Chickpea



Taxonomy of the Chickpea (Cicer arietinum L.) according to Cronquist System
Superdominium/Superdomain: Biota
Dominium/SuperKingdom: Eukarya
Regnum/Kingdom: Plantae
SubRegnum/Subkingdom: Tracheobionta
Superdivisio/Superdivision Spermatophyta
Divisio/Division: Magnoliophyta
Classis/Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclassis/Subclass: Rosidae Takht., 1967
SuperOrdo/Superorder: Fabanae R. Dahlgren ex Reveal, 1993
Ordo/Order: Fabales
Familia/Family: Fabaceae o Papilionacee
Subfamilia/Subfamily: Faboideae o Papilionoideae
Tribus/Tribe: Cicereae Aleféld,
Genus : Cicer L., 1753
Species: Cicer arietinum L., 1753

Taxonomy of the Chickpea (Cicer arietinum L.) according to APG System

Kingdom/Kingdom: Plantae
Clade: Angiosperms
Clade: Eudicots
Clade: Angiosperme tricolpate
Clade: Tricolpate Core
Clade: Rosids
Clade: Eurosids I

Ordo/Order: Fabales
Familia/Family: Fabaceae o Papilionacee
Subfamilia/Subfamily: Faboideae o Papilionoideae
Tribus/Tribe: Cicereae Aleféld,
Genus: Cicer L., 1753
Species: Cicer arietinum L., 1753

The synonyms of this species are the following:

The common names in the world of this >i>Fabaceae are the following:
Origin and diffusion
Among the species producing seeds of the leguminosae family, the chickpea is the more ancient cultivation; the remotest traces of the use of this species go back to beyond 7400 years ago in the today's Turkey, like tried by archaeological discoveries, while later stories of this species have been found in various neolithic sites of the Mean-east, in Irak (from 4° the millenium b.C.), in the civilization Egyptian (from 2° the millenium a.C.), in India (from the beginning of 2° the millenium a.C.) and in Greece (from 8th century a.C.).
The species is original of western Asia, starting from which has been diffused in the Mediterranean area and to east of the Indian subcontinent. In more recent times the chickpea has only caught up the African continent starting from the Mediterranean sea, diffusing itself above all in Ethiopia. During the 6th century the chickpea was sprayed in the Americas by the Spanish and Portuguese conquerors. Last continent to being caught up from this cultivation, in relatively recent times, is the Australia.
The world leader in production of chickpea is the India, followed by, Turkey, Pakistan, Australia. In Europe, the most important producer is the Spain with a production of 22,300 t, a surface of 20,832 ha and an yield of 1,07 t/ha.

Table 1 – Surface expressed in hectares (ha), quantity of production of bean dry in tons (t), value of the production noticed in thousands of dollars ($1000), yields, expressed in tons per ectar (t/ha), for the main Countries of the world (FAO, 2009).
Country Surface (ha) Production Yield (t/ha)
Quantity (t) Value ($1000)
India
Turkey
Pakistan
Australia
Ethiopia
Myanmar
Mexico
Iran
Canada
Yemen
United States of America
Malawi
Morocco
Tanzania
Syria
Spain
Russian Federation
Sudan
Israel
Tunisia
Egypt
Nepal
Italy
Eritrea
Moldova
Uganda
Greece
Uzbekistan
Peru
Portugal
7,543,700           
486,199           
1,106,800           
338,223           
226,785           
225,000           
90,970           
426,248           
42,400           
21,605           
33,225           
98,000           
64,900           
70,000           
75,800           
20,832           
13,000           
7,653           
5,600           
11,200           
3,704           
9,238           
5,265           
6,686           
2,000           
6,300           
2,900           
2,500           
2,032           
1,700           
5,748,600           
518,026           
474,600           
442,543           
286,820           
260,000           
164,605           
113,349           
67,000           
58,245           
50,712           
40,000           
38,100           
31,000           
27,100           
22,300           
18,000           
16,500           
12,220           
10,880           
7,866           
7,319           
6,250           
4,320           
3,500           
3,300           
3,200           
3,200           
2,449           
996           
1,897,235           
159,928           
111,633           
176,360           
111,463           
102,091           
52,067           
23,423           
27,374           
23,797           
19,006           
11,088           
14,240           
12,093           
9,564           
5,638           
7,241           
6,632           
4,615           
4,033           
2,948           
2,743           
2,342           
1,619           
1,312           
1,237           
1,199           
1,199           
918           
373           
0.76               
1.07               
0.43               
1.31               
1.26               
1.16               
1.81               
0.27               
1.58               
2.70               
1.53               
0.41               
0.59               
0.44               
0.36               
1.07               
1.38               
2.16               
2.18               
0.97               
2.12               
0.79               
1.19               
0.65               
1.75               
0.52               
1.10               
1.28               
1.21               
0.59               


The chickpea is the third important leguminous species cultivated in the world after the bean and pea. The cultivated surface in the world is of 11,081,938 ha, that give a production of 9,774,082 t and an average yield of 0.88 t/ha (Fao, 2009). The greater of the product is consumed locally
In Europe, the Country that produce the greater quantity of chickpea is the Spain with 22.300 t, 20.832 ha and a yield of 1,07 t/ha (less than 0,6% of the world production), followed (to remarkable distance) from Italy, with about 6.250.000 t annue. In Italy the surface of chickbean is down less than 5.500 hectares, all localized in the southern and insular regions (figure 1).
These data represent the result of a remarkable decline of the cultivated surface of chickpea in our Country in the last thirty years.

Figure 1 - Surface, production (up) and yields (down) of chickpea in Italy.


Like it is possible to see in the brought back graphics over, to a high and fast contraction in the first years '70, a slow decline of the cultivation surfaces are followed, then stabilized in the second half of years '90 on an order of 3,000 hectares. The reduction of the surfaces has been alone a small part compensated from an increment of the yield, however remained, in the national statistic average, on values (1,2 t/ha) much far from the potential of the yield of this cultivation, also in environments that are productively more disadvantage, like those of the southern Italy, where, like already said, chickpea cultivations are mostly is diffused.
The perspectives of development of the chickpea cultivation (which finds an higher competition in the product of import), analogously to realized how much for a similar species like lentil, they remain tied essentially to the location of potential productive basins (with priority for the quality of the obtainable production) and to the parallel creation of trade marks that allow to the consumer to identify the quality product and to address the choice on it, also to forehead of a greater cost in comparison to generic the product of import.
Other possible lines of development for this cultivation are those tied to some types of cultivation, like that “biological”; in this case the product is not in competition with that one of import (not biological) and can cause on the market potential and profitable prices for the producer; moreover numerous they are the advantages of the use of this species in cultivation orderings for the biological farms: insufficient “intrinsic” necessity of technical inputs (mineral fertilizers, phyochemical products), nitrogen application in the cultural system for natural way (fixing nitrogen).
The dry seeds of the chickpea are an optimal food for the man, rich in protein (15-25%) of high quality among the best ones within the seed leguminous.

Botanic characters
Chickpea is a herbaceous annual plant which branches from the base. It is almost a small bush with diffused, spreading branches. The plant is mostly covered with glandular or nonglandular hairs but some genotypes do not possess hair.
Based on seed size and color, cultivated chickpeas are of two types:
  • Macrosperma (kabuli type). The seeds of this type are large (100-seed mass >25 g), round or ramhead, and cream-colored. The plant is medium to tall in height, with large leaflets and white flowers, and contain no anthocyanin.
  • Microsperma (desi type). The seeds of this type are small and angular in shape. The seed color varies from cream, black, brown, yellow to green. There are 2-3 ovules pod-1 but on an average 1-2 seeds pod-1 are produced. The plants are short with small leaflets and purplish flowers, and contain anthocyanin.
Seed and Germination: chickpea seeds have a seed coat, two cotyledons, and an embryo. The seed coat consists of two layers, the outer testa and the inner tegmen, and a hilum. The hilum is the point of attachment of the seed to the pod. There is a minute opening above the hilum called the micropyle, and a ridge formed by the funicle called the raphe. The embryo consists of an axis and two fleshy cotyledons. The pointed end of the axis is the radicle and the feathery end the plumule.
Chickpea seeds germinate at an optimum temperature (28-33 °C) and moisture level in about 5-6 days. Germination begins with absorption of moisture and swelling of the seed. The radicle emerges first followed by the plumule. The portion of the axis above the cotyledon called the epicotyl, elongates and pushes the plumule upward. The growth of the plumule produces an erect shoot and leaves, and the radicle grows to produce the roots. The first true leaf has 2 or 3 pairs of leaflets plus a terminal one (Fig. 1j). The plumular shoot and lateral branches grow continuously to develop into a plant.
Root: chickpea plants have a strong taproot system with 3 or 4 rows of lateral roots. The parenchymatous tissues of the root are rich in starch. All the peripheral tissues disappear at plant maturity, and are substituted by a layer of cork. The roots grow 1.5-2.0 m deep. Chickpea roots bear Rhizobium nodules. They are of the carotenoid type, branched with laterally flattened ramifications, sometimes forming a fanlike lobe.
Stem: the chickpea stem is erect, branched, viscous, hairy, terete, herbaceous, green, and solid. The branches are usually quadrangular, ribbed, and green. There are primary, secondary, and tertiary branches. Primary branches arise from the ground level as they develop from the plumular shoot as well as the lateral branches of the seedling. They are thick, strong, and woody, and may range from one to eight in number.
Secondary branches develop at buds located on the primary branches. They are less vigorous than the primary branches. Their number ranges from 2 to 12. The number of secondary branches determines the total number of leaves, and hence the total photosynthetic area.
Tertiary branches arise from the secondary branches.
The primary branches form an angle with a vertical axis, ranging from almost a right angle (prostrate habit) to an acute angle (erect). Generally stems are incurved at the top, forming a spreading canopy.
Chickpea leaves are petiolate, compound, and uniimparipinnate (pseudoimparipinnate). Some lines have simple leaves. The rachis is 3-7 cm long with grooves on its upper surface. Each rachis supports 10-15 leaflets each with a small pedicel. The leaflets do not end at the true terminal position (the central vein continuing the rachis) but at the subterminal position (the central vein oblique to the rachis). This indicates the presence of two terminal leaflet buds, one of them being aborted or transformed into a mucro or foliar shoot which is sometimes quite.
The leaflets are 8-17 mm long and 5-14 mm wide, opposite or alternate with a terminal leaflet. They are serrated, the teeth covering about two-thirds of the foliar blade. The shape of the leaflets is obovate to elliptical with the basal and top portions cuneate or rounded. Leaves are pubescent.
Stipules: the stipules are ovate to triangular in shape and serrated (2-6 teeth). They are 3-5 mm long and 2-4 mm wide. The longest margin is toothed and the smaller one entire.
Pubescence: the external surface of the chickpea plant, except the corolla, is densely covered with glandular or nonglandular hairs. The hairs vary in form and dimension: short stalked, multicellular stalked (both glandular and nonglandular), and unicellular. Some genotypes, however, do not possess any hair.

