Broadbean




Taxonomy of Broadbean (Vicia faba Linneus, 1753) according to Cronquist System
Dominium/SuperKingdom: Eukaria Chatton, 1925
Regnum/Kingdom: Plantae Haeckel, 1866
Subregnum/SubKingdom: Viridaeplantae Cavalier-Smith, 1998 (Piante verdi)
Superdivisio/Superdivision: Spermatophyta Gustav Hegi, 1906 (Piante con semi)
Divisio/Division or Phylum: Tracheobionta o Tracheophyta Sinnott, 1935 ex Cavalier-Smith, 1998
Subdivisio/Subdivision: Magnoliophytina Frohne & U. Jensen ex Reveal, 1996
Classis/Class: Rosopsida Batsch, 1788
Subclassis/Subclass: Rosidae Takht., 1967
Superordo/Superorder: Fabanae R. Dahlgren ex Reveal, 1993
Ordo/Order: Fabales Bromhead, 1838
Familia/Family: Fabaceae (Rchb., 1832) Lindley, 1836 or Leguminosae A.L. de Jussieu, 1789 or Papilionaceae Giseke, 1792
Subfamilia/Subfamily: Vicioideae Burnett, 1835 o Papilionoideae
Tribus/Tribe: Vicieae
Subtribus/Subtribe: Viciinae Bronn, 1822
Genus: Vicia Linneus, 1753
Species: Vicia faba Linneus, 1753

Taxonomy of Broadbean (Vicia faba Linneus, 1753) according to APG System
Regnum/Kingdom: Plantae
Clade: Angiosperm
Clade: Eudicots
Clade: Angiosperm tricolpate
Clade: Tricolpate Core
Clade: Rosids
Clade: Eurosids I
Ordo/Order: Fabales Bromhead, 1838
Familia/Family: Fabaceae (Rchb., 1832) Lindley, 1836 or Leguminosae A.L. de Jussieu, 1789 or Papilionaceae Giseke, 1792
Subfamilia/Subfamily: Vicioideae Burnett, 1835 o Papilionoideae
Tribus/Tribe: Vicieae
Subribus/Subtribe: Viciinae Bronn, 1822
Genus: Vicia Linneus, 1753
Species: Vicia faba Linneus, 1753

The synonyms of Vicia faba L are:


The common name in the world of Broadbean are the following:
Vicia faba is a species of bean native to north Africa and southwest Asia, and extensively cultivated elsewhere.

Economic importance in the world
Broad beans are primarily cultivated in the central part of Iran. The city of Kashan has the highest production of broad beans with high quality in terms of the taste, cooking periods and color.
However, broad beans have a very short season (roughly two weeks.) The season is usually in the middle of spring. When people have access to fresh beans in season, they cook them in brine and then add vinegar and Heracleum persicum depending on taste. They also make an extra amount to dry to be used year round. The dried beans can be cooked with rice, which forms one of the most famous dishes in Iran called baghalee polo (Persian : باقالی پلو) which means rice with broad bean. In Iran broad beans are cooked, served with pepper and salt and sold on streets in the winter. This food is also available preserved in metal cans.
Fava beans (Arabic: فول) are a common staple food in the Egyptian diet, eaten by rich and poor alike. Egyptians eat fava beans in various ways: they may be shelled and then dried, bought dried and then cooked by adding water in very low heat for several hours, etc. They are the primary ingredient in Ta`meyyah (Arabic: طعميه) (Egyptian Arabic for falafel), and Egyptians have made deriding Levantine felafel (made from chickpeas) as inferior something of a national sport.
However, the most popular way of preparing fava beans in Egypt is by taking the mashed, cooked beans and adding oil, garlic, lemon, salt and cumin to it. It is then eaten with bread. The dish, known as ful medames, is traditionally eaten with onions (generally at breakfast) and is considered the Egyptian national dish.
Broad beans (Greek: κουκιά, koukiá) are eaten in a stew combined with artichokes, while they are still fresh in their pod. Dried broad beans are eaten boiled, sometimes combined with garlic sauce (skordalia). In Crete fresh broad beans are shelled and eaten as companion to tsikoudia, the local alcoholic drink. Favism is quite common in Greece because of malaria endemicity in previous centuries, and people afflicted by it do not eat broadbeans.
The Greek word fáva (φάβα) does not refer to broadbeans, but to the yellow split pea and also to the legume Lathyrus sativus, either of which are boiled with salt to the local variety of pease pudding, also called fáva. This creamy fáva is then served hot or cold, sprinkled with olive oil and garnished with a variety of condiments and seasonings such as diced onion, capers, parsley, pepper, lemon juice, etc.
In Ethiopia, Broad beans (Amharic: baqueella) are one of the most popular legumes in Ethiopia. Broad beans are tightly coupled with every aspect of Ethiopian life. They are mainly used as an alternative to peas to prepare a flour called shiro, which is used to make shiro wot (a stew almost ubiquitous in Ethiopian dishes). During the fasting period in the Ethiopian Orthodox Church tradition called filliseta (which is in August), two uncooked spicy vegetable dishes are made using broad beans. The first is elibet, a thin white paste of broad bean flour mixed with pieces of onion, green pepper, garlic, and other spices based on personal taste. The second is silijou, a fermented, sour, spicy, thin, yellow paste of broad bean flour. Both are served with other stews and injera (a pancake-like bread) during lunch and dinner.
Baqueella nifro (boiled broad beans) are eaten like a snack during some holidays and during a time of mourning. Interestingly, this tradition goes well in to religious holidays too. On the Thursday before Good Friday, in the Ethiopian Orthodox Church tradition tselote hamus (the Prayer of Thursday), people eat a different kind of nifro called gulban. Gulban is made of peeled, half beans collected and well cooked with other grains like wheat, peas and chick peas. This is done to mourn the crucifixion of Jesus Christ.
Boq'ullit (boiled salted broad beans embryo) is one of the most favorite snacks in the evening, the common story-telling time in north and central Ethiopia. It is particularly a favorite for the story-teller (usually a society elder), as it is delicious, and easy to chew and swallow.
Last but not least, ripe broad beans from a broad beans crop are eaten by passers-by. Besides that, they are one of the gift items from a countryside relative in a period close to the Ethiopian Epiphany.

