Chicory


Taxonomy of the Chicory (Cichorium intybus L.) according to Cronquist System
Superdominium/Superdomain: Biota
Dominium/SuperKingdom : Eukaryota
Regnum/Kingdom: Plantae
SubRegnum/SubKingdom: Tracheobionta
Superdivisio/Superdivision: Spermatophyta
Divisio/Division: Magnoliophyta Cronquist, 1996
Subdivisio/Subdivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Classis/Class: Rosopsida Batsch, 1778
Subclassis/Subclass: Asteridae Takht., 1967
Superordo/Superorder: Asteranae Takht., 1967
Ordo/Order: Asterales Lindl., 1833
Familia/Family: Asteraceae Martynov, 1820
Subfamilia/Sottofamily: Cichorioideae (Juss.) Chevall., 1828
Tribus/Tribe: Cichorieae Lam. & DC., 1806
Subtribus/Subtribe: Cichoriinae Cass. ex Dumort., 1829
Genus: Cichorium L. (1753)
Species: Cichorium intybus Linneo, 1753
Taxonomy of the Chicory (Cichorium intybus L.) according to APG System
Regnum/Kingdom: Plantae
Clade: Angiosperm
Clade: Eudicots
Clade: Angiosperm tricolpate
Clade: Core tricolpate
Clade: Asterids
Clade: Euasterids I
Ordo/Order: Asterales Lindl., 1833
Familia/Family: Asteraceae Martynov, 1820
Subfamilia/Subfamily: Cichorioideae (Juss.) Chevall., 1828
Tribus/Tribe: Cichorieae Lam. & DC., 1806
Subtribus/Subtribe: Chicoriinae (Cass.) Dumort., 1829
Genus: Cichorium L. (1753)
Species: Cichorium intybus Linneo, 1753


Economic importance, origin and diffusion of the chicory
The chicory is a typical plant of the Mediterranean regions in which it likes to place the main area of origin. Besides the numerous cultivated varieties, in some regions they are commonly used for human feeding also the spontaneous plants.
The chicory cultivations are diffused in all the national territory: the cultivated total surface to chicory in Italy is 15.400 has, with a production total of 231.334,5 tons and a harvesting production of 221.468 tons. The average yield has been of 14,98 tons/ha. It must however emphasized that these data (Istat, 2002) include also the radicchio and that, with reference to the consumption of this delicate plant from garden, a remarkable amount comes from spontaneous plants.
The region mainly interested to this cultivation is Apulia (4,080 has), followed from Lombardy (634 has), Lazio (485 has) and Tuscany (318 has).
Considering the various types of chicory, in Apulia the “Catalogna” variety is cultivated mainly. The chicory types with coloured or variegated leaves, more commonly named “Radicchio”, instead they prevail, in the Veneto.
In the other Italian regions a clean prevalence of a type regarding the other does not exist. The cultivation of the chicory has had a remarkable development from the post-war period up to today, not only in the traditionally important regions but also in all the others, in relation to the production calendar that interests autumnal and winter seasons when are scarce some types of vegetable.
Besides the possibilities of use of the chicory already remembered, the tap roots of the chicory can be toasted in order to prepare the coffee replaced, but this destination currently has scarce importance.
Chicory is much rich in water (92-94%) with remarkable contained in K, Ca and P; low the caloric and protein content. Chicory is mainly appreciated for the organoleptic characteristics, the remarkable diuretic and laxatives properties.
Cichorium intybus, the common chicory, has a scientific name that it have, according to some Authors, some synonyms: Cichorium intybus L. subsp. glabratum (C.Presl) Arcang.; Cichorium intybus L. subsp. sativum (Bisch.) Janch.; Cichorium intybus L. subsp. foliosum (Hegi) Janch. In accord with other Authors the names now indicated are only the varieties of Cichorium intybus. For example, the last cited (Cichorium intybus L. subsp. foliosum) is the scientific name of the witlof or Brussel chicory.
The chicory is diffused in the United States of America and in Europe. In Italy the chicory is diffused in all the Peninsula.
The cicoria is found in uncultivated places, barren lands, along the roads, the fields, from the plain to the zones mounts of the Europe, North Africa and southern, western Asia, northern and southern America, Australia, India, New Zeland. The used parts of the chicory are the root and the leaves.
The common names with which the vegetable species is famous in some countries of the world are:

Botanical characteristics
The root of the chicory is a tap root. This tap root is cylindrical, long and fleshy and it is always used, after drying, roasting and grinding, to obtain substitute of the coffee. The stem is right, rigid and angular, can catch up the height of 1 m and it is much branched. The basal leaves are deeply tapped like acute toots; the higher leaves are small, lanceolate, semi embracing the stem (figure 1).

Figure 1 – Plants of Cichorium intybus at different growth stages.


The flowering happens in July-September. The flowers, grouped in large capitulums of a splendid blue colour, blossom to the dawn and are closed, decolourating, towards the sunset. The chicory flowers are re-united in clusters of 2-3 capitulums, finishing or axillaries, carried on scape high also a 1-1,5 meters. Every capitulum is composed of 20-25 flowers some of which are ligulates with deep blue ligulae simulating a corolla (figures 2). The fruit is an achene (improperly named seeds) of obovata-pyramidal form (weight of 1.000 seeds equal to 1,1-1,6 grams).

Figure 2 – Inflorescence of Cichorium intybus typical of the family of the Asteraceae or Compositae.


Wild Chicory cultivated
“Wild Chicories” are selected types of wild chicory that have been “tamed” becoming, referring to the seed, motive of commercialization. The following varieties are cited:

Figure 3 – Wild variety with white stem and ribs. Figure 4 – Wild variety with red stem and ribs.



Chicory with green leaves and for cut
Si semina a righe, a strisce o a spaglio, durante tutti i mesi dell’anno, eccetto i più freddi. Necessita di terreno fresco e molto fertile, ben concimato ed irrigato frequentemente. Poiché le piantine sono a rapida crescita, si può procedere a ripetuti tagli delle foglie (5 o 6) quando sono ancora tenere, per destinarle al consumo fresco come insalata. Quando dalle pianticelle si sviluppano gli steli fiorali, la parte apicale degli stessi viene consumata fresca previo ripetuto taglio longitudinale che provoca la formazione di caratteristiche strisce arricciate. Le varietà più diffuse sono:
- “spadona verde selvatica”, è una varietà con cespo a portamento eretto, foglie lunghe e strette di colore verde brillante con coste fini (figure 5);
- “spadona bionda”, con cespo a portamento eretto, con foglie lunghe e strette di colore biondo (figure 6);
- “zuccherina di Trieste selezione Density”, è una selezione di tipo precocissimo che rivegeta rapidamente. Foglie larghe e arrotondate disposte a rosetta. Portamento eretto con costolature e nervature poco accentuate (figure 7).


Figure 5 – “Spadona verde selvatica”, an interesting italian variety. Figure 6 – “Spadona bionda”, with erect and bearing tuft, with long and tightened leaves of a beautiful blond colour. Figure 7 – “Zuccherina di Trieste selezione Density”.


Altre varietà sono la “mantovana o cappotta selezione ice”, con foglie ampie e rotonde di colore verde chiaro che formano un cespo ovale; la “Radice di Soncino”, a portamento semi-espanso con foglie allungate, radice lunga e cilindrica, con cuore bianco e molto tenero.

Cicoria da foglie e steli
Se ne consumano i cespi interi, costituiti dalle foglie e dai giovani germogli (puntarelle). Le varietà più note sono:
- “Catalogna” (figura 8) e la “Catalogna a foglia frastagliata selezione Ischia” (figura 9) con cespo eretto e foglie lunghe e frastagliate di colore verde medio, con coste bianche;
- “Catalogna a stelo rosso” (figure 10), con cespo eretto, con foglie frastagliate di colore verde medio, con coste rosse;
- “Catalogna gigante di Chioggia selezione Laguna”, con cespo voluminoso, foglie allungate, erette e frastagliate di colore verde scuro, coste ben marcate e carnose, ciclo precoce;
- “Catalogna del Veneto”, con cespo eretto, con lunghe foglie intere di colore verde medio, con coste bianche ben marcate e carnose;
- “Catalogna di Galatina selezione Murge” a ciclo medio-tardivo, foglie lunghe e frastagliate di colore verde scuro, coste bianche ben marcate, cespo voluminoso alla base del quale si sviluppano le puntarelle corte e larghe, molto ravvicinate che danno luogo ad una formazione molto richiesta;
- “Catalogna puntarelle a foglia stretta”, a cespo eretto, molto compatto, foglie lunghe e strette di color verde medio.
Altre varietà caratteristiche per le foglie avvolgenti sono:
- “migliorata bionda” (figure 11), con grumolo voluminoso, con foglie larghe e arrotondate di colore biondo;
- “grumolo biondo selezione Golden” (figure 12), con grumolo a rosetta, con foglie arrotondate e spesse di colore biondo;
- “bianca di Milano” (figure 13), con foglie ampie ed avvolgenti di colore verde chiaro con nervature pronunciate che formano un cespo allungato;
- “grumolo verde scuro selezione Doris” (figure 14), con grumolo a rosetta, con foglie arrotondate e spesse di colore verde scuro lucente;
- “pan di zucchero selezione Duomo” (figure 15), con cespo voluminoso, grosso e ben serrato formato da foglie ampie ed avvolgenti di colore verde chiaro.
La semina di queste varietà si fa in luglio-agosto (per avere la produzione in autunno-inverno), con 3-5 kg/ha di seme, diradando in modo da avere 7-10 piante/m2.

Figure 8 – Cichorium intybus variety named “Catalogna”.


Figure 9 – “Catalogna selection Ischia” with indented leaves. Figure 10 – “Catalogna a stelo rosso, con apprezzate coste rosse”.


Figure 11 – “Migliorata bionda”. Figure 12 – “Grumolo biondo selection Golden”.


Figure 13 – A selection of the “bianca di Milano”. Figure 14 – “Grumolo verde scuro selection Doris”. Figure 15 – “Pan di zucchero selection Duomo”.


Proprietà terapeutiche
La cicoria selvatica contiene sali di potassio, ferro, un glucoside amaro, glucidi, lipidi, protidi, vitamine B, C, P, K, aminoacidi, inulina (le radici). Tutta la pianta contiene anche un latice fortemente amaro, la “lattucina”, che fa parte dei numerosi principi attivi della pianta.
Grazie a questi suoi componenti, la cicoria è un ottimo tonico, amaro-digestivo, remineralizzante, antianemico, depurativo, diuretico, coleretico (aumenta la secrezione biliare) e leggermente lassativo. Sia le foglie che le radici si usano per curare l’anoressia, le astenie, l’anemia, le insufficienze biliari ed epatiche, l’atonia gastrica, la gotta, l’artrite ecc. Per uso esterno è usata per curare i foruncoli e gli ascessi.
Le foglie si raccolgono prima della fioritura e si essiccano in luoghi aerati; le radici si raccolgono invece in autunno, si dividono in più parti e si mettono ad essiccare al sole. Si consiglia pure di consumare di frequente le foglie della cicoria – particolarmente amare e non più commestibili dopo la fioritura – sotto forma di alimento, sia crude in insalata, sia bollite per sfruttare il loro contenuto in minerali e vitamine e ottenerne un ottimo effetto depurativo. Anche le radici, cotte e condite al modo delle carote, svolgono una notevole azione terapeutica.
Un efficace infuso depurativo si prepara con 30 g di foglie preferibilmente fresche per ogni litro d’acqua: se ne prende una tazza prima dei pasti. Una tisana, utilissima nei disturbi intestinali, si ottiene versando in mezzo litro d’acqua bollente 10 g di radici di cicoria e una cucchiaiata di fiori di borragine; dopo 5-6 minuti si può aggiungere un po’ di miele e bere a tazze.
Il decotto per combattere la stitichezza e l’inappetenza dei bambini, per depurare il fegato e stimolare la secrezione biliare, si prepara con circa 20 g di radici fresche per ogni litro d’acqua; si fa bollire per 5 minuti e si tiene in infusione per 15; se ne beve una tazza prima dei pasti principali.


Top

Return to Introduction

Return to Home page







Witloof or Belgium chicory




Taxonomy of the Witloof or Belgium chicory (Cichorium intybus var. foliosum Hegi) according to Cronquist System
Dominium/Superkingdom: Eukaryota
Regnum/Regno: Plantae
SubRegnum/SubKingdom : Tracheobionta
Superdivisio/Superdivision: Spermatophyta
Divisio/Division: Magnoliophyta Cronquist, 1996 (Flowering plants/Piante con fiori)
Subdivisio/Subdivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Classis/Class: Rosopsida Batsch, 1778
Subclassis/Subclass: Asteridae Takht., 1967
Superordo/Superorder: Asteranae Takht., 1967
Ordo/Order: Asterales Lindl., 1833
Familia/Family: Asteraceae Martynov, 1820
Subfamilia/Subfamily: Cichorioideae (Juss.) Chevall., 1828
Tribus/Tribe: Cichorieae Lam. & DC., 1806
Subtribus/Sottotribe: Cichoriinae Cass. ex Dumort., 1829
Genus: Cichorium L. (1753)
Species: Cichorium intybus Linneo 1753
Variety: Cichorium intybus L. (1753) var. foliosum Hegi, 1753
Taxonomy of the Witloof or Belgium chicory (Cichorium intybus var. foliosum Hegi, 1753.) according to APG System
Regnum/Kingdom: Plantae
Clade: Angiosperm
Clade: Eudicots
Clade: Angiosperm tricolpate
Clade: Core tricolpate
Clade: Asterids
Clade: Euasterids I
Ordo/Order: Asterales Lindl., 1833
Familia/Family: Asteraceae Dumort., 1822
Subfamilia/Sottofamiglia: Cichorioideae (Juss.) Chevall., 1828
Tribus/Tribe: Cichorieae Lam. & DC., 1806
Genus: Cichorium L. (1753)
Species : Cichorium intybus Linneo, 1753
Variety: Cichorium intybus variety foliosum Hegi, 1753


According to some botanist, the Witloof, Cichorium intybus variety foliosum, would be a botanical cultivar for that the botanical variety now indicated would have a synonym: Cichorium intybus variety foliosumHegi cv. “Witlof”.

In the world, the Witlof is named by the following common names:
  • CHINESE: Bao xin ju ju , Juan xin ju ju, Qing bao xin ju ju, Bai ye (Chicon, blanched leaves).
  • DANISH: Cikoriesalat, Julesalat.
  • DUTCH: Witlof.
  • ENGLISH: Belgium endive, Belgium chicory, Blanching chicory, Dutch chicory, Witloof, Green-leaved blanching chicory, Chicon (blanched leaves).
  • FINNISH: Witloof-sikuri .
  • FRENCH: Endive commune, Endive à feuilles blanches, Chicorée de Bruxelles, Chicorée witloof.
  • GERMAN: Zichoriensalat.
  • ITALIAN: Cicoria witloof, Cicoria di Bruxelles.
  • PORTUGUESE: Endivia, Endiva.
  • SPANISH: Endibia, Achicoria de Bruselas, Achicoria de barba gruesa.
  • SWEDISH: Cikorisallad.

Figure 16 – Witloof forcing and blanching. Figure 17 – Witloof blanched in environment without light.
Figure 18 – Inflorescence of Cichorium intybus variety foliosum. Figure 19 – A tasty dish where the witloof is a landlady.


Commercial characteristics of the witloof
    Esigenze minime
  • pulita;
  • esente da terra (esclusi ortaggi radice, bulbi e tuberi non lavati);
  • conforme alla varietà;
  • sana;
  • di aspetto fresco;
  • sviluppo normale e stadio di maturazione conforme alla stagione;
  • di colorazione conforme alla varietà e al periodo di raccolta;
  • senza eccessiva umidità esterna, sgocciolato se si tratta di ortaggio lavato;
  • esente da odori e gusti estranei;
  • esente da tracce di danni da gelo o eventi climatici sfavorevoli;
  • esente da parassiti e malattie e relativi danneggiamenti;
  • esente da ammaccature, tumefazioni e lesioni in generale;
  • esente da marciumi.

    Prescrizioni specifiche
  • grumolo sodo e ben chiuso; sono ammesse alcune punte leggermente aperte se l’apertura non supera 1/5 del diametro massimo del grumolo: vedi foto a sinistra in basso;
  • base tagliata netta in modo accurato;
  • forma omogenea;
  • da bianco a bianco-giallo, senza punte verdi;
  • asse centrale al massimo 3/4 dell’altezza del cespo: vedi foto al centro in basso;
  • senza zone di colore marrone o rossiccio; ad esempio le zone intensamente colorate della foto in basso a destra rendono la cicoria commercialmente non accettabile
  • colore dell’asse centrale.

    Dimensioni
  • Lunghezza: 11–19 cm;
  • Diametro minimo nel punto più largo: 30 mm.

    Omogeneità
  • La dimensione dei prodotti nel medesimo imballaggio deve essere omogenea, per non penalizzare l'impressione generale.

    Tolleranze
  • Le tolleranze di qualità e calibratura (addizionate) non devono essere superiori a 10%.

    Identificazione
  • Designazione del prodotto (a partire dal primo livello commerciale);
  • Nome e indirizzo del produttore o dell'intermediario che ha confezionato il prodotto o del dettagliante o dell'importatore;
  • Paese di produzione;
  • Sistema di produzione, nel caso si tratti di produzione “hors sol” o di coltura di serra.

    Esigenze supplementari per le merci preimballate (non trasformate)
  • Peso dell'unità di vendita;
  • Prezzo base al kg;
  • Prezzo di vendita dell'unità.

    Per le verdure contrassegnate da un marchio o da un label è richiesto il rispetto delle esigenze dei relativi regolamenti e/o ordinanze.


Figura 20 – Metodologia nei rilievi biometrici sul grumolo della cicoria di Bruxelles, ai fini della determinazione delle caratteristiche di qualità.


Top

Return to Introduction

Return to Home Page


This page has been visited times

© Fiume Francesco 2005