Inflorescence
The solitary flowers are borne in an axillary raceme. Sometimes there are 2 or 3 flowers on the same node. Such flowers possess both a peduncle and a pedicel. The racemose peduncle is 6-30 mm in length. At flowering, the floral and racemal portions of the peduncle form a straight line, giving the appearance that the flowers are placed on the leafy axil by a single peduncle. After fecundation the raceme is incurved. The bracts are 1-5 mm in length.
Flowers: chickpea flowers are complete and bisexual, and have papilionaceous corolla. They are white, pink, purple or blue in color. In colored flowers, the peduncles may be of different colors, the floral part purplish and the racemal green. The axillary inflorescence is shorter than the subtending leaf .
Calyx: the calyx is dorsally gibbous at the base. There are five sepals with deep lanceolate teeth. The teeth are longer (5-6 mm) than the tube (3-4 mm) and have prominent midribs. The five sepals are subequal. The two dorsal (vexillar) sepals are closer to each other than they are to the two lateral ones in the ventral position. The fifth calyx tooth is separate from the others. The peduncles and the calyx are glabrous. The calyx tube is oblique.
Corolla: chickpea flowers have five petals which are generally celeste and purplish red or light pink in color. The petals are polypetalous i.e., consisting of standard (vexillum), wings, and keel. The vexillum is obovate, 8-11 mm long, 7-10 mm wide, and either glabrous or pubescent with no glandular hair on its external surface. The wings are also obovate with short pedicels (nails). They are 6-9 mm long and about 4 mm wide with an auriculate base. The auricula are over the pedicel and form a pocket in the basal upper part, which is covered by the vexillum. The keel is 6-8 mm long, rhomboid, with a pedicel 2-3 mm long. Two-thirds of the frontal side of its ventral face is adnate. The wings do not show concrescence with the keel.
Androecium: there are 10 stamens in diadelphous (9)+1 condition. The filaments of nine of the stamens are fused, forming an androecial sheath; the tenth stamen is free. The staminal column is persistent. The fused part of the filament is 4-5 mm long and the free part 2-3 mm, upturned, and dilated at the top. The apex of the sheath is oblique. The stamens facing the petals are a little longer than the others. The anthers of these stamens are bicelled, basifixed, and round. The other anthers are dorsifixed, ovate, and longer than the basifixed ones at flowering. The anthers burst longitudinally. The pollen grains are orange.
Gynoecium: the ovary is monocarpellary, unilocular, and superior, with marginal placentation. It is ovate with a pubescent (glandular hairs predominate) surface. The ovary is 2-3 mm long and 1-15 mm wide. There are 1-3 ovules, rarely 4. The style is 3-4 mm long, linear, upturned, and glabrous except at the bottom. The stigma is globose and capitate. Sometimes it may be of the same size as the style.

Developmental Stages of the Bud and Flower
Eshel (1968) identified five stages of development of the bud and flower in chickpea.
  1. Closed bud. At this stage, the stigma is immature and the anthers are still at the base of the bud.
  2. Hooded bud. The corolla has elongated, and the anthers are about half the height of the style. The stigma is receptive. Emasculation is done at this stage.
  3. Half-open flower. At this stage the anthers attain the same height as the stigma, and the pollen mature just before the dehiscence of the anthers. Self-pollination takes place at this stage while the keel petal remains closed, preventing the entry of foreign pollen. For crossing, pollen are collected at this stage.
  4. Fully open flower. The anthers become shrivelled, while the standard and wing petals are fully expanded. Fertilization takes place 24 h after pollination.
  5. Fading flower. This is the postfertilization stage during which the ovary begins to elongate. Chickpea being a highly self-pollinated crop, selfing is not required.
Anthesis
Anther dehiscence takes place inside the bud one day before the opening of the flower. When pollen are first liberated, the stigma is still above and quite free from the base of the anthers. The filament gradually elongates to carry the anthers above the stigma. This process is completed before the flower opens, thus facilitating self-pollination. Anthesis in chickpea is throughout the day.

Pod and Seed Development
Pod formation begins 5-6 days after fertilization. The pod is typically inflated, ending in a mucro and sometimes looking like a thorn. The number of pods/plant varies between 30 and 150, depending on the environmental conditions and the genotype (figure 2). The pod wall is 0.3 mm thick with three layers-exocarp, mesocarp, and endocarp. The exocarp is hairy and glandular. The mesocarp has 6-8 layers of parenchyma. The endocarp consists of 3-4 cell layers with fibers in its outermost region and 5-6 layers of parenchyma.
Pod size ranges from 15 to 30 mm in length, 7-14 mm in thickness, and 2-15 mm in width Depending on the basal and apical zones as well as the dorsal and ventral regions, pod shape varies from rhomboid, oblong to ovate.
The seeds are ramhead or owl's-head shaped, and the surface may be smooth or wrinkled (figure 3).
The number of seeds/pod ranges from one to two, with the maximum being three (figure 4) .
The two cotyledons are separated by a groove in highly wrinkled seeds. The beak above the micropyle is produced by the tip of the radicle.
The shape of the cotyledons varies from semispherical to oviform. The length of the seed ranges from 4 to 12 mm and its width from 4 to 8 mm (figure 3). The seed mass varies from 0.10 to 0.75 g/seed.
The seed composition, is the following:
  • carbohydrates 39-55 % (digestibility: 57-60%)
  • proteins 15-25 % (digestibility: 76-78%; aminoacids lacking in cistyna e methionina)
  • lipids 4-8 % (composizione media: acido oleico 50%; acido linoleico 40%)
  • fiber 3-4 %.

Figure 2 - Plants of C. arietinum during the fructification. Figure 3 – Dry seeds of the C. arietinum ready for the baking.


Figure 4 – Pod of Cicer arietinum in period of dehiscence.


Agroclimatic Conditions and Production Constraints
Climate: there are wide variations in the agroclimatic conditions under which chickpea is grown around the world. It is grown between 20° N and 40° N in the northern hemisphere. It is also cultivated on a small scale between 10° N and 20° N in India and Ethiopia at relatively higher elevations.
These environments differ in photoperiod, temperature, and precipitation. Due to the variation in longitude, the time of sowing also varies from one region to another.
Soil: chickpea is grown on different types of soils ranging from sandy (dunes) to sandy loams to deep black cotton soils. It is also cultivated on calciferous soils with a subsoil layer of CaCO3 in West Asia. The best soils for chickpea growth are deep loams or silty clay loams devoid of soluble salts. Such soils retain up to 200 mm moisture in the soil profile up to a depth of 1 m. The maximum nutrient availability from the soil is at a pH range of 5.7 to 7.2. Chickpea requires good soil aeration. Therefore, heavy soils require care in seedbed preparation. In such soils a rough seedbed is useful as it is not prone to surface compaction due to winter rains which may hinder seedling emergence.
Chickpea is highly sensitive to salinity and sodicity in the soil. Salinity has an adverse effect on dry-matter production and uptake of phosphorus, zinc, and iron. Increase in salinity (chloride or sulfate) leads to a decrease in nodule weight, leghaemoglobin content, number and weight of pods per plant, 100-seed mass, and seed and biological yield. Salinity also restricts the outward movement of fixed nitrogen from the nodules, retards the translocation of nitrogen to the seeds, and increases its accumulation in the leaves and pod walls.

Soil preparation
Soil preparation for sowing chickpea is based on the soil type and cropping system. In the case of a heavy soil, a rough seedbed is prepared to avoid packing of the cloddy surface due to winter rains and to facilitate soil aeration and easy seedling emergence.
When chickpea is cultivated as a mixed crop with linseed or mustard, the land is prepared to a fine tilth. It is necessary to deep-plow the field at the beginning of the rainy season. This opens the soil deep and ensures efficient moisture conservation. Deep plowing also reduces wilting of chickpea that tends to develop due to the presence of hardpans in the root zone. In India, chickpea is grown in heavy soils after rainy-season fallow. To conserve moisture, the soil is cultivated with an animal-drawn blade harrow (bakhar) attached to a heavy wooden log. This operation helps in weed control and seedbed compaction. In light soils, frequent shallow cultivation with a country plow is done late in the evening. This exposes a larger soil surface area to capture the dew in the night, and sowing is done the following morning. Such a practice conserves moisture and helps in weed control.
In West Asia and North Africa, land preparation is generally done after the rains cease. An additional cultivation may be done during the rainy season with a duck-foot cultivator which does not turn the soil completely to control winter weeds. This tillage leaves the soil surface with ridges and furrows for sowing. The use of duck-foot cultivators and disc harrows are common for land preparation.

Seed and Sowing
Use of good-quality seed in optimum quantity, proper seed treatment, and sowing ensure good germination, optimum plant stand, and high yield. The seed requirement depends on the seed mass, the germination percentage of the seed-lot, and plant population per hectaes.

Temperature and moisture requirement
A viable chickpea seed with an initial moisture content of 10% may germinate when it has imbibed sufficient water to reach a moisture level of more than 80% (Saxena, N.P. 1984). Faster germination occurs at a temperature range of 31.8°C to 33°C. In a controlled environment, chickpea can germinate over a wider range (10 °C to 45 °C) of temperature.
Seed treatment: To protect the crop from seedling diseases, it is recommended to treat seeds of kabuli cultivars with captan (Orthocide® 50 W) at 1.0 g/kg seed. The desi types can be treated with carbendazim (Bavistin®) at 1.5 g/kg seed.
Chickpea seed treated with a combination of quintozene and thiram, each at 1.5 g kg-1 seed, improved germination and seed yield without any adverse effect on nodulation.
Sowing method and seeding depth: in India, West Asia, and North Africa, farmers use traditional plows with an attached V-shaped funnel (pora) for sowing. This implement places the seed at a depth of 10-12 cm in sandy and loam soils. The seeds are drilled into the furrows with a 5-7 cm soil layer over them. In West Asia, chickpea is sown after the cessation of rains. The seeds are dropped at a depth of 10-15 cm by a person sitting on a duck-foot cultivator drawn by a tractor. The duck-foot hoes are attached to the bar with a spacing of 45 cm between the hoes.
In high-rainfall areas, chickpea seeds are broadcast evenly on a flat seedbed and then covered with a duck-foot cultivator. In another method of sowing, the field is first plowed with a duck-foot cultivator and then the broadcast seeds are covered by another pass of the duck-foot cultivator. In all these cases the seeds are placed at a depth ranging from a few centimeters to as deep as 10-15 cm. Increase in seeding depth decreases the yield in kabuli cultivars while indesi cultivars the highest yield was obtained when the seed was sown at a depth of 12 cm.
Sowing with seed drills is not common in India and West Asia. However, in USA, southern Europe, and Australia, seeding is mechanized. Except some problems with bold-seeded varieties and ungraded seed, use of a seed drill allows a better control of seeding depth, row distance, and intrarow spacing. It also facilitates interrow cultivation for mechanical weed control.
Irrigated chickpea is also sown on ridges or broadbeds. The ridges are either freshly made or left over from the previous season. The seeds are dibbled on these ridges. In Australia and at ICRISAT Asia Center, India, sowing is done on 1.5 m wide broadbed-and-furrows (BBF) by opening 2 to 4 shallow furrows on each broadbed.
Time of Sowing: in India, mid October to mid November is the ideal period for sowing chickpea. Any deviation from this period causes a conspicuous reduction in yield. However, in rice-based cropping systems, chickpea sowing is delayed beyond the optimum date due to the late harvest of rice. Late sowing results in reduction in growth, preflowering and flowering periods, and has a considerable depressing effect on plant development. Consequently, yields are reduced.
In Maharashtra, India, October sowing gave higher yields than sowing in November or December (Deore et al. 1989). The late-sown crop produced less biomass, fewer seeds per plant, and had a low 100-seed mass. Similar observations were made by Arvadia and Patel (1988) in Gujarat. In Uttar Pradesh, early-October sowing gave a higher yield than sowing in late October, early November, and the third week of November.
In the central highlands of Ethiopia, the optimum sowing date is between early August and early September. Sowing earlier than August results in poor emergence and sparse plant stand due to excessive rains, while late sowing reduces the crop duration which affects crop growth and development adversely.
In West Asia and Chile, the third week of August is the best sowing time.
In Washington and northern Idaho, USA, the appropriate time of sowing for desi and kabuli chickpea is mid April to mid May (Kaiser and Hannan 1985). In Australia, the date of sowing ranges from early May to late July for the kabuli type. Early-May sowing gave the highest yield in the Ord River irrigation area. Late sowing resulted in reduced yield and poor seed quality.

Plant Density: chickpea is grown at a plant density of 33 plants m2 in a flat- or broadbed-and-furrow system at ICRISAT Asia Center, Patancheru, India. The plant density ranges from 25 to 30 plants/m2 in a ridge-and-furrow system. Tall and erect cultivars gave high seed yield at a higher plant density (25 to 30 plants/m2) due to their apical pods.
Higher plant densities have been reported to be more appropriate for late sowing. At Kanpur, India, chickpea sown in early December at densities of 33 plants/m2 and 44 plants/m2 gave yields of 1.96 t/ha and 2.11 t/ha respectively. Shakhawat and Sharma (1986) reported that in late-sown conditions, increase in seed rate (from 70 kg/ha to 140 kg/ha), reduction in row spacing (from 30 cm to 22.5 cm), and sowing in bidirectional rows gave a higher yield.
Mane and Jadhav (1991) reported high seed yield and highest N and P uptake at a plant density of 45 plants m2, though P uptake was highest at 30 plants m2 in Maharashtra, India. Similarly, Thakur and Jadhav (1990) recorded higher yield at 45 plants/m2 than at 30 plants/m2 in Maharashtra. Yadav et al. (1989a) reported higher yield of kabuli chickpea at 33 plants/m2 than at 17 and 22 plants/m2. Sarawgi and Singh (1989) reported higher chickpea yield at a density of 50 plants/m2 than at 30 plants m2 at Pantnagar, India.
Murray and Auld (1987) reported that a row spacing of 15 cm and plant spacing of 6 plants m-1 was optimum for high yields in Moscow. Further, sowing of 14% small-sized seed reduced the sowing cost by 30% without causing a reduction in seed yield and seed weight over the largest-sized seed in the seed- lot.
The optimum plant population depends upon the genotype and the environmental conditions under which the crop is grown. In India, a population of 33 plants/m2 appears to be the best. In Iran, yield increase was recorded with an increase in population up to 50 plants m2 under irrigated conditions and up to 25 plants/m2 in nonirrigated spring-sown chickpea. A decrease in row spacing from 60 cm to 30 cm increased the yield of winter chickpea by 52% in western Jordan. A similar response was observed in Cyprus. In Syria, when the population density was raised from 18 to 28 plants/m2 in winter, there was a significant increase in yield, but the same response was not observed in the spring-sown crop. Compact, upright-growing plants responded better to increased plant density than the spreading type. In Bangladesh, a plant density of 30 plants m2 at a seed rate of 60 kg/ha was found to be appropriate for good growth and yield.
Mane and Jadhav (1991) reported higher nodulation and dry-matter production with 30 Plants/m2 than with 45 and 60 plants/m2, and seed yield was highest at 45 plants/m2. Plant density and inter- and intrarow spacing are location- specific and depend on genotype, growth environment, and inputs. Ali (1989a) compared the results of plant density experiments conducted at Badnapur, Maharashtra, involving two varieties, one desi (BDN 9) and another kabuli (L 550).
It was concluded that a spacing of 30 cm x 10 cm for the desi type and 45 cm x 15 cm for the kabuli type was optimum, giving a yield of 2848 kg/ha and 1592 kg/ha respectively. Sowing on a flatbed with interrow spacing of 30 cm and intrarow spacing of 10 cm was recommended.

Posto nell’avvicendamento
Il cece è una coltura tipicamente classificata come miglioratrice, in quanto lascia nel terreno una quota dell’azoto fissato per via simbiotica nel corso della vegetazione, anche se la quantità di azoto lasciato nel suolo, a disposizione della coltura successiva, non è da considerare particolarmente elevata rispetto ad altre leguminose annuali e può essere stimata nell’ordine di 30- 40 kg/ha nel caso di una coltura in cui la nodulazione si è rivelata pienamente efficiente. Oltre alla fertilità azotata residua, peraltro comune a tutte le leguminose, il cece presenta altri vantaggi in termini di avvicendamento: l’epoca di raccolta, piuttosto anticipata nella stagione rispetto a molte altre colture, consente infatti di effettuare la lavorazione principale del terreno molto presto, con notevoli benefici in termini di qualità di preparazione del letto di semina della coltura successiva, molto frequentemente costituita da una cereale microtermo a semina autunnale. Inoltre la lavorazione del terreno che viene effettuata in preparazione di una coltura di cece è tipicamente classificabile come profonda (deve favorire l’accumulo naturale di acqua negli strati sottosuperficiali del terreno e permettere un ottimale sviluppo in profondità dell’apparato radicale del cece) e, come tale, porta a indicare tale coltura come da rinnovo, secondo la vecchia classificazione agronomica.
Il cece è pertanto una coltura miglioratrice da rinnovo (figura 5), capace di lasciare nel terreno che l’ha ospitata un ottimo livello di fertilità fisica (lavorazione profonda) e chimica (azotofissazione).

Figure 5 – Cultivation of chickpea.


Come tale, il cece trova una classica collocazione nella rotazioni colturali asciutte dell’Italia centrale e meridionale in alternanza con cereali microtermi, per i quali costituisce una buona precessione colturale.
I cereali che più frequentemente vengono avvicendati al cece sono frumento (tenero e duro) e orzo; in ogni caso è da considerare preferibile che il cereale che segue immediatamente il cece sia il frumento, meglio dell’orzo capace di utilizzare la fertilità azotata lasciata dalla leguminosa e meno di questo sensibile a eccessi di azoto che potrebbero manifestarsi dopo la leguminosa. Per motivi di ordine fitosanitario (in particolare Ascochyta) è preferibile evitare avvicendamenti troppo “stretti” (ad esempio biennali, triennali), preferendo rotazioni più ampie, in cui il cece torna sullo stesso appezzamento non prima di quattro anni.
L’alternanza con cereali microtermi è comunque solo il caso più frequente (per la forte affinità in termini di esigenze ambientali) e non è quindi da considerare come regola assoluta: in altre parti del mondo le più diverse colture vengono avvicendate, o addirittura consociate, con il cece. Qualora esistano condizioni agronomiche ed economiche che permettono di realizzare con successo colture diverse dai cereali microtermi, il cece non presenta particolari problemi nell’avvicendarsi ad esse, fatta eccezione per altre specie leguminose.
Negli ambienti semi-aridi, ai quali il cece si dimostra adatto, esso si avvicenda con il cereale autunnale (frumento, orzo) del quale costituisce una buona precessione, anche se il suo potere miglioratore non è pari a quello della fava o del pisello.

Preparazione del terreno
Il cece è una coltura realizzata tipicamente in condizioni asciutte, senza l’ausilio dell’irrigazione, e la disponibilità di acqua spesso costituisce il principale fattore a limitarne le rese, quanto meno nelle annate più siccitose e/o negli areali di coltivazione più aridi.
Essa presenta peraltro un’elevata capacità di radicazione in profondità che la rende capace di utilizzare al meglio le risorse idriche accumulate negli strati profondi del terreno durante la stagione piovosa e di chiudere il ciclo biologico prima che queste siano esaurite. Da ciò appare evidente la inderogabilità di adottare per questa coltura una lavorazione profonda che favorisca sia l’infiltrazione/accumulo di acqua sia lo sviluppo verticale delle radici massimizzando le rese conseguibili.
A questo scopo, una interessante (agronomicamente ed economicamente) alternativa ad una tradizionale aratura (0,45-0,50 m di profondità) è costituita da una lavorazione “a due strati”, realizzabile in un unico passaggio di aratro-ripuntatore o, in mancanza di esso, in due passaggi: il primo con uno strumento discissore (ripper, chisel) e il secondo con un aratro tradizionale. In entrambi casi, il terreno dovrebbe essere disgregato in profondità (0,5-0,6 m) ad opera dei soliorgani discissori mentre il rimescolamento/rovesciamento operato dall’aratro dovrebbe limitarsi allo strato più superficiale del terreno (0,25-0,30 m).
La lavorazione dovrebbe essere effettuata con il maggiore anticipo possibile, specie nei terreni di natura argillosa (i più vocati a questa coltura per caratteristiche idrologiche), idealmente subito dopo la raccolta della coltura precedente, in modo da avere più tempo possibile a disposizione per la progressiva disgregazione della macrozollosità ad opera degli atmosferili e degli interventi meccanici di affinamento (erpicature di intensità decrescente).
Nei terreni a marcata caratterizzazione limosa (scarsamente strutturabili e/o a struttura instabile), molto meno frequenti per questa coltura, è invece consigliabile effettuare la lavorazione principale del terreno e gli affinamenti poco prima della semina.
In ogni caso, non è da considerare indispensabile un grado di affinamento/perfezionamento del letto di semina particolarmente spinto: le grosse dimensioni del seme di cece (specie del gruppo Kabuli/macrosperma coltivato in Italia) e la germinazione di tipo ipogeico fanno sì che questa specie abbia notevoli capacità di germinazione-emergenza anche in caso di terreno non perfettamente preparato.
Di norma il cece non richiede cure colturali particolari, solo in certi casi è usanza praticare una leggera rincalzatura; talora è consigliabile qualche trattamento contro la rabbia o contro gli insetti; in ambienti molto aridi la coltivazione del cece è fatta con l’ausilio dell’irrigazione.
In sintesi, il terreno destinato al cece va lavorato profondamente, in modo da consentire il massimo approfondimento radicale, ed affinato durante l’autunno e l’inverno.

Semina
Nel considerare la semina di questa leguminosa è necessario prendere in esame l’epoca, la scelta della varietà, la concia ed il risanamento della semente, la densità ed il sesto di semina ed, infine, la modalità dell’esecuzione della semina.

Epoca di semina
In Italia l’epoca di semina tradizionale del cece è sempre stata primaverile, nel mese di marzo, quando i più intensi rigori invernali sono ormai superati e il terreno raggiunge una temperatura dell’ordine di 8-10°C, sufficienti a garantire una germinazione sufficientemente pronta.
Tuttavia, uno dei più importanti risultati conseguiti dal miglioramento genetico di questa specie negli ultimi anni è stato quello di individuare germoplasma (poi diffuso sotto forma di cultivar) dotato di resistenza al freddo invernale e, come tale utilizzabile in semina autunnale, quanto meno negli ambienti a clima mediterraneo e quindi con inverni non particolarmente severi. In questo senso le cultivar di cece sono state classificate in tre gruppi principali:
  1. resistenti al gelo (fino a temperature di –12,5 °C, senza copertura nevosa);
  2. tipi invernali (tolleranti il gelo, ma in misura inferiore al primo gruppo);
  3. tipi primaverili (suscettibili al gelo).
In pratica, dunque, attualmente sono disponibili genotipi (1° e 2° gruppo) che possono essere in tutta tranquillità seminati prima dell’inverno, con importantissimi vantaggi, rispetto alla semina primaverile, in termini sia di produttività che di stabilità della resa nelle diverse annate. Oltre al maggiore sviluppo vegetativo, l’anticipo della fioritura ad un periodo della stagione più favorevole, garantisce una minore percentuale di fiori non allegati. Per la successiva fase di riempimento dei semi e maturazione, anch’essa anticipata rispetto alla semina primaverile, si riducono i rischi legati al sopraggiungere della siccità estiva: nelle annate in cui questa si manifesta precocemente, le decurtazioni di resa risultano sensibilmente inferiori nelle colture autunnali, più “vicine” al termine naturale del ciclo biologico.
Le semine autunnali sembrano esplicare effetti positivi anche sulla qualità della granella (più elevato peso medio del seme) e su una importante caratteristica morfologica, l’altezza d’inserzione del primo baccello fertile, che risulta maggiore, facilitando la mietitrebbiatura meccanica. Nelle regioni centrali italiane, la semina autunnale dovrebbe essere effettuata nel periodo compreso tra la metà di ottobre e la metà di novembre (con una preferenza per l’anticipo nei microclimi più freddi), in modo tale da permettere un sufficiente sviluppo delle plantule prima del sopraggiungere dei rigori invernali.
In base a tutto ciò, è da ritenere la semina autunnale senz’altro preferibile a quella primaverile, con la tassativa esigenza di utilizzare esclusivamente cultivar di accertata resistenza al freddo, specie nelle regioni interne dell’Italia centrale. Peraltro le semine autunnali sono da ritenere sconsigliabili in microclimi caratterizzati da rigori invernali particolarmente intensi, come nel caso delle elevate altitudini appenniniche o dei fondovalle delle zone interne soggetti a intense gelate invernali.

Scelta della varietà
L’ideotipo di una varietà di cece per la coltura meccanizzata negli ambienti italiani è costituito da:
  • pianta a portamento eretto, con baccelli basali ben distanziati dal terreno (per favorire la raccolta meccanica e minimizzare le perdite di prodotto);
  • altezza non eccessiva e resistenza meccanica all’allettamento;
  • epoca di fioritura medio-precoce o precoce (preferibile in ambienti siccitosi e in semina primaverile);
  • seme di dimensioni medio-grandi o grandi, in quanto preferite dal mercato;
  • elevata resistenza al freddo invernale, per consentire la coltivazione in semina autunnale; la recente disponibilità di cultivar selezionate per resistenza al freddo rende oggi possibile, quanto meno nelle regioni centro-meridionali, di anticipare la semina all’autunno (ottobre-novembre), con notevoli vantaggi in termini di resa.
  • elevata resistenza/tolleranza nei confronti delle principali avversità parassitarie, e in particolare nei confronti della rabbia (Ascochyta rabiei) e agli attacchi di Helicoverpa armigera.
Attualmente non esistono cultivar di cece iscritte ufficialmente al Registro Nazionale delle Varietà, anche se dalla letteratura risultano esistere due cultivar, “Califfo” e “Sultano”, recentemente selezionate dall’International Chickpea Testing Network per il mercato italiano. Altra possibilità per gli agricoltori che intendano coltivare questa specie, è quella di ricorrere agli ecotipi locali, selezionati nel tempo nei diversi bacini di coltivazione per caratteristiche di adattamento alle condizioni ambientali locali; essi comunque, essendo sempre stati impiegati in semina primaverile, difficilmente presentano una resistenza al freddo sufficiente a consentirne la semina in epoca autunnale: questa è da evitare tassativamente (specie nell’Italia centrale) in mancanza di specifiche ed affidabili garanzie da parte del fornitore della semente.

Concia della semente
Per fornire alle plantule nei primi stadi di sviluppo un’adeguata protezione contro le principali malattie fungine è opportuno effettuare la concia della semente. Questa precauzione diviene particolarmente importante nel caso di terreni che hanno già ospitato colture di cece attaccate da malattie fungine o nel caso di impiego di semente potenzialmente infetta. Prodotti che risultano efficaci sono: Tiabendazolo e Calixin M® (contro Ascochyta); Benlate T (contro Fusarium). Utile risulta l’associazione del fungicida con un insetticida.

Densità e sesto di semina
Numerose esperienze sperimentali hanno dimostrato che la pianta del cece ha una notevole capacità di adattarsi a differenti condizioni di fittezza colturale, compensando in notevole misura (attraverso un maggiore sviluppo vegetativo, una maggiore quantità di fiori, una maggiore percentuale di allegagione) eventuali difetti di popolamento, legati ad esempio a insufficiente quantità di seme, o a un’elevata quota di fallanze, o alla mortalità invernale di una certa percentuale di piante (semine autunnali con varietà insufficientemente resistenti al freddo). Tale capacità di compensazione risulta particolarmente intensa nelle colture in semina autunnale, nelle quali le piante hanno un maggior tempo a disposizione per regolare il proprio sviluppo vegetativo. Tuttavia, pur restando questa utile prerogativa valida quale “assicurazione” nei confronti di imprevisti diradamenti, la sperimentazione ha dimostrato che la fittezza ottimale per questa coltura è nell’ordine delle 25 piante per m2. Pertanto, questo è l’obiettivo che deve essere perseguito nel calcolo della quantità di semente, tenendo comunque conto nel computo della quota di seme del lotto impiegato che è effettivamente germinabile e di una quota (più o meno importante) di semi che non riusciranno a originare una plantula (fallanze).
L’entità della quota di fallanze è essenzialmente legata ad un fattore specifico, le caratteristiche del seme della specie (dimensioni, tipo di germinazione, ecc.), e ad un fattore contingente, la “qualità” del letto di semina che si è riusciti a realizzare (tanto meglio esso è preparato tanto più bassa è la quota di fallanze da prevedere).
Nel caso del cece, e in particolare nei tipi coltivati in Italia del gruppo macrosperma/Kabuli, il seme è di notevoli dimensioni (da 300 a 600 mg e oltre) e quindi possiede una importante scorta di riserve seminali che rendono la plantula “ben attrezzata” nelle prime fasi di sviluppo, anche in condizioni non ottimali. Il cece inoltre presenta il vantaggio di avere un tipo di germinazione ipogeica (che non prevede la fuoriuscita dal terreno dei cotiledoni), molto più efficiente di quella epigeica (propria di altre leguminose quali: fagiolo, soia, lupino) nel garantire l’emergenza dal terreno, specie se ciò avviene in condizioni “difficili” (tutt’altro che infrequenti), come nel caso di formazione di crosta superficiale susseguente la semina. Da tutto ciò consegue che la quota di fallanze da utilizzare nel calcolo della quantità di semente è, rispetto ad altre specie, relativamente ridotta e indicabile in un range di valori compresi tra un minimo del 10% (letti di semina ben preparati) e un massimo del 30% (letti di semina piuttosto irregolari e con abbondante presenza di residua zollosità grossolana).
Le quantità di semente necessarie per la semina di un ettaro di cece risultano molto variabili in funzione della dimensione del seme utilizzato; i valori possono essere trovati nella seguente tabella, ove sono calcolate le quantità di seme (in kg/ha) in funzione di diversi pesi del seme e di differenti gradi di preparazione del letto di semina (tabella 3).

Tabella 3 - Quantità di seme (kg) necessarie alla semina di un ettaro (germinabilità: 85%; obiettivo: 25 piante/m2).
Peso del seme
mg
Qualità del letto di semina
Buona Media Cattiva
300
350
400
450
500
550
600
100
112
131
142
163
180
196
112
127
145
161
186
204
223
121
145
169
188
210
232
253



Esecuzione della semina
La semina del cece è effettuata meccanicamente a file; allo scopo possono essere utilizzate sia seminatrici universali da frumento sia seminatrici di precisione (migliori quelle a distribuzione pneumatica). Nel primo caso, prima di iniziare la semina, viste le grosse dimensioni del seme, è bene controllare la funzionalità della macchina seminatrice, accertandosi che i semi passino regolarmente attraverso gli organi e non subiscano danneggiamenti.
La distanza più conveniente da adottare tra le file può essere indicata in 0,45 m, quale miglior compromesso tra l’esigenza di ottimizzare la disposizione spaziale delle piante (migliore con file più strette) e l’esigenza pratica di avere degli interfilari sufficientemente ampi da consentire la sarchiatura meccanica della coltura e il transito di macchine operatrici senza danneggiamento delle piante. Questa è infatti la minima spaziatura compatibile con la sarchiatura meccanica, che può essere effettuata con le stesse attrezzature (sarchiatrici, trattrici equipaggiate con ruote strette) della barbabietola da zucchero. Rinunciando a questa possibilità (inderogabile nell’agricoltura biologica) è possibile adottare distanze interfila minori (esempio: 0,30 m), conseguendo un certo vantaggio in termini di geometria di distribuzione delle piante (comunque di modesta entità in termini di resa).
Per quanto riguarda la profondità di deposizione del seme, questa deve essere regolata su un valore compreso tra i 40 e i 60 mm; tale profondità, resa possibile dalle caratteristiche del seme, consente di ottenere buoni risultati di germinazione anche nel caso di condizioni relativamente siccitose e di terreno superficialmente asciutto, frequenti specie in semina primaverile.
In conclusione, sinteticamente, il cece per lo più si semina in fine inverno, appena passati i freddi più forti (marzo), a file distanti 0,35-0,40 m, mirando a realizzare un popolamento di 25-30 piante a metro quadrato; secondo la grossezza del seme sono necessarie quantità di seme diverse; con i ceci del tipo Tabuli (gli unici finora proponibili in Italia: peso di 1000 semi pari a 350-500 g, si adoperano intorno a 100-180 Kg/ha di seme).
La semina può farsi con le seminatrici da frumento o con seminatrici di precisione. La profondità di semina consigliabile è sui 50-70 mm. Il seme va conciato accuratamente per prevenire attacchi di crittogame sulle plantule.

Nutrient Requirement
Being a legume, chickpea obtains its nitrogen through nitrogen fixation. It requires optimum amounts of phosphorus, potassium, sulfur, and other nutrients. The response to nutrient application in chickpea depends on the nutrient status of the soil, agroclimatic conditions, and the genotype. Both organic and inorganic sources of nutrients and Rhizobium inoculation have been found to be useful for chickpea growth and yield.
Nitrogen (N) : an application of 15-25 kg N per hectare has been found to be optimum for stimulating growth and yield of chickpea in sandy and loam soils. However, when an active symbiotic nitrogen-fixing system was present, there was no response to nitrogen application up to 100 kg N per hectare. In the alluvial soils of India, an application of 30-40 kg N per hectare was found to be profitable under rainfed cultivation
. Application of 20 kg N per hectare increased chickpea yield in sandy loam soils. A high yield was obtained with 20 kg N per hectare and Rhizobium inoculation in Gujarat, India.
Increase in yield was reported with nitrogen application as basal dose and at postflowering stage. Nitrogen application during the postflowering stage enhanced nitrate reductase activity and yield. Saxena and Yadav (1975) indicated that N uptake by chickpea may range from 60 to 200 kg N per hectare. Foliar application of 2% urea increased yield at some locations.
Phosphorus (P) : The response to phosphate application depends on the available soil P and other edaphic factors (Saxena and Yadav 1975). On Vertisols which are low in P content, there was no response to broadcast or deep-placed P application (Saxena and Sheldrake 1980a). On terrarosa soils in Syria, with an available soil P level of less than 2.5 mg kg-1, application of 22 kg P ha-1 as triple superphosphate has been quite effective (Saxena, M.C. 1984). On alluvial soils in India with low available soil P, a 78% increase was observed in seed yield with an application of 32 kg P ha-1 under rainfed conditions (Singh et al. 1981).
The effect of phosphorus application was more pronounced when it was in conjunction with starter N, Rhizobium (Pal 1986), and irrigation (Daftardar et al. 1988). Phosphorus application gave a yield increase of 30% under nonirrigated conditions and about 40% under supplemental irrigation. Supplemental irrigation increased consumptive water use as well as water-use efficiency (Prabhakar and Saraf 1989). Application of 17.48 kg P ha-1 as single superphosphate with two irrigations gave maximum seed yield. Phosphorus application significantly increased drymatter production and resulted in greater diversion of dry matter to pods. Further, more dry matter was produced with one or two irrigations at 0.4 IW: CPE, indicating greater dry-matter production with irrigation during the vegetative phase of chickpea (Prabhakar and Saraf 1991). Utilization of P was better when it was applied as a basal dose than as topdressing or foliar application.
Saxena et al. (1988) reported no response to P application in Vertisols where the available soil P level was 2 to 5 mg kg-1 at ICRISAT Asia Center, India. The P concentration in shoots of 30-day-old plants in the absence of P fertilizer was greater than the critical (0.6%) level reported for chickpea growth. This declined rapidly with the advancement of growth and, at maturity, it was only 0.2%. In Vertisols, chickpea produced 400 kg of shoot mass and 200 kg of seed yield for each kg of P uptake.
Varughese and Pathak (1987) reported that application of diammonium phosphate at 50 kg/ha as basal dose and 50 kg/ha split equally at branching and flowering stages produced the highest chickpea yield (2470 kg/ha) and a cost:benefit ratio of 1:2.69. Idri et al. (1989) reported a 59% yield increase at 26 kg P per hectare and 54% at 35 kg P per hectare.
Borgohain and Agrawal (1986) reported that the source of P (single super- phosphate, triple superphosphate, or phospho-composite) had no significant effect on chickpea yield. The highest yield was at 35 kg P per hectare with two irrigations at Hisar, India. Tomar et al. (1987) reported that superphosphate was a better source of P than monoammonium phosphate.
In a comparison of P application methods under irrigation, mixing in soil (15 cm depth) proved superior to banding at 5 cm depth. Pala and Matar (1988) reported that in Syria band application of P did not differ significantly from broadcasting and incorporating in plow layer before sowing. Arihara et al. (1991) reported that incorporating P in the topsoil layer was more effe'ctive than its placement in shallow bands but was less effective compared to placement in deep bands at 15 cm depth, under rainfed conditions. This may be due to the higher and stabler soil moisture levels at 15 cm depth.
Potassium (K) : Information on the response of chickpea to potassium application is limited. There was no response or a negative response due to the high levels of available K in chickpea-growing soils . In India and Pakistan, application of 17 to 50 kg K/ha increased chickpea yield from 18 to 20%.
Balanced fertilizer application: Singh and Sharma (1983) suggested a procedure for calculating the specific requirement of N,P, and K for a targeted seed yield of chickpea. This was 4.48 kg N, 0.34 kg P,.and 3.15 kg K for 100 kg of chickpea seed yield. Kar et al. (1989) reported the highest seed yield at 40 kg N + 35 kg P + 40 kg K per hectare in acidic sandy loam soil in Orissa, India. Khokar and Warsi (1987) reported the highest yield (2600 kg/ha) at 18 kg N + 20 kg P + 40 kg K + 25 kg ZnSO4/ha at Faizabad, Uttar Pradesh, India.
Tomar et al. (1987) reviewed the work done on fertilizer management in chickpea and reported significant economic returns from N and P application. In low- fertility soil, P application was more profitable. A balanced.application of N and P resulted in higher yields and net returns than the application of either nutrient alone. From this review, they concluded that balanced application of fertilizer should be based on a soil test and the targeted yield.
Calcium (Ca) : In sodic soils, application of 300-500 kg ha-1 gypsum (CaSO4) was effective in increasing the rate of germination, nodulation, and seed yield.
Sulfur (S) : Application of 10 kg elemental sulfur in a sandy loam soil increased the nitrogen and phosphorus uptake and the yield. Singh and Ram (1990) also reported that sulfur application in the range of 40-80 kg ha-1 increased the yield and seed protein content. In salinealkaline soils, application of grounded pyrites (FeS2) allowed greater symbiotic nitrogen fixation and resulted in higher yield. Tiwari and Pathak (1988) reported an increase in chickpea yield in alkaline soils with the application of 200-400 kg/ha pyrites.
Zinc (Zn) : Zinc deficiency generally occurs in soils with a high pH and in areas under chickpea-rice cropping system. Basal application of zinc sulfate (10-25 kg/ha) resulted in a positive response in terms of seed yield. Foliar application of 0.5% zinc sulfate ZnSO4) mixed with 0.25% lime was found to be effective in correcting zinc deficiency. Thakur et al. (1989) reported a 16% increase in seed yield with an application of 25 kg ZnSO4 along with N, P, and K. A basal application of 40 kg zinc sulphate/ha every alternate year was also recommended or one spray of zinc sulfate solution at the rate of 10 kg/ha in 200-300 L of water added to 200-250 mL of liquid soap added as sticker to correct zinc deficiency in chickpea.
Iron (Fe) : In calcareous soils with a high pH, chlorosis is caused by the nonavailability of iron due to waterlogging. This deficiency can be corrected by a foliar spray of 0.5% W/W FeSO4. Such an application increased the yield by up to 50% in genotypes that were inefficient in iron utilization, but found no response in cultivars that were efficient. In calcareous soil, a spray of 2% FeSO4 30 days after sowing increased yield.
Manganese (Mn) : Manganese deficiency in chickpea occurs when Mn content is 10 mg/kg or lower in the leaves of nine-week-old plants. Such a crop needs to be sprayed with Mn.
In dry loam soils with 16.3 mg/kg Mn, there was an improvement in nodulation and dry-matter yield with increasing levels of MnSO4 from 0 to 20 kg/ha. The optimum rate may range from 10 to 25 kg MnSO4 per hectare as soil application and 1.0 to 2.5 kg/ha as foliar spray. In general, the foliar spray was superior.
Boron (B) : in general, soil application of 1-2.5 kg B per hectare or foliar application of 0.25 kg B per hectare in the form of borax is adequate to mitigate boron deficiency in chickpea.
Copper (Cu) : copper availability is low in calcareous and acidic soils as well as in saline and sodic soils.
Coarse-textured soils are more deficient in copper than fine- textured soils. In such soils, 5-10 kg CuSO4/ha as soil application or 0.5-1.0 kg CuSO4/ha as foliar spray is recommended.
Molybdenum (Mo) : Soils which have a high clay content and are lateritic in nature generally have low available molybdenum. Availability of molybdenum is high in saline, alkaline, and calcareous soils. Application of 1.5 kg sodium molybdate per hectare with phosphorus and Rhizobium inoculation led to a marked increase in yield.
Farmyard Manure: the effect of farmyard manure (FYM) application on yield and growth was negligible in chickpea except an increase in the number of secondary branches).

Rhizobium Inoculation
Chickpea is generally inoculated with Bradyrhizobium sp cicer. The effect of Rhizobium inoculation on chickpea yield depends on the native rhizobial status. Fields in which wellnodulated chickpea was grown previously do not require Rhizobium inoculation. However, where chickpea is being grown after paddy or chickpea is being introduced for the first time, Rhizobium inoculation is necessary. A yield increase of 12% was recorded with Rhizobium inoculation alone. Rhizobium inoculation along with the recommended fertilizer application increased yield by 40% in the Sabour and Bhagalpur areas of Bihar, India.
In alluvial soils, inoculation of composite strains of Rhizobium with phosphorus and molybdenum gave a better yield than inoculation of a single strain of Rhizobium. When Rhizobium, Bacillus polymyxa, and Glomus fasciculatum were applied separately in pot experiments, inoculation with Rhizobium alone markedly increased N uptake by the plant. In the other treatment in which all the three test organisms were applied, it resulted in significantly higher dry-matter production and phosphate uptake as compared with single or double inoculation of the test organisms. The trial also suggested thatGlomus fasciculatum and phosphobacteria can greatly assist symbiotic N fixation as well as phosphate uptake in chickpea, particularly when the crop is grown in a soil containing soluble phosphates.br> Singh and Tilak (1989) reported that chickpea already inoculated with , when inoculated with Glomus versiforme also under field conditions, showed a 12% increase in shoot dry weight and 25% in seed yield. When P was applied in addition to inoculation, the yield increase was 33% and 60% for these strains respectively.
Pala and Mazid (1992) summarized the results of 30 on-farm trials conducted over four seasons in northwestern Syria. They concluded that the effects of Rhizobium inoculations on chickpea were very small and inconsistent.
Application of Azolla: presowing application of Azolla pinnat at 5 per hectare with 12.5 kg N per hectare gave an average seed yield of 1.56 t/ha compared to 1.4 t/ha with 25 kg N per hectare, 1.34 t/ha with 5 t FYM per hectare, and 1.13 t/ha without Azolla and fertilizer.

Weed Management
Many species of weeds have been reported to infest chickpea fields. The first four to six weeks of crop growth are most crucial for weed competition. Tripathi (1967) reported 40% reduction in the dry mass of chickpea pods when weeds were allowed to compete with the crop. Sadaphal (1988) reported that the loss of chickpea yield due to weeds was as high as 50%. Ali (1989b) reported a yield loss of 95% in the control (unweeded) plot compared to the weed-free chickpea plot. Pala and Mazid (1992) examined the results of 30 on-farm trials conducted over three seasons in northwestern Syria and concluded that weed control with terbutryn (2.0 kg/ha) + pronzamide (0.5 kg/ha) increased seed yield significantly over nonweeded plots, but was less effective than hand weeding.
Il controllo della flora infestante (figura 6) è particolarmente importante nelle prime fasi di sviluppo della coltura, quando non ha ancora raggiunto una sufficiente capacità competitiva con le malerbe a rapido accrescimento.


Figura 6 – Presence of Cyperus spp. in chickpea field.


In queste fasi è consigliabile ricorrere a 2-3 rinettamenti meccanici dell’interfila, effettuabili con sarchiatrici di diverso tipo. Peraltro, la rincalzatura, che spesso viene associata alle operazioni di sarchiatura, deve essere evitata, in quanto altera la conformazione superficiale del terreno rendendo difficoltose le operazioni di raccolta meccanica.
Il diserbo del cece può essere fatto con successo in pre-emergenza utilizzando Pendimetalin + Imazetapir.

Irrigation
Chickpea is better adapted at low water supply. The consumptive water use (ET) of chickpea depends on soil moisture and yield level. It ranges from 110 to 280 mm for a seed yield of between 900 and 3000 kg/ha. Chickpea needs 15% soil moisture by volume in the root zone, extending as deep as 50 cm in sandy loam soil. This amount is critical during seed development. Chickpea meets its water requirement from conserved moisture in deep soils (more than 150 cm depth)). Therefore, the extractable moisture in the soil profile can be increased by employing management practices that encourage root growth or by using genotypes with a deeper and more prolific root system. Another way to meet the water requirement in deep soils is by using early-maturing varieties.
Chickpea is more responsive to irrigation in high water evaporation areas such as peninsular India. Where evaporation is low, frequent irrigation tends to cause excessive growth, lodging, and lower yields. The late-flowering and pod-setting stages appear to be the most sensitive to drought stress. However, care must be taken to avoid water stagnation as chickpea is very sensitive to poor soil aeration. The response to drought stress depends on the genotype, climate, soil condition, and the growth stage at which stress is experienced. The three stages of plant growth are sowing to preflowering, flowering, and pod development and maturation. Drought stress should be minimum during flowering and pod development for good yield in chickpea (Farah et al. 1988). Duron Noriega (1986) determined the level of soil humidity (0, 10, 20, and 30%) before and after flowering in some chickpea varieties. No significant difference was recorded in seed size, seed yield, haulm production, and quality of chickpea due to variation in humidity. However, at high relative humidity, production of seed and straw increased but seed size decreased.
Saxena et al. (1990) reported that with one or two irrigations, the yield of kabuli chickpea increased by 73% in winter and 143% in spring compared to a crop grown under 373 mm rainfall at Tel Hadya, Syria. They concluded that irrigation can increase the productivity and yield stability of chickpea in northern Syria, depending on the rainfall and its distribution during the crop growth period. During the winter season, when the rains fail, a supplemental irrigation improved yield by 12.5% to 46% in New Delhi, India (Prabhakar and Saraf 1989).
Under the terai conditions of Pantnagar, India, irrigation after 90 days of sowing was found to be most beneficial to chickpea (Naresh et al. 1985). Roy et al. (1988) reported that one irrigation after 45-50 days of sowing or at pod initiation was beneficial for high yield of late-sown chickpea in Bihar, India.
Parihar (1990) reported that water-use efficiency (WUE) decreased with increase in irrigation frequency. Maity and Jana (1987) reported that one irrigation at the preflowering stage was optimum for high seed yield and high water-use efficiency in Kalyani, West Bengal, India. Prasad and Singh (1987) reported that maintenance of 75% available soil moisture before sowing gave a significantly higher yield than at 25% and 50% available soil moisture at Agra, India. High water-use efficiency was observed with 75% available soil moisture and 20 kg N + 26 kg P per hectare. The upper soil layer (60 cm) contributed 38.71-44.35% of the total soil water used by the crop.
Under normal-sown conditions, chickpea meets its water requirement from soil moisture conserved from the monsoon season and winter precipitation. However, when winter precipitation fails, it responds well to one supplemental irrigation at early pod-filling stage (45 or 50 days after sowing). In heavy soils and under late-sown conditions, it is better to provide two irrigations, one at branching and another at the pod-initiation stage. Saxena (1980) recommended supplementary irrigation during the vegetative growth period of chickpea in light soils with a low water-holding capacity or during the latter period of vegetative growth and early pod-filling stages in heavy deep soils. Gaur and Choudhary (1993) concluded that chickpea production can be increased by applying two irrigations, at preflowering and pod-formation stages, in Rajasthan, India.

Biodegraded organic chemicals to conserve moisture
Water-absorbing polymers are useful when incorporated in the seed furrows as seed coating or as dust mulch. Their application at 8 kg/ha by incorporation in the field with 18 kg N per hectare and 20 kg P per hectare gave the highest yield over control and other methods of application. A soil dressing of Jalshakti® at 7.5 kg/ha with a presowing irrigation gave a higher yield compared to the control in Orissa (Barik et al. 1991). Gaur and Choudhary (1993) also reported that application of Jalshakti® at 6 kg/ha gave a 21.7% yield advantage over the control plot.
Effect of nipping: There is a general belief that nipping of foliage at an early stage induces more branching, restricts profuse growth, and leads to a higher yield. Patel et al. (1989) did not find any effect of nipping on crop yield when it was done at 20 and 40 days after sowing.

Harvesting
Paturda and Phirka (1990) reported that application of N and P at a high rate (35 + 70 kg/ha) delayed the harvest slightly. This practice increases the germination percentage of the harvested seed, and does not have any effect on the milling and cooking quality of the seed. The crop should be harvested when leaves start senescence and shedding. The plants are harvested at the base by manual labor, using a sickle or by using a combine harvester. After harvest, the crop is allowed to dry in the sun for a few days. Threshing is done either by beating the plants with sticks or with a thresher. Traditionally, farmers thresh their crop by trampling it with bullocks, camels, or horses. In this process, the dried crop is spread in a circle of about 15 m2. The bullocks are allowed to walk on the plants in circles for an hour or more depending on the amount of material to be threshed. Continuous stirring of material at intervals of 15 to 20 min is required for uniform threshing. For easy threshing and to avoid damage to the seed, it is better to take out the seed from the threshing lot when about 60-70% seeds have separated from the straw.

Prove di confronto varietale sono state condotte in due differenti località climatiche della Basilicata, all’inizio degli anni 2000. La prima è stata effettuata nella Piana di Metaponto, la seconda nella provincia di Matera, in una località collinare a 400 m s.l.m. I risultati sono sintetizzati nella tabella 1 e nella tabella 2, rispettivamente per le due località.

Tabella 1 – Valori dei principali parametri produttivi e biometrici ottenuti nel confronto varietale nella Piana di Metaponto, a livello del mare.
Varietà Produzione
(t/ha)
Piante/m2
(N.)
Rami/
pianta
(N.)
Altezza
pianta
(cm)
Baccelli/pianta Semi/pianta Semi/
baccello
(N.)
Peso 1000
semi
(g)
Harvest
index
(%)
Azoto
totale
(%)
Proteine
(%)
N. Peso (g) N. Peso (g)
Atenas
Corlian
Kairo
Krema
Molian
Nero
Pascià
Sultano
2,3
2,8
2,6
1,4
3,2
0,9
2,4
3,1
18,4
20,7
20,7
8,7
22,6
27,2
15,8
23,0
2,7
2,7
3,6
2,4
3,0
2,4
2,6
2,8
75,3
75,0
67,5
65,3
78,6
50,0
68,0
75,6
123,3
106,6
81,6
78,0
156,4
42,8
72,8
123,5
51,4
34,0
33,4
28,6
45,0
11,2
32,2
39,3
125,8
111,2
77,2
56,2
170,0
42,1
62,3
126,6
37,7
26,4
23,3
22,0
38,7
9,6
23,8
34,3
1,1
1,0
0,9
0,7
1,1
0,8
0,9
1,0
342,8
317,2
389,1
445,7
286,4
211,3
490,7
318,7
22,4
24,1
23,0
26,5
28,3
13,4
20,8
27,1
3,4
3,7
3,6
3,5
3,7
3,6
3,3
3,5
23,5
22,8
22,7
23,5
23,1
22,4
20,8
21,8


Tabella 2 – Valori dei principali parametri produttivi e biometrici ottenuti nel confronto varietale nella provincia di Matera, a 400 m s.l.m.
Varietà Produzione
(t/ha)
Piante/m2
(N.)
Rami/
pianta
(N.)
Altezza
pianta
(cm)
Baccelli/pianta Semi/pianta Semi/
baccello
(N.)
Peso 1000
semi
(g)
Harvest
index
(%)
Azoto
totale
(%)
Proteine
(%)
N. Peso (g) N. Peso (g)
Atenas
Corlian
Kairo
Krema
Molian
Nero
Pascià
Sultano
1,3
1,2
1,4
0,5
1,1
1,3
1,2
1,1
19,3
20,1
20,8
9,9
18,0
22,6
13,8
18,0
3,6
3,2
3,3
3,1
3,3
4,5
3,1
3,4
59,9
71,0
64,8
50,5
63,0
52,7
63,9
64,9
44,8
61,4
45,5
31,4
66,0
55,7
61,7
56,0
19,0
17,1
19,1
14,1
16,4
6,5
26,4
15,6
50,9
61,7
47,4
31,6
80,1
58,8
62,5
49,7
12,0
11,9
13,1
9,0
11,4
11,5
13,6
10,8
1,2
1,0
1,0
1,0
1,2
1,1
1,0
0,9
282,8
250,7
338,7
314,9
257,7
245,6
433,9
256,5
32,9
30,8
28,7
28,7
35,3
32,5
32,8
31,0
4,0
4,0
4,2
3,6
4,1
3,7
3,8
3,4
25,3
24,9
26,3
22,5
25,7
23,3
23,6
21,2


Concimazione
Si prenderà in considerazione la concimazione con concimi non dilavabili, a lento effetto, quali il fosforo ed il potassio ela concimaione con concimi azotati, a pronto effetto, non trattenuti dal potere assorbente del terreno e, pertanto, facilmente dilavabili dalle acque piovane.
La concimazione del cece deve essere mirata soprattutto a non far mancare alla coltura il fosforo (e il potassio se carente); per l’azoto la nodulazione, se regolare come quasi sempre accade, assicura il soddisfacimento del fabbisogno.

Fosforo e potassio
Sia il fosforo che il potassio sono elementi di fondamentale importanza nella nutrizione minerale di ogni vegetale, essendo coinvolti, sin dalle prime fasi di sviluppo, in numerosi processi biologici essenziali: il fosforo entra nei meccanismi di scambio energetico, nella fotosintesi, negli acidi nucleici, nei fosfolipidi; il potassio costituisce un “regolatore fisiologico” in diversi processi (permeabilità delle membrane cellulari, equilibrio acido-basico, turgescenza cellulare, ecc.). Tutto ciò fa sì che il successo di qualsiasi coltura agraria sia subordinato alla disponibilità nel substrato di questi elementi in forme che risultino: a) assimilabili da parte delle piante e b) presenti in quantità che siano pari o superiori (e quindi “non limitanti”) alle necessità fisiologiche della coltura.
Qualora queste condizioni non siano soddisfatte, la coltura reagisce con manifestazioni di sofferenza (crescita stentata, scarso sviluppo vegetativo, scarsa fioritura/fruttificazione, suscettibilità ad avversità biotiche/abiotiche) di entità proporzionale alla carenza dell’uno o dell’altro elemento e, comunque, tali da compromettere seriamente la resa e la qualità del prodotto.
Nel caso del cece, i primi sintomi visibili la cui manifestazione consente (anche se con qualche difficoltà) di diagnosticare la carenza di uno di questi elementi, possono essere così schematizzati:
Carenza di fosforo:
  • fogliame di colore verde scuro;
  • pigmentazioni rosso-violacee sullo stelo e sulla pagina superiore delle foglioline appartenenti alle foglie più basse, che successivamente virano al verde-giallastro.
Carenza di potassio:
  • clorosi sui margini e gli apici delle foglie più vecchie;
  • pigmentazione rossiccia delle foglioline;
  • aree necrotiche sulle foglioline: dapprima localizzate sulla punta, poi estendentisi a tutta la superficie, che assume una colorazione brunastra.
Data la conoscenza delle quantità di elementi sufficienti a soddisfare le esigenze fisiologiche di una coltura di cece, e stante il fatto che sia fosforo che potassio sono naturalmente presenti in molti terreni agrari (fissati dal complesso di scambio, in quantità/forme diverse), è evidente che il mezzo migliore per stabilire se il ricorso alla concimazione è necessario o meno e, nel caso, determinare la dose ottimale da somministrare, è costituito dalla conoscenza della dotazione del terreno nei due elementi. Questa può essere determinata attraverso l’analisi chimica del terreno, effettuabile presso laboratori specializzati che utilizzano tecniche standardizzate di estrazione degli elementi (P assimilabile Olsen, K scambiabile), volte ad evidenziarne le quantità in forma effettivamente disponibile per le piante.
Nella tabella 4 sono riportate le dosi ottimali di concimazione fosfatica e potassica in funzione delle dotazioni del terreno risultanti dalle analisi; tutti i dati sono espressi nelle stesse forme molecolari in cui vengono indicati i titoli dei concimi (fosforo: P2O5; potassio: K2O); per il fosforo, tenere conto che metodi analitici diversi (Bray, Morgan, Ferrari) da quello indicato (Olsen) forniscono valori differenti (e non comparabili): in questo caso fare riferimento solo alla classe di “giudizio della dotazione”.

Tabella 4 - Concimazione fosfatica e potassica: dosi consigliate in funzione delle dotazioni del terreno.
Fosforo
Dotazione di P2O5 (giudizio)
Dotazione di P2O5 Olsen (ppm)
Concimazione fosfatica (kg/ha di P2O5)
Molto bassa
< 6
56
Bassa
6-13
50
Media
13-25
34
Elevata
25-40
17
Molto elevata
> 40
0
Potassio
Dotazione di K2O (giudizio)
Dotazione di K2O (ppm)
Concimazione potassica (kg/ha di K2O)
Molto bassa
< 50
134
Bassa
50-100
123
Media
100-150
104
Elevata
150-200
35
Molto elevata
> 200
0


La concimazione con dosi superiori a quelle indicate, pur essendo svantaggiosa in termini economici (anticipazione di spesa), non presenta problemi né alla coltura né all’ambiente (gli elementi rimangono nel terreno a disposizione di colture successive, saldamente complessati dal terreno stesso) e costituisce un arricchimento della dotazione.
Data la scarsissima mobilità di questi elementi nel terreno, la somministrazione dei concimi fosfatici e potassici deve essere effettuata prima della lavorazione principale, in modo che questa ne garantisca la corretta incorporazione nello strato di terreno maggiormente interessato dallo sviluppo radicale e ne permetta quindi un assorbimento ottimale.
Per la concimazione fosfatica può essere consigliabile utilizzare il perfosfato triplo (46-48% di P2O5), molto economico nel costo dell’unità fertilizzante, mentre per quella potassica può essere impiegato il solfato di potassio (48-52% di K2O), agronomicamente preferibile ma costoso, o il cloruro di potassio, se il terreno non è argilloso (60% di K2O).
In linea generale, sinteticamente, poiché il prelevamento di fosforo è molto limitato, anche la relativa concimazione può essere limitata a 40-60 kg/ha di P2O5.

Concimazione azotata
A causa dell’elevata percentuale di proteine contenute nel seme, il cece presenta fabbisogni di azoto da considerare piuttosto elevati: per una produzione di 3,5 t/ha di semi contenenti il 4% di azoto (pari a circa il 23% di proteine) si ha un’asportazione complessiva di 140 kg/ha di questo elemento, senza considerare la quota di azoto che rimane in campo nei residui della coltura.
Questo non significa comunque che per la realizzazione di questa coltura sia necessario effettuare concimazioni azotate di tale entità. Il cece infatti, essendo una leguminosa, è capace di soddisfare in modo autonomo le proprie esigenze di azoto grazie alla simbiosi radicale con batteri del genere Rhizobium in grado di fissare l’azoto atmosferico e di trasferirlo (in cambio di energia) alla pianta ospite.
In terreni estremamente magri o poco favorevoli all’azotofissazione, una concimazione azotata con 20-30 Kg/ha di azoto può risultare vantaggiosa.
Nel caso del cece, sembra che il rizobio simbionte sia di tipo specifico (e non generico): ciò implicherebbe che, in situazioni pedologiche in cui non è naturalmente presente lo specifico rizobio, si dovrebbe ricorrere prima della semina alla tecnica di inoculazione della semente, analogamente a quanto avviene per la soia.
Peraltro, l’esperienza agronomica italiana indica che il cece non incontra nei nostri terreni alcuna difficoltà nell’instaurare spontaneamente la simbiosi (evidentemente per la naturale presenza del rizobio specifico nella generalità dei suoli), rendendo di fatto superflua sia l’inoculazione della semente che l’effettuazione della concimazione azotata.
Alcune esperienze sembrano comunque indicare l’utilità di una limitata (25-35 kg/ha di N, da urea o nitrato d’ammonio) concimazione azotata alla semina, con lo scopo di far fronte alle (modeste) esigenze delle plantule nelle prime fasi del ciclo biologico, prima che la simbiosi si sia instaurata e abbia avuto inizio l’attività azotofissativa.
Tale pratica è da considerare applicabile solo a scopo prudenziale, in quanto l’esigenza citata è di norma soddisfatta dal azoto minerale contenuto naturalmente nel terreno, e comunque da limitare alle semine primaverili e in particolari situazioni pedologiche e di avvicendamento: terreni particolarmente poveri in azoto, precessioni sfruttanti, forti dilavamenti prima della semina.

Raccolta
Il cece raggiunge la maturazione all’inizio dell’estate, periodo dell’anno che presenta condizioni climatiche particolarmente favorevoli ad una essiccazione naturale della granella fino ai valori di umidità prossimi a quelli con i quali questa può essere conservata in magazzino (10-12%). E’ bene comunque evitare di ritardare troppo la raccolta (specie la mietitrebbiatura) rispetto al valore ottimale di umidità (13%) con cui questa può essere iniziata, in quanto un’eccessiva essiccazione della pianta e del seme può causare perdite sia per apertura dei baccelli sia per danneggiamento/rottura dei semi nella fase di trebbiatura, piuttosto delicata a causa delle grosse dimensioni dei semi stessi.
La raccolta meccanica del cece può avvenire in due modi:
  • falciando la coltura e lasciando completare l’essiccazione delle piante in campo, allineate in andane, provvedendo successivamente alla raccolta/sgranatura con mietitrebbiatrici provviste di organi raccoglitori (“pick-up”). In questo caso l’operazione di falciatura può essere effettuata già a partire dalla maturazione fisiologica (quando le piante sono completamente ingiallite) senza dover attendere l’essiccazione dei semi. Questa tecnica, pur essendo più costosa della mietitrebbiatura, consente di limitare le (potenziali) perdite di prodotto;
  • mietendo e trebbiando in un unico passaggio la coltura utilizzando macchine mietitrebbiatrici. In questo caso è necessario attendere che la granella abbia raggiunto un contenuto di acqua dell’ordine del 13%; è inoltre indispensabile che il terreno si presenti ben livellato e che la cultivar impiegata sia di tipo eretto, pena la mancata raccolta di importanti quantità di prodotto (i legumi della parte basale della pianta).
Se la raccolta viene effettuata con mietitrebbiatrice, si devono adottare alcune precauzioni:
  • compatibilmente con lo stato superficiale del terreno, regolare l’altezza della barra falciante per quanto possibile vicino al terreno; l’impiego di barre falcianti di tipo flessibile è particolarmente consigliabile, in quanto meglio si adattano a terreni non perfettamente livellati, minimizzando le quantità di prodotto non raccolto;
  • per ridurre le perdite di seme per sgranatura è opportuno che le sollecitazioni meccaniche alle piante siano ridotte al minimo: adottare una velocità di avanzamento moderata (al massimo 5 km/h); regolare opportunamente la velocità di rotazione dell’aspo (vel. periferica 20% superiore a quella di avanzamento);
  • regolare accuratamente tutti gli organi dell’apparato trebbiante: velocità di rotazione del battitore; distanza tra battitore e controbattitore; ventilazione;
  • controllare più volte (nella fase iniziale dell’operazione, ma non prima che la macchina sia entrata in pieno regime operativo) che la trebbiatura proceda in modo soddisfacente e, in particolare, che il prodotto non subisca danneggiamenti eccessivi;
  • accertare che la capacità operativa dell’apparato trebbiante sia compatibile con la velocità di avanzamento adottata e che non avvengano intasamenti interni: nel caso ridurre la velocità di avanzamento;
  • in generale, maggiori saranno le dimensioni del seme (molto variabili) della coltura da trebbiare, maggiori dovranno essere le cautele da adottare e l’accuratezza delle regolazioni dell’apparato trebbiante.

Rese
La produzione potenziale in granella di una coltura di cece è stata stimata nell’ordine delle 5 t/ha, valore molto distante dalla resa media (1,2 t/ha) riportata dalle statistiche ufficiali per il nostro Paese. Motivi di questa bassa produzione media sono individuabili:
  • nella prevalente diffusione della coltura del cece nelle aree meridionali, dove più basso è il potenziale di produzione;
  • nel tipo di terreni in cui molto spesso viene relegata questa coltura, considerata “poco esigente” (aree marginali, precluse a colture più ricche per la scarsa produttività);
  • nella tecnica colturale arretrata o, quanto meno, poco accurata, con cui è frequentemente coltivata questa specie.
Nel caso di condizioni di coltivazione migliori di quelle descritte (tecnica colturale appropriata, terreni di buona fertilità, ambienti favorevoli, cultivar di recente selezione) le rese realisticamente ottenibili possono essere indicate nell’ordine di 2,5-3,5 t/ha, fino a superare le 4 t/ha negli ambienti più favorevoli con semina in epoca autunnale.

Conservazione
La granella di cece non presenta particolari problemi di conservazione quando sia raccolto e immagazzinato ad un contenuto di umidità inferiore al 12%. Nel caso di partite di seme raccolte ad umidità leggermente superiori, è necessario utilizzare sistemi di ventilazione forzata (10-15 m3/ora per m3 di granella) fino al raggiungimento dell’umidità di conservazione; sono comunque da evitare essiccazioni “rapide” o “forzate”, che danneggiano i semi pregiudicandone la qualità commerciale.
Nei magazzini, il controllo delle infestazioni da parte di insetti (Callosobruchus) che attaccano la granella di cece può essere effettuato con trattamenti a base di fosfina o con anidride carbonica.
I requisiti di commercializzazione prevedono l’assenza di corpi estranei, di semi immaturi di colore anomalo (verde) e di semi rotti.

Diseases e pests
La malattia crittogamica più grave che colpisce il cece è la rabbia o antracosi, il cui agente causale è l’Ascochyta rabiei (Pass.) Labrousse, 1931, che produce il disseccamento della parte aerea e che può provocare la distruzione della coltivazione (figure 7).

Figure 7 –Attack of Ascochyta rabiei on stems, leaves and pods of chickpea. Figure 8 – Stem of chickpea with attack of Ascochyta rabiei. On observe the pycnidia distributed in concentric circles.


Figure 9 – Pod of chickpea with Ascochyta blight, caused by Ascochyta rabiei (Pass.) Labr. (1931).


Le maggiori speranze risiedono nella costituzione di varietà resistenti; qualche risultato si ottiene con la lotta diretta basata sulla concia del seme e su una irrorazione all’inizio della formazione dei baccelli. Altri funghi che possono provocare danni sono la ruggine del cece (Uromyces cicer-arietini), l’avvizzimento, causato da Rhizoctonia spp., Fusarium spp. Verticillum spp.
I più seri attacchi di animali sono portati dalla Heliotis (sin. Helicoverga) armigera sui baccelli, dalle larve di Liriomyza cicerina minatrice delle foglie, dal Callosobruchus chinensis che attacca i semi in magazzino.
Il cece può essere infestato, anche se con minor gravità della fava, dall’orobanche.

Difesa biologica
La capacità che l’agricoltura biologica ha di far fronte alle avversità di ordine fitosanitario, non risiede tanto nel possedere rimedi infallibili per i singoli problemi, quanto nel fornire al sistema la possibilità di autoequilibrarsi sfruttando le sue capacità omeostatiche. La predisposizione di condizioni di miglior rispetto degli equilibri naturali del terreno, seguite nelle pratiche di coltivazione dell’agricoltura biologica, costituisce la fase preliminare e preventiva nella difesa delle colture dagli agenti nocivi sia di natura biotica che abiotica. Infatti coltivare un ecotipo locale, più adatto per selezione ad affrontare le condizioni di vita determinate dal suolo e dal clima, seguire la metodologia dell’apporto di sostanza organica nella fertilizzazione e le altre tecniche colturali, contribuisce a costituire una prima serie di condizioni che tendono naturalmente a rendere la pianta coltivata meno suscettibile alle infezioni e ai danni degli agenti nocivi. Il materiale di propagazione deve essere necessariamente sano, cioè privo di agenti patogeni e di insetti. Sarà pertanto opportuno impiegare materiale certificato (sempre proveniente da agricoltura biologica).
In certi casi è possibile ridurre la popolazione di malattie e di insetti fitofagi distruggendo tempestivamente residui colturali nei quali questi svernano.
Le sistemazioni idrauliche, evitando ristagni idrici, riducono l’incidenza di diverse fitopatie e lo sviluppo di alcuni insetti terricoli sia diminuendone la virulenza sia aumentando il vigore e, quindi la resistenza delle piante coltivate.
Una concimazione completa ed equilibrata è come regola generale favorevole in quanto piante ben nutrite e vigorose resistono meglio e con minor danno alle aggressioni. L’eccesso di azoto, che può aumentare la suscettibilità delle colture alle avversità crittogamiche o l’appetibilità per certi fitofagi (es. afidi) è un caso ricorrente nell’agricoltura convenzionale, mentre è altamente improbabile che si realizzi nell’agricoltura biologica, dove non si fa uso di concimi azotati di sintesi.
Anche la correzione del pH può essere un mezzo importante per favorire le specie coltivate, in quanto molti funghi terricoli sono favoriti da una reazione del terreno tendenzialmente acida. Nel caso di necessità determinate da eventi capaci di compromettere il risultato economico del raccolto, è possibile comunque intervenire con alcuni strumenti di difesa diretta.
L’impiego di essenze vegetali e di insetticidi di origine vegetale (azadiractina, rotenone, piretro quassine ecc.), offre buoni risultati contro i parassiti animali e, parallelamente, l’uso di zolfo e di sali di rame, impiegati da sempre con successo nel controllo delle crittogame, consente in molti casi di ostacolare anche lo sviluppo di diversi insetti.
E’ opportuno, in questo ambito, porre l’accento sulle difficoltà che incontra l’operatore agricolo nel reperire informazioni sulla conformità alle normative cogenti nell’agricoltura biologica dei preparati con attività insetticida e anticrittogamica. Per essere impiegato su una determinata coltura infatti, il prodotto deve essere contemplato fra quelli indicati nell’allegato 2 del regolamento CEE 2092/91 e sue successive integrazioni ma deve essere anche autorizzato all’impiego in agricoltura da parte del Ministero della Sanità. La situazione è in continua evoluzione in quanto nuove richieste di autorizzazione vengono inoltrate al Ministero per ottenere la registrazione nel nostro paese di prodotti ammessi dal regolamento comunitario, mentre di converso alcuni prodotti contemplati nella prima stesura del regolamento sono stati eliminati nelle successive modifiche oppure ne è stato ridotto l’impiego a particolari colture (es. azadiractina ammessa solo su piante madri o colture portaseme e piante ornamentali). Allo stato attuale tra gli insetticidi di origine vegetale ammessi dal Reg. CEE il Piretro naturale (solo se estratto da Chrysantemum cinerariaefolium) e il rotenone (estratto da Derris spp., Lonchocarpus spp. e Therphrosia spp.) sono anche registrati per l’utilizzo in agricoltura in Italia. Per quanto riguarda invece gli insetticidi microbiologici esistono diversi prodotti registrati a base di Bacillus thuringiensis, e nematodi entomopatogeni. L’utilizzo di questi preparati è conforme a quanto prescritto dal regolamento CEE in quanto l’unica causa di esclusione è rappresentata dalla eventuale manipolazione genetica degli organismi costituenti il bioinsetticida.
Sul piano tecnico è necessario, tuttavia, adottare un impiego oculato anche degli insetticidi di origine naturale che, seppur presentino ampie garanzie di pronta degradabilità ambientale, sono sempre di scarsa selettività (piretro, rotenone) nei confronti dell’entomofauna utile. E’ quindi auspicabile anche nell’agricoltura biologica il superamento della lotta a calendario e l’adozione di criteri di intervento in qualche modo analoghi a quelli in uso nella lotta integrata. La lotta integrata infatti, è fondata sull’accertamento della reale presenza dei parassiti, sulla conoscenza delle condizioni microclimatiche predisponenti l’insorgenza delle avversità, sulla conoscenza delle soglie di tolleranza, sulla scelta dei fitofarmaci a più basso impatto ecologico e con la massima salvaguardia degli insetti ausiliari, sull’uso, infine, dei mezzi di lotta biologica. E’ utile ricordare che le soglie d’intervento riportate nelle schede per alcuni patogeni e fitofagi, hanno carattere indicativo in quanto in agricoltura biologica non esistono riferimenti trasferibili alla generalità delle aziende e per questo motivo vanno adattate alle singole realtà (aziende in conversione, agroecosistemi più o meno semplificati, diversa tollerabilità per alcune tipologie di danno, etc.) Le tecniche di lotta biologica che sfruttano gli antagonismi naturali, sono uno strumento di importanza fondamentale per controllare le popolazioni dei fitofagi e degli agenti di malattia. In particolare, il controllo biologico classico, attuato non su scala aziendale ma comprensoriale, riveste un particolare interesse nel fronteggiare parassiti di origine esotica, andando a ricostituire le associazioni (i sistemi tritrofici) con i loro nemici naturali. L’attività necessaria alla sua realizzazione è demandata agli istituti di ricerca, che cooperano in tal senso con gli analoghi organismi internazionali. In altri casi è invece possibile far ricorso agli ausiliari allevati in biofabbriche e oggigiorno, specialmente nelle colture protette dove da tempo si sono manifestati fenomeni di resistenza agli insetticidi di sintesi, è possibile affidare la difesa fitosanitaria integralmente alla loro attività. Anche la lotta microbiologica è divenuta una realtà operativa come nel caso del Bacillus thuringiensis bioinsetticida batterico impiegato con successo contro diversi lepidotteri. I nematodi entomopatogeni, considerati anch’essi agenti di controllo microbiologico, rappresentano dei validi strumenti di lotta agli insetti che svolgono almeno una parte del loro ciclo nel terreno. Essi, inoltre, possono essere efficacemente utilizzati per il controllo degli insetti xilofagi (Cossus cossus, Zeuzera pyrina, Synanthedon myopaeformis, etc.).
Per quanto attiene alla lotta biologia contro le crittogame, pur se non ancora sviluppata a livello di quella contro i parassiti animali, bisogna dire che essa mostra interessanti prospettive da sviluppare nell’immediato futuro.
Un altro efficace strumento di contenimento dei problemi fitosanitari è rappresentato dall’utilizzo di varietà resistenti. In molti casi il miglioramento genetico ha raggiunto ottimi risultati nella ricerca della resistenza a diverse crittogame, mentre per gli insetti i risultati positivi sono ancora piuttosto limitati.
Sul piano applicativo, l’orticoltura pone talvolta gravi problemi fitosanitari, in particolare nella coltura intensiva praticata in zone specializzate e con un numero ridotto di specie.
In questo comparto, in maniera ancor più marcata delle altre colture biologiche, la prevenzione rappresenta l’arma principale per il controllo delle avversità e per raggiungere di conseguenza un adeguato livello produttivo sotto il punto di vista qualitativo e quantitativo.
Per quanto concerne la coltura in pieno campo, attualmente l’impossibilità di controllare in maniera diretta alcuni agenti di danno (elateridi, nematodi fitopatogeni, rizottoniosi, cercosporiosi, sclerotinia septoriosi, verticillosi, fusariosi, etc.) rende necessaria l’adozione di lunghe rotazioni, insieme alla scelta di varietà resistenti o di ecotipi locali da tempo adattati alle condizioni microclimatiche proprie del territorio. Buone prospettive sono offerte anche dal controllo microbiologico delle fitopatie e degli insetti dannosi.
Dal punto di vista dei mezzi fisici di controllo, la messa a punto di macchine che rendano più economica ed affidabile la tecnica della solarizzazione in pieno campo renderà più efficace il controllo dei nematodi fitopatogeni e delle fitopatie i cui agenti si conservano nel terreno. Una volta esplorate le esigenze di mercato e quelle più spiccatamente agronomiche (rispetto del fabbisogno in sostanza organica della coltura, conservazione della fertilità aziendale), la scelte della coltura da praticare e dell’appezzamento su cui impiantarla, dipende dai seguenti fattori:
  • L’appezzamento prescelto non deve avere ospitato una coltura infestata dal fitofago chiave o dalla malattia principale per la coltura da impiantare, da un numero di anni pari alla durata della capacità di sopravvivenza della malattia o del fitofago in mancanza di ospiti (es. nematodi 5-10 anni, batteri del genere Erwinia 7-8 anni).
  • L’appezzamento prescelto deve essere distante da colture simili, potenziali fonti di infezione/infestazione, nonché da campi che abbiano ospitato una coltura infestata, da magazzini e da discariche di residui delle colture. La distanza dalle potenziali fonti di contaminazione di cui sopra, può essere comunque sensibilmente ridotta adottando colture barriera o frangivento che, qualora siano costituiti da siepi, rappresentano anche una considerevole riserva di antagonisti naturali.
.

Top

Return to Introduction

Return to Home page


This page has been visited times

© Fiume Francesco 2005