Origin and diffusion.
In this part will be treated just broad bean whose seed is consumed fresh. This plant is also referred to as broad bean suc as vegetable crops or broad bean such as vegetable crops for canteen or dining hall.
The latin name (faba)seems to derive from the Arabic language "habba" or from the ancient Indo-European word "Bhabha" which means "something that swells".
The center of origin of the bean is continuously under discussion. It is considered by many specialists in the Mediterranean area, from other, more recently, the Middle East and Central Asia.
The documentation seems to date back to the Neolithic Age. With certainty 3000 years BC, the broad bean was widely distributed throughout the Mediterranean Basin.
One of the earliest descriptions of the existence of the broad bean appears in a Sumerian text of the second millennium BC written in cuneiform characters, though it appears to be Tic Bean (variety minor). Following Egyptian documents dating back to 1300-1100 BC. There are also references to the Sacred Scripture around 1,000 BC. The Greeks indicated the broad bean by the name of "kuamos", and they used to eat the light and dark seeds for vote in the election of judges. The ancient Romans were offering the broad bean to the gods, with lard, during the Kalends of July, called for this "kalends fabarie". From the broad bean seems to derive also the name of Fabi and that of the Fabarie islands (Frisian). But it seems that all they were referring to a broad bean with small seeds that is today the varieties minor and equina. In fact, it is believed that the broad bean with large seeds (variety major) has appeared around 500 AD. In the Middle Ages there are numerous references to the broad bean. Around 1,543 the broad bean was brought in major South and Central America by the Spanish and Portuguese, and, in 1,602, in North America, where it adapted well in the Elizabeth islands belonging to the actual state of Massachusetts.
The area used for the production of dry seed is decreasing in almost all countries: it was grown on 3.182 million hectares, of which 1,700,000 in China, followed by 350,000 (Ethiopians), 159.000 (Marocc) and about 140,000 hectares each Brazil and Egypt. In Italy the surface is dry bean crops is 65.667 ha (data ISTAT, 2002).
The extent of the area and production for the consumption of the pods and seeds in the fresh state is not surveyed by FAO, it is difficult to find the respective values​​. Our estimates do ascend the cultivated surface to more than 150,000 ha, mainly concentrated in Morocco, Tunisia, Egypt, Algeria, Turkey, Greece, Iraq, Syria, Portugal, Libya, Spain, Northern Europe. In Italy, the broad bean surface for the consumption of fresh pods and seeds has amounted to 10,767 in the open field, with a total production of 63,863 t, an harvested production of 59,642 t, and a yield of 5.93 t/ha (ISTAT, 2002).
In particular, in Spain is grown an area of ​​about 15,000 ha, of which about 65% irrigated, with a production per unit of surface of ​​around 10 t/ha and assumes greater importance in the region of the Levant (Murcia and Alicante), eastern and western Andalusia (Jaen and Malaga), Extremadura (Badajoz) and Cataluna (Barcelona); only about 700 tonnes are used for processing.
In Northern Europe especially in the UK, where the production is mainly sent to the canning industry, it is important in the counties of Norfolk, Lincshire, Yorks, Cambshire.
In Italy until the end of World War II, was grown on about 18,000 ha, with a production per unit of surface of about 4 t/ha; then the surface is increased, in the period 1960-1962, up to reach 27,000 ha. Since then there has been a decline, until it stabilizes around 19,000 ha, since to 1971 onwards. The production per hectare in the last 20 years has increased until reaching more than 6 t/ha. In 1987 was grown on about 18,800 ha (about 55% in the hills, 30% plains and in the mountains 15%), with a production per surface unit of 6.0 t/ha and a total of 113,000 tonnes.
The regional allocation for 1985 is headed Sicily with 6,795 ha, of which over 50% in the province of Palermo, followed by Calabria with 2,986 ha (over 60% in the province of Catanzaro), Apulia (2,486 ha, which 40% in the province of Bari), Campania (1,700 ha, most important in the province of Salerno) and Lazio, with 1,466 ha (Rome is the most important province). The higher yield was obtained in the Campania region, with more than 10 t/ha.
The fresh fava marketed through the wholesale fruit and vegetable markets in 1955 was about 8,500 tonnes, has progressively increased and is now around 60,000 tonnes.
The average consumption per capita of brod bean pods in Italy is about 2 kg; in the South, however, this value is more than doubled.

Botanic characteristics, biology and physiology
It is a rigid, erect plant 0.5-1.8 m tall, with stout stems with a square cross-section.
The leaves are 10–25 cm long, pinnate with 2-7 leaflets, and of a distinct glaucous grey-green colour; unlike most other vetches, the leaves do not have tendrils for climbing over other vegetation.
The flowers are 1-2.5 cm long, with five petals, the standard petal white, the wing petals white with a black spot (true black, not deep purple or blue as is the case in many "black" colourings), and the keel petals white. Crimson flowered broad beans also exist, which were recently saved from extinction.
The fruit is a broad leathery pod, green maturing to blackish-brown, with a densely downy surface; in the wild species, the pods are 5–10 cm long and 1 cm diameter, but many modern cultivars developed for food use have pods 15–25 cm long and 2–3 cm thick.
Each pod contains 3-8 seeds; round to oval and 5–10 mm diameter in the wild plant, usually flattened and up to 20–25 mm long, 15 mm broad and 5–10 mm thick in food cultivars. Vicia faba has a diploid (2n) chromosome number of 12 (6 homologous pairs). Five pairs are acrocentric chromosomes and 1 pair is metacentric.

Cultivation
Broad beans have a long tradition of cultivation in Old World agriculture, being among the most ancient plants in cultivation and also among the easiest to grow. It is believed that along with lentils, peas, and chickpeas, they became part of the eastern Mediterranean diet in around 6000 BC or earlier. They are still often grown as a cover crop to prevent erosion, because they can over-winter and because as a legume, they fix nitrogen in the soil. These commonly cultivated plants can be attacked by fungal diseases, such as rust (Uromyces viciae-fabae) and chocolate spot (Botrytis fabae). It is also attacked by the black bean aphid (Aphis fabae).
The broad bean has high hardiness cvs.
This means it can withstand rough climates, and in this case, cold ones. Unlike most legumes, the broad bean can be grown in soils with high salinity. However, it does prefer to grow in rich loams.
In much of the Anglophone world, the name broad bean is used for the large-seeded cultivars grown for human food, while horse bean and field bean refer to cultivars with smaller, harder seeds (more like the wild species) used for animal feed, though their stronger flavour is preferred in some human food recipes, such as falafel. The term fava bean (from the Italian fava, meaning "broad bean") is sometimes used in English speaking countries, however the term broad bean is the most common name in the UK.

Culinary uses
Broad beans are eaten while still young and tender, enabling harvesting to begin as early as the middle of spring for plants started under glass or over-wintered in a protected location, but even the main crop sown in early spring will be ready from mid to late summer. Horse beans, left to mature fully, are usually harvested in the late autumn. The young leaves of the plant can also be eaten either raw or cooked like spinach.
The beans can be fried, causing the skin to split open, and then salted and/or spiced to produce a savory crunchy snack. These are popular in China, Colombia, Peru (habas saladas), Mexico (habas con chile) and Thailand (where their name means "open-mouth nut").
Broad bean purée with wild chicory is a typical Puglian dish in Italy.
In the Sichuan cuisine of China, broad beans are combined with soybeans and chili peppers to produce a spicy fermented bean paste called doubanjiang.
In most Arab countries, the fava bean is used for a breakfast dish called ful medames.
Fava beans are common in Latin American cuisines as well. In central Mexico, mashed fava beans are a common filling for many corn flour-based antojito snacks such as tlacoyos. In Colombia they are most often used whole in vegetable soups. Dried and salted fava beans are a popular snack in many Latin countries.
In Portugal, a fava bean (usually referred to as fava in Portuguese) is included in the bolo-rei (king cake), a Christmas cake. Traditionally, the person who gets fava has to buy the cake the following year.

Other uses
In ancient Greece and Rome, beans were used in voting; a white bean being used to cast a yes vote, and a black bean for no. Even today the word koukia ( κουκιά) is used unofficially, referring to the votes.
In Ubykh culture, throwing beans on the ground and interpreting the pattern in which they fall was a common method of divination (favomancy), and the word for "bean-thrower" in that language has become a generic term for seers and soothsayers in general.
In Italy, broad beans are traditionally sown on November 2, All Souls Day. Small cakes made in the shape of broad beans (though not out of them) are known as fave dei morti or "beans of the dead".
According to tradition, Sicily once experienced a failure of all crops other than the beans; the beans kept the population from starvation, and thanks were given to Saint Joseph. Broad beans subsequently became traditional on Saint Joseph's Day altars in many Italian communities. Some people carry a broad bean for good luck; some believe that if one carries a broad bean, one will never be without the essentials of life. In Rome, on the first of May, Roman families traditionally eat fresh fava beans with Pecorino Romano cheese during a daily excursion.
In Northern Italy, on the contrary, fava beans are traditionally fed to animals and some people, especially the elderly, might frown on human consumption. But in Liguria, Northern Italy too, fava beans are loved like in Rome, and consumed fresh, alone or with fresh Pecorino Sardo or with local salami from Sant’Olcese. In some Central Italian regions was once popular and recently discovered again as a more fancy food the "bagiana" a soup of fresh or dried fava beans seasoned with onions and beet leaves stir fried, before being added to the soup, in olive oil and lard (or bacon or cured ham's fat).
In Portugal, a Christmas cake called Bolo Rei ("King cake") is baked with a fava bean inside. Whoever eats the slice containing it, is supposed to buy next year's cake. In ancient Greece and Rome, beans were used as a food for the dead, such as during the annual Lemuria festival.
In some folk legends, such as in Estonia and the common Jack and the Beanstalk story, magical beans grow tall enough to bring the hero to the clouds.
The Grimm Brothers collected a story in which a bean splits its sides laughing at the failure of others. Dreaming of a bean is sometimes said to be a sign of impending conflict, though others said that they caused bad dreams.
Pliny claimed that they acted as a laxative. European folklore also claims that planting beans on Good Friday or during the night brings good luck.

Health issues
Broad beans are rich in tyramine, and thus should be avoided by those taking monoamine oxidase (MAO) inhibitors.
Raw broad beans contain the alkaloids vicine, isouramil and convicine, which can induce hemolytic anemia in patients with the hereditary condition glucose-6-phosphate dehydrogenase deficiency (G6PD). This potentially fatal condition is called "favism" after the fava bean.
Broad beans are rich in L-dopa, a substance used medically in the treatment of Parkinson's disease. L-dopa is also a natriuretic agent, which might help in controlling hypertension.
Broad beans are widely cultivated in the Kech and Panjgur districts of Balochistan Province in Pakistan, and in the eastern province of Iran. In the Balochi language, they are called bakalaink, and baghalee in Persian.
Areas of origin of the bean correspond to malarial areas. There are epidemiological and in vitro studies which suggest that the hemolysis resulting from favism acts as protection from malaria, because certain species of malarial protozoa such asPlasmodium falcipacrum are very sensitive to oxidative damage due to deficiency of the glucose 6-phosphate dehydrogenase enzyme, which would otherwise protect from oxidative damage via production of glutathione reductase. The seed testas contain condensed tannins of the proanthocyanidins type that could have an inhibitory activity on enzymes.

Caratteri botanici, biologia e fisiologia
La classificazione della specie Vicia faba è stata oggetto di attenzione da parte di numerosi Autori. Il primo (Muratova, 1931) contempla due sottospecie, tre varietà botaniche e due subvarietà per ciascuna varietà, come risulta dall’esame dei valori biometrici relativi ai semi.
Tale classificazione oggi appare di scarso significato in una specie parzialmente allogama come è la Vicia faba, dove spesso in pratica si assiste a miscugli di due varietà botaniche o allo scambio dei relativi geni.
Hault (1972) considera due sottospecie (Vicia faba minor e Vicia fabafaba), ritiene la “paucijuga” una razza geografica della Vicia faba minor e divide la specie Vicia faba minor nella var. minor e la specie Vicia faba nelle varietà botaniche equina e faba; a loro volta le varietà botaniche vengono ulteriormente divise in sub-varietà. Cubero (1974) semplifica la classificazione della specie Vicia faba in 4 varietà botaniche: faba, equina, minor e paucijuga.
Considerata l’attuale disputa sulla esatta classificazione, a scopo esclusivamente didattico perciò si adotterà ancora la classificazione di Muratova, per cui la fava da orto viene indicata come Vicia faba L. var. major Harz.
È pianta annuale, non rampicante, con radice fittonante che si può approfondire anche fino a 90 cm e radici laterali ben evidenti; sulle più piccole sono presenti i noti tubercoli radicali, con funzione azotofissatrice. Il fusto è eretto, glabro, semplice o ramificato (fino a 7-8 steli), tetragono (anche di 15 mm di lato), con spigoli rilevati; internamente è vuoto e alto normalmente fino a 80-120 cm, nelle cultivar da destinare all'industria conserviera può superare i 180 cm. È sprovvisto di cirri, il che la diversifica da altre specie di Vicia.
Le foglie hanno picciolo e rachide scanalate superiormente, sono alterne, paripennate, formate da 1-4 coppie di foglioline subsessili quasi ovali, grassette, mucronate, con margine intero, glabre e pruinose, di colore grigio-verde. Stipole semisaettate, denticolate, irregolarmente lunghe fino a 2,5 cm, spesso con macchie nere alla base, dove sono situati nettari extrafiorali di colore marrone per attirare gli insetti.
I fiori sono solitari o più spesso riuniti in grappoli all'ascella delle foglie con 2-6 fiori, brevemente pedicellati con calice campanulato, glabro, con tubo lungo circa 7 mm a 5 lobi strettamente triangolari lunghi 5-8 mm. La corolla è irregolare con 5 petali, di cui il vessillo obvato di 25 x 15 mm con deboli righe longitudinali marrone; 2 formano le ali oblunghe bianche o violacee con macchie di melanina scura aderenti alla carena (formata quest'ultima da due petali uniti a forma di cucchiaino); esistono anche geni che conferiscono l'assenza di macchie su petali e stipole. Gli stami sono 10, di cui 9 saldati a tubo e 1 libero. Le antere sono ellissoidali, l'ovario sessile compresso, pubescente, con 2-5 ovuli; lo stilo in prossimità dell'apice è coperto da peli ed è rivolto verso l'alto; lo stemma è capocchiuto, ghiandolare, papillato, quando diventa ricettivo, emette un essudato vischioso che induce la germinazione del polline.
I baccelli o legumi sono lunghi normalmente 20-35 cm (non mancano esemplari di oltre 50 cm) a sezione circolare od ovale, spesso un po' strozzati fra i semi, cuneati alla base e rostrati all'apice, di colore verde, pubescenti o glabri, carnosi, ripieni di tessuto spugnoso, bianco lucente. I semi generalmente variano da 4 a 8 (ma non è raro trovarne anche 10), sono compresssi, ovali, talvolta quadrangolari; i cotiledoni costituiscono circa 1'85% del peso, mentre il tegumento il 14% e l'asse embrionale 1'1 %. Allo stato fresco la cuticola è di colore variabile dal verde pallido al verde scuro, a volte può essere anche lucida. Nel seme si può distinguere la cicatrice ombelicale, spesso scura a maturità, detta ilo; sulla parte superiore vi è la caruncola, mentre il dorso è circondato da un rilievo detto rafe che termina presso l'ilo con la calaza. Il peso di 1.000 semi varia da circa 1.100 ad oltre 3.000 g.
L'accrescimento delle radici cessa durante il periodo di ingrossamento dei baccelli perché i carboidrati prodotti vanno ad alimentare i baccelli e non più le radici ed i noduli; a causa di ciò inizia la senescenza di questi ultimi. Infatti, eliminando i baccelli allegati ed i fiori si ritarda la senescenza delle foglie e gli assimilati si rendono disponibili per le radici che permettono ai noduli di continuare ad esplicare le loro funzioni azotofissatrice. Nei noduli è stato osservato che il contenuto di citochinine è 12-13 volte maggiore rispetto a tutto il sistema radicale, perciò i noduli costituiscono la fonte di citochinine per l'apparato epigeo della pianta. L'accrescimento del fusto termina in generale in corrispondenza della fioritura, anche se è bene ricordare che esistono genotipi ad accrescimento determinato, in quanto il loro apice termina con l'infiorescenza.
La formazione ed il numero degli steli laterali varia notevolmente, ma è sotto l'influenza della dominanza apicale ed è molto legata al periodo di semina.
L'accrescimento delle foglie, quando le altre condizioni sono ottimali, aumenta lievemente con l'aumentare della temperatura diurna tra 12 e 25 °C.
Il nodo a cui i meristemi ascellari si evolvono in fiori e la posizione dei fiori sembra essere influenzato dal fotoperiodo e dalla temperatura nel senso che la data di fioritura viene anticipata e la posizione del primo nodo fiorifero è sempre più vicina al terreno man mano che il fotoperiodo aumenta; sembra infatti che il fotoperiodo critico per l'inizio della fioritura sia di circa 12-13 ore. Inoltre anche le basse temperature hanno mostrato di accelerare l'inizio della fioritura.
1 fiori si aprono nella maggior parte tra le 12 e le 14 e gli insetti che bottinano il polline in queste ore producono lo «scatto» («tripping») e concorrono all'impollinazione. In proposito, il sistema di impollinazione è intermedio fra la completa autogamia e l'allogamia; i pronubi (api e alcuni bombi come, ad esempio, Bombus terrestris L.) con l'impollinazione favoriscono l'aumento della produzione di seme. In generale con l'impollinazione sembra che in una coltura di fava il 75% delle piante derivi da autofecondazione e il 25% siano ibride; tali ibridi sono autofertili, mentre le piante provenienti da autofecondazione si autofecondano con difficoltà. La percentuale di fiori con polline che germina sullo stigma in assenza dello «scatto» provocato dagli insetti è di circa il 10-30% di quelli totali nelle piante da autofecondazione non autoimpollinanti, mentre giunge al 50-100% in quelle autoimpollinanti; dopo lo «scatto» quasi tutte le piante presentano il 100% di fiori con polline germinante. Negli ibridi la percentuale di fiori con polline germinante è di circa il 70-100%, anche in quelli che non subiscono lo scatto. Tali variazioni sono da attribuire sia alla struttura del fiore (es. la lunghezza dello stilo, la presenza di peli su di esso e l'angolo di saldatura della carena) che alla quantità di polline prodotto. Nei fiori delle piante che non si autoimpollinano esistono delle barriere morfologiche che impediscono al polline di giungere allo stigma. Nelle piante ibride la quantità di polline è molto maggiore nei confronti di quella delle piante provenienti da autofecondazione.
Avvenuta l'impollinazione, in situazioni normali, si formano i baccelli ed i semi. I cotiledoni diventano visibili 10-12 giorni dopo l'impollinazione, poi si accrescono rapidamente; l'accumulo delle sostanze di riserva comincia quando la formazione degli organi embrionali è terminata. L'amido sembra la prima sostanza ad essere formata nei plastidi.
La germinazione inizia con l'accrescimento della radichetta, a cui segue quello della piumetta. La quantità di acqua assorbita dipende dalla superficie di contatto del seme e naturalmente dalla tensione dell'acqua; in generale la germinazione ha luogo quando vengono assorbiti 0,84 g di acqua/g di peso secco. Nelle prime due settimane dopo la semina oltre il 60% delle proteine viene idrolizzato, così anche alcuni amminoacidi vengono demoliti e se ne formano dei nuovi. Dopo 2-3 giorni dall’emissione della radichetta primaria inizia la formazione delle radici laterali, poi l’accrescimento di tutte procede con la stessa velocità.

Esigenze e adattamento ambientale
E’ una pianta ritenuta microterma che cresce a temperature non elevate. Tale definizione appare particolarmente appropriata nel caso di cultivar precoci coltivate per i baccelli da consumarsi allo stato fresco, dove la precocità è essenziale. Le zone di elezione sono quelle caratterizzate da inverni miti con lievi escursioni termiche. Le zone rivierasche dell’Italia meridionale rispondono a queste esigenze. Comunque lo zero di germinazione è fissato tra 1 e 3 °C, ma a 5-6 °C germina, anche se lentamente; l’optimum è intorno a 20 °C. Per la fioritura e l’allegagione la minima è di circa 10 °C.
A - 6 °C, soprattutto per un tempo prolungato, la maggioranza delle cultivar viene uccisa. Le gelate tardive sono molto dannose, ma anche abbassamenti di temperatura dopo la fioritura provocano una notevole caduta di fiori e baccelli. Durante l’ingrossamento dei semi, temperature superiori a 20 °C favoriscono il rapido accumulo di amido, l’indurimento dei cotiledoni e dei tegumenti seminali e perciò il decadimento della qualità; inoltre, la temperatura inferiore a 20 °C sembra che concorra a diminuire la percentuale di semi che assumono colorazioni anomale nel corso della lavorazione industriale.
Le esigenze idriche sono modeste fino al momento della fioritura, sono notevoli invece all’allegagione e all’ingrossamento dei baccelli in cui viene richiesta una sufficiente umidità del terreno pena la drastica riduzione della produzione.
Forti piogge però nel periodo di fioritura e allegagione sono dannose perché limitano l’attività degli impollinanti, fanno aderire i petali senescenti ai baccelli in via di accrescimento e costituiscono siti ideali per attacchi di muffa grigia. Inoltre causano l’eccessivo accrescimento della pianta che, per le cultivar destinate all’industria conserviera seminate più fitte raggiungono altezze superiori a 150 cm, arrecano gravi difficoltà alla raccolta meccanica e per di più offrono un microclima favorevole per l’accrescimento e lo sviluppo di parassiti fungini.
I terreni più idonei sono quelli profondi, ricchi di argilla (ma ben drenato), di calcare, con densità di 1,20-1,35 g/cm e pH 7-8 (in terreni acidi le piante crescono meno vigorose, di colore verde pallido e forniscono basse produzioni). Il terreno uniforme favorisce la contemporaneità di maturazione necessaria per ir prodotto destinato all’industria; inoltre, se ben livellati e con assenza di pietre, offrono sicuri vantaggi per la raccolta meccanica.
Per quanto riguarda la salinità, la produzione viene ridotta del 50% quando viene raggiunto il livello di 1,05 S/m e perciò risulta più resistente del pisello, che subisce la stessa riduzione già a 0,4 S/m; la pianta viene uccisa quando si raggiunge il livello di 2,2 S/m. Le cultivar però mostrano una diversa tolleranza alla salinità, che si manifesta particolarmente con l’aumento del tempo di emergenza. In condizioni di bassa temperatura ed elevata umidità, la salinità è meno dannosa perché l’evapotraspirazione è minore e perciò si accumulano meno sali nella zona radicale. L’apporto di letame o pollina ed anche la pacciamatura con paglia migliorano la produzione nei terreni salini.
La germinazione dei semi fatta avvenire in acqua miscelata ad acqua di mare con diverse proporzioni ha messo in rilievo una buona germinabilità ed ottimo accrescimento delle piantine con 50 ml di acqua di mare/litro di acqua normale; maggiori concentrazioni risultano via via dannose.
È una classica pianta miglioratrice; mentre la fava da granella apre la rotazione, quella per il consumo fresco in molti casi succede a numerose altre specie orticole variabili da zona a zona e di anno in anno e a volte segue il frumento e qualche volta si consocia all’olivo, mandorlo, ciliegio e meno spesso alla vite.

Sowing
I semi che durante la fase di maturazione sono stati sottoposti ad elevate temperature spesso producono piantine di scarso vigore; inoltre i semi dovrebbero essere essiccati fino ad un contenuto di umidità intorno al 14%.
La germinazione, in generale scarsa subito dopo la raccolta aumenta nei mesi successivi. I semi duri risultano scarsi quando vengono raccolti a piena maturazione fisiologica.
La vernalizzazione dei semi (prima immersi nell’acqua e poi conservati per oltre un mese a 3-4 °C sembra causare la fioritura, allegagione e maturazioni più anticipate.
Al momento della germinazione i semi assorbono acqua in quantità diversa in relazione alle cultivar e nello stesso tempo mostrano una percentuale variabile di cotiledoni con piccole spaccature trasversali e perdono una diversa quantità di soluti. Tali soluti spesso costituiscono un buon substrato per l’accrescimento di microrganismi che riducono poi la germinazione. Dalla tabella 4.4, infatti, si può osservare che la cultivar che assorbe maggiore quantità di acqua perde più soluti cellulari e mostra la maggiore quantità di cotiledoni con spaccature trasversali e perciò la percentuale più bassa di germinazione.
I cotiledoni all’atto della germinazione rimangono sotto terra (germinazione ipogea).
La fava si avvantaggia dell’aratura profonda, mentre non è strettamente necessario l’eccessivo amminutamento del terreno.
La semina si effettua da ottobre a dicembre nell’Italia meridionale, mentre in quella settentrionale si semina normalmente in febbraio-marzo; nel Regno Unito si semina addirittura ad aprile-maggio. Lo spostamento dell’epoca di semina da ottobre a gennaio non è senza conseguenze sulla struttura della pianta, la data di raccolta, il numero delle raccolte, la produzione. Infatti, come si può osservare dalla tabella 4.5, che riporta i risultati di una ricerca eseguita per un triennio in una zona tipica del litorale barese per la coltura della fava fresca in irriguo, sono state rilevate numerose variazioni. In particolare, il ritardo di 30 giorni da una semina all’altra comporta un ritardo di soli 8 giorni della data della prima raccolta. Inoltre l’intervallo tra la prima e l’ultima raccolta si riduce con il ritardo della semina, così anche il numero di raccolte, il numero ed il peso dei baccelli/pianta, l’altezza della pianta, gli steli/pianta, il rapporto pianta/baccelli e la biomassa di una pianta. La produzione di seme fresco invece sembra più elevata con la semina di novembre e dicembre, mentre quella dei baccelli non ha un comportamento chiaro.
Durante le operazioni di preparazione del letto di semina e la semina si deve porre attenzione a non compattare il terreno perché si possono verificare riduzioni dell’emergenza, piante più basse e con minor numero di baccelli.
La semina viene effettuata alla profondità variabile da 5 a oltre 10 cm in relazione alla dimensione dei semi, e a righe distanti 70-100 cm, mentre sulla fila 10-40 cm. Le differenze sono dipendenti dalla cultivar, dalla piovosità, dalla profondità e tipo di terreno. Per l’industria conserviera le distanze si riducono a 50-70 cm tra le file e 10-20 cm sulla fila. In qualche caso si pratica la semina a postarelle distanti 30-40 cm con 2-3 semi/buchetta.
La quantità di seme necessario varia moltissimo in funzione del peso del seme, della densità adottata e del numero di semi/buchetta, nel caso delle semine più spaziate; in generale per la coltura destinata al consumo fresco occorrono 150-250 kg/ha di seme.
La densità di piante influenza notevolmente le caratteristiche morfologiche e fisiologiche delle stesse.
Durante le prime fasi dell’accrescimento il peso secco della pianta è legato linearmente alla densità. Man mano però che si procede nel tempo e si instaura la competizione tra le piante, sia per la luce che per gli elementi nutritivi, la velocità di accrescimento delle singole piante decresce e da lineare diventa asintotica.
Quando la densità è elevata rispetto al genotipo si assiste ad un aumento dell’abscissione dei fiori, specialmente di quelli in posizione mediana e distale di ciascuna infiorescenza; ciò è forse legato all’aumento dell’ombreggiamento fra le foglie, che contribuisce a limitare la quantità di assimilati, specie nelle foglie della parte basale della pianta. Inoltre con elevato numero di piante per unità di superficie la respirazione delle foglie basali durante la notte aumenta. Ad elevate densità purtroppo viene facilitato l’allettamento e si crea un microclima che favorisce lo sviluppo di molte malattie. Per rendere più chiari gli effetti della densità sulle caratteristiche morfoproduttive e su alcune cultivar con peso di 1.000 semi nettamente differenziato, si può osservare il dato dei valori medi di alcune ricerche effettuate in zone tipiche di produzione dell’Italia meridionale.
Con l’aumento della densità di piante la quantità di baccelli/pianta e di steli/pianta diminuiscono, mentre la produzione per unità di superficie, la biomassa, l’altezza della pianta e il nodo cui allega il primo baccello aumentano.
Le cultivar si comportano in maniera diversa; così ad esempio, mentre con la cv. “Trois fois blanche” il numero di steli diminuisce notevolmente passando da 6 a 24 piante/m2, per la “Locale di Bronte” e “Beryl” la riduzione è molto contenuta. La biomassa della pianta alla raccolta (esclusi i baccelli) nelle cv. “Locale di Bronte” e “Trois fois blanche” alla maggiore densità viene più che dimezzata, mentre nella cv. “Beryl” la riduzione è del 30% circa. In definitiva però è utile tenere presente che la produzione è legata al numero di baccelli per unità di superficie e non a quella per pianta. Inoltre la densità ottimale è funzione della destinazione della produzione e, per le densità elevate, deve tener presente del costo della maggiore quantità di seme.
L’orientamento delle file in ricerche eseguite nell’Italia meridionale ha mostrato interferire scarsamente sulle caratteristiche morfoproduttive delle piante quando è stata attuata la raccolta unica per l’industria conserviera. Con la raccolta scalare invece le piante con orientamento Nord-Sud hanno maturato i baccelli più precocemente.
Le cure successive alla semina nelle colture effettuate su piccole superfici prevedono un paio di sarchiature, e all’esecuzione dell’ultima di esse, si accoppia la rincalzatura. Tale pratica aiuta a difendere le piante dalle basse temperature, offre un valido ancoraggio contro eventuali venti forti, favorisce la comparsa di germogli laterali. Nei grandi appezzamenti tale schema si riduce ad una sola o a nessuna sarchiatura, non si esegue la rincalzatura e per la lotta alle infestanti si impiegano gli erbicidi.

Fertilization
Il contenuto dei principali elementi nutritivi in una pianta di fava rivela che N è quello maggiormente rappresentato, per cui fatto uguale a 100 l’N, gli altri elementi risultano pari a 74-67-8 e 7 rispettivamente per Ca-K-Mg e P. I singoli elementi sono presenti però in quantità diversa nelle parti della pianta. In particolare, l’N è molto abbondante nei semi (che, come è noto, sono molto ricchi di proteine) e nelle foglie, il K si trova soprattutto nei baccelli, Ca e Mg nelle foglie, mentre il P nei semi.
Pertanto, gli elementi maggiormente richiesti sono N, K e Ca. La fava è pianta azotofissatrice in virtù della presenza sul suo apparato radicale di noduli, in cui è attivo il batterio simbionte Rhizobium leguminosarum. Tale attività fissatrice può giungere all’accumulo di 45-500 kg/ha di N in dipendenza dell’efficienza del rizobio, della pianta e delle condizioni pedoclimatiche. Pertanto sembrerebbe non necessaria la somministrazione di concimi azotati. Invece alcune recenti ricerche mettono in luce, soprattutto quando la fava succede ad un cereale o in terreni poveri di N, l’importanza della somministrazione alla semina di modeste quantità di N (20-30 kg/ha).
Per il fosforo, importante per l’accrescimento dei tubercoli radicali e degli organi riproduttivi, la quantità da somministrare dipende dalla fertilità residua del terreno. In generale vengono distribuiti in pre-semina a spaglio 60-100 kg/ha di P205.
Il potassio è un elemento importante perché, oltre alle sue ben note funzioni, sembra favorire la formazione della cuticola sulle foglie, che è utile per ridurre i rischi di attacchi di muffa grigia in annate piovose e con piante fitte. Generalmente negli ambienti meridionali non viene somministrato per la naturale presenza nei terreni. Esperienze hanno dimostrato che un elevato contenuto di K nel terreno favorisce la formazione dei semi duri e riduce la quantità di Mg nