sono inserite 5-9 foglioline intere ovate-lanceolate, glabre sulla pagina superiore, spesso vellutate su quella inferiore. I fiori sono bianchi, grandi, vistosi, riuniti in racemi sulla parte terminale del fusto e delle ramificazioni.
Dopo la fecondazione, che è prevalentemente autogamia, si formano i legumi che sono lunghi, eretti, addossati all’asse del racemo, pubescenti, schiacciati, contenenti numerosi (3-6) semi.
I semi sono grandi, bianchi, lenticolari, di diametro fino a 15 mm, di peso variabile da 0,3 a 0,6 g per seme.
In particolare il lupino azzurro (Lupinus angustifolius) si distingue dai precedenti per le foglie lineari e strette, per i fiori azzurri, rosa o bianchi, per i semi globosi, grigi, con macchie nere triangolari sopra l’ilo, nelle forme a fiori azzurri e rosa; biancastri con macchie brune triangolari sopra l’ilo nelle forme a fiori bianchi.
Il corredo cromosomico è di 2n = 40 ed è considerato completamente autogamo.

Biologia
La durata del ciclo biologico varia da 5 a 8 mesi a seconda delle varietà e dell’epoca di semina, e risulta influenzata dalla temperatura e dal fotoperiodo. La temperatura condiziona la durata della fioritura, che dipende essenzialmente dalle disponibilità idriche. Una maggiore durata della fase di fioritura determina generalmente un aumento di produzione in conseguenza del maggior numero di baccelli allegati. L’accrescimento della pianta continua anche durante la fioritura, la quale, come la successiva maturazione, procede dal basso verso l’alto. In Lupinus albus e Lupinus luteus si manifesta la dominanza dell’asse principale sulle ramificazioni, risultando concentrata la produzione sul primo. Diversamente si verifica in Lupinus angustifolius in cui la maggior parte della produzione si trova sulle ramificazioni di 1° e 2° ordine.
Gli studi biometrici di caratterizzazione morfologica hanno quasi sempre evidenziato una certa variabilità per ognuno dei morfocaratteri considerati. Tuttavia, quando, sulla base dei caratteri morfologici rilevati e computati con il software “SPSS vers. 15”, è stato ottenuto un dendrogramma di dissimilarità mediante analisi cluster con metodo Average Linkage, si riscontra che le linee di lupino a confronto manifestano una bassa variabilità tra loro, distinguendosi appena in due sub-clusters. I valori di dissimilarità, calcolati come “distanze quadratiche Euclidee”, hanno quasi sempre oscillato tra i valori di 0,00 e 0,25 evidenziando una variabilità relativamente bassa tra le linee caratterizzate.

Esigenze ambientali
Come si è accennato, la peculiarità del lupino è quella di prosperare sui terreni acidi. È solo in questi che esso merita considerazione, infatti nei terreni calcarei il lupino non cresce e, d’altra parte, altre leguminose da granella di miglior qualità vi si possono coltivare.
La esigenza di acidità o, in altre parole, la tolleranza al calcare varia con la specie: il L. albus è il più tollerante (fino a pH 7,2), il L. luteus è il meno tollerante (pH ottimale tra 4,8 e 6).
Tutti i lupini, nessuno escluso, temono grandemente i ristagni e l’asfissia radicale, per cui solo i terreni sciolti e ben drenati si confanno loro.
I terreni subacidi di origine vulcanica presenti dal Lazio alla Campania sono i più vocati per il lupino. Per quanto riguarda le esigenze climatiche, l’elemento più importante è la resistenza ai geli: solo il lupino bianco resiste al freddo tanto da poter essere seminato in autunno in Italia e d’altra parte tollera i calori e la siccità che quivi incontra nella fase di maturazione.

Varietà
Il miglioramento genetico del lupino è iniziato diversi decenni fa con l’obiettivo di abbassare il contenuto di alcaloidi dei semi. Varietà straniere “dolci” sono oggi disponibili sia di lupino bianco sia di lupino azzurro: di tutte va verificato se siano idonee alla semina autunnale in Italia.
Nuovi obiettivi che il miglioramento genetico ha iniziato a perseguire sono la resistenza alle crittogame, la indeiscenza dei baccelli, la tolleranza al calcare, la resistenza al freddo.
Alcune varietà utilizzate in trials di confronto varietale, nei quali la densità di semina è stata di 55,5 semi per m2) sono: Da questa esperienza sembrerebbe che la coltura del lupino sia praticabile anche nei nostri areali con discrete rese, previo inoculo del seme con il rizobio specifico, Bradyrhyzobium lupini. Le varietà hanno mostrato un comportamento simile per portamento vegetativo (eretto), tolleranza all’allettamento e alla stroncatura e per l’indeiscenza dei baccelli.
Sono visualizzate alcune varietà di lupino del commercio:
Figure 2 – White lupin edible with large seed.

Figure 3 – White Lupin.

Figure 4 – Flecked giant lupin.


Figure 5 – Blu Lupin of which the plant in fructification stage is observed.

Figure 6 – Blu Lupin: stages of the pod ripening.



Tecnica colturale
Il lupino va considerato come una coltura miglioratrice che si alterna con il cereale autunnale e che richiede una tecnica non meno curata delle altre coltivazioni. Quindi: aratura delle stoppie a media profondità, anticipata il più possibile rispetto alla semina, ed erpicature per preparare il letto di semina che peraltro, non richiede di essere molto amminutato.
La semina del lupino bianco in Italia si fa in ottobre-novembre, a file distanti 0,25-0,35 m con un numero di semi idoneo ad assicurare una densità di popolamento di 20-30 piante a m2; con i tipi più comuni necessitano 100-150 Kg/ha di seme. Il lupino riesce a ben compensare deficienze d’investimento mediante la maggior ramificazione delle piante esistenti.
La concimazione da adottare ordinariamente è quella fosfatica: si può ritenere che 60-80 Kg/ha di P2O5 soddisfino largamente le esigenze della coltura. La concimazione potassica non è certamente necessaria nel caso di terreni subacidi di origine vulcanica, mentre può essere utile nei terreni silicei, acidi per dilavamento dei cationi. L’azoto non è mai necessario, grazie all’attiva azotofissazione simbiotica che ha luogo nei tubercoli radicali, abbondanti nel lupino.
Il controllo delle malerbe può essere realizzato con il diserbo; i diserbanti applicabili sul lupino sono compresi tra quelli già citati per le altre leguminose da granella.

Raccolta e utilizzazione
La maturazione si raggiunge in giugno-luglio. Tradizionalmente il lupino era raccolto prima della piena maturazione, tagliando o estirpando le piante, lasciandole in campo a completare l’essiccazione e trebbiandole successivamente a parte.
La raccolta con mietitrebbiatrice è ostacolata dalla scolarità con cui i baccelli maturano, dalla facile deiscenza dei baccelli stessi e dalla possibilità che i semi siano rotti dagli organi lavoranti della mietitrebbiatrice. Le produzioni medie che risultano dalle statistiche sono piuttosto basse, ma con un’idonea tecnica di coltivazione produzioni di 2,5-3,5 t/ha di granella dovrebbero essere realizzabili.

Avversità e parassiti
Avversità crittogamiche che possono recare serio pregiudizio al lupino sono i marciumi radicali (Fusarium spp., Rhizoctonia solani, Phythium debaryanum), favoriti dal terreno asfittico. Anche diversi virus possono attaccare questa specie.
Tra gli insetti si ricordano Hylemia sp.pl., Heliotis sp.pl. ed afidi diversi, questi ultimi temuti soprattutto come vettori di virus nelle piante delle varietà dolci.

Raccolta
La raccolta pone qualche problema considerata la scalarità di maturazione, dalla deiscenza dei baccelli e dalla suscettibilità alla rottura dei semi al passaggio negli organi lavoranti delle mietitrebbiatrici. Le rese produttive in seme di lupino vanno da 0,7 a 3,0 t/ha.

Note nutrizionali ed utilizzo della granella
Il lupino azzurro presenta un contenuto proteico elevato, inferiore solo alla soia e, di poco, al lupino bianco. Assieme a quest’ultimo è ritenuto idoneo, soprattutto se di tipo dolce, per l’alimentazione animale e per la produzione di concentrati proteici da impiegare sia in zootecnia sia per il consumo umano. Presenta un valore nutrizionale accettabile assieme ad un’elevata digeribilità delle proteine, fattori che rendono la granella utilizzabile con successo nell’alimentazione di giovani suini e pollame ,con valore nutritivo equivalente a quello della soia. Le nuove varietà straniere ad habitus determinato costituiscono inoltre una fonte considerevole di proteine anche per i ruminanti, senza alcun effetto negativo sulla performance degli animali.
La composizione aminoacidica non risulta ottimamente equilibrata per l’uso zootecnico, presentando carenze di metionina e lisina e un eccesso di arginina. La complementazione con alcuni cereali permette tuttavia di ottenere una proteina alimentare valida sia per la dieta dei monogastrici che nel razionamento dei ruminanti.
Come già ricordato i semi trovano un limite al loro impiego nell’elevato contenuto in alcaloidi, che però sono solubili in acqua e possono essere eliminati mediante immersione in acqua o bollitura seguita da lisciviazione.
Negli animali non sono stati rilevati effetti tossici di alcun genere a causa dell’alimentazione con semi di lupino dolci; quelli amari invece, a causa degli alcaloidi presenti, causano intossicazioni acute, in alcuni casi anche mortali, soprattutto se gli animali sono affamati, poiché in caso contrario i principi amari ne limiterebbero molto il consumo.

Lupino e salute
Il consumo di cibi derivati dai semi della pianta ha dimostrato di ripulire le arterie riducendo di oltre il 10% i livelli di colesterolo e funziona anche come antiipertensivo.
Le proteine sono fondamentali per la nutrizione dell’uomo e sono ricercate sempre più nei vegetali, nei legumi in particolare. E proprio tra questi si registra non tanto una novità, quanto un grande ritorno alle tradizioni: sulle tavole europee riappare il lupino. Già noto in epoca, il legume sta suscitando grande interesse poiché si stanno scoprendo virtù terapeutiche inaspettate: recenti studi italiani e internazionali dimostrano che il consumo di lupino svolge un’azione importante nel ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e nel prevenire ipertensione e diabete.
Le più significative ricerche condotte in Italia ed in vari Paesi europei e gli orientamenti per la produzione di alimenti innovativi a base di lupino sono al centro del dibattito. Ma questo ritorno non coinvolge solo medici e ricercatori: anche i cuochi, in particolare gli specialisti in cucina vegetariana, hanno raccolto la sfida, preparando piatti a base di proteine di lupino di grande livello. Gli esperti ne sono certi, il gusto gradevole e ‘mediterraneo’ di questo legume ne favorirà la diffusione: grazie all’alto contenuto di proteine (34-43% sul peso secco), di olio (5,4-10%) e di amino acidi essenziali, il legume rappresenta un elemento prezioso per l’alimentazione umana superiore alla più nota soia.
Il lupino, pertanto, rappresenta il tipico esempio di un ritorno importante, sia in cucina, sia nella cura di molte ‘malattie del benessere’. Per diffondere le proprietà nutrizionali del lupino e approfondire le conoscenze tecniche necessarie alla sua lavorazione è nato il progetto di ricerca Healthy-Profood, finanziato dall’Unione Europea, che annovera tra i partner centri universitari di tutta Europa e l’Associazione europea per la ricerca sui legumi (AEP).
E’ stato dimostrato che negli animali una modesta aggiunta di lupino può ridurre la colesterolemia in modo significativo. Un recente studio condotto in Polonia su pazienti ipercolesterolemici ha evidenziato un calo del colesterolo totale del 10% e del colesterolo ‘cattivo’ (LDL) superiore al 12% dopo solo un mese di trattamento. Ma i benefici per la salute non si fermano qui. Il lupino ha effetti ipotensivi. Da uno studio condotto in Finlandia si evince come il legume sia efficace nella riduzione della pressione arteriosa. Infine, al contrario della soia, non contiene fitoestrogeni (isoflavoni), deboli sostanze ormoniche di dubbia efficacia nella cura delle turbe menopausali, per i quali sono state poste severe restrizioni in diversi Paesi occidentali.
Oltre ad aiutare e proteggere il cuore, il lupino ha mostrato effetti benefici anche nel ridurre la glicemia in soggetti diabetici e nel ridurre la pressione negli ipertesi. Per questi motivi la “Food and Drug Administration” ha deciso di inserire la soia ed i lupini fra gli alimenti utili contro le malattie coronariche. Riscopriamo il lupino, non solo per gli intolleranti al glutine, ma anche per gli altri, che oltre a beneficiarne del gusto danno un piccolo aiuto al proprio cuore.
Per le sue caratteristiche nutrizionali, il lupino è l’unico legume che può sostituire la soia. Il suo contenuto in proteine può raggiungere infatti il 40% e quello di olio il 12%, con una significativa presenza di amino acidi essenziali. E soprattutto, essendo al momento ridotto l’interesse delle multinazionali, non esiste nel mondo nessuna coltivazione di piante di lupino geneticamente modificate. Rispetto a quello di soia e di altri legumi, il seme di lupino ha anche altre caratteristiche nutrizionali interessanti, come quantità minime di fitati, di inibitori della tripsina, di lectine, di saponine e di oligo-zuccheri. Tutti composti che rendono poco digeribili i legumi che non siano stati sottoposti a cottura prolungata. Queste conoscenze potrebbero avere un’importanza fondamentale a livello internazionale nel settore dei prodotti dietetici.

I risultati di alcune ricerche
Il primo problema che il lupino ha dimostrato di avere durante le prove sperimentali è sicuramente quello di una scarsa germinazione dei semi/emergenza plantule, che è risultata fortemente condizionata dalle precipitazioni del periodo immediatamente successivo alla semina. Una scarsa copertura del campo comporta poi un maggior rischio di infestazione soprattutto nel periodo maggio-giugno, quando il trattamento in pre-emergenza ha perso la sua efficacia e dove eventuali e frequenti piogge possono rendere inefficace persino la scerba tura manuale, che non sarebbe comunque applicabile in pieno campo.
Questo problema risulta maggiore in caso di semine invernali e l’ovvia soluzione potrebbe essere quella di anticipare le operazioni in autunno, con l’accortezza però di utilizzare genotipi resistenti al freddo. Dalle prove effettuate, la semina autunnale ha prodotto effettivamente di più rispetto ad altre epoche di semina.
Per quanto riguarda la densità di semina più adeguata si sono ottenuti risultati variabili nel corso degli anni, con differenze di produzione spesso limitate. La densità di 75 semi germinabili/m2) è quella che ha comportato le rese significativamente più basse ed una scarsa presenza di piante. La densità di 100 semi/m2, a causa di un miglior rapporto produzione/densità colturale, è quella da consigliare.
Le caratteristiche morfologiche delle piante sono risultate adatte alla raccolta meccanizzata.



Top

Return to Introduction

Return to Home page


This page has been visited times

© Fiume Francesco 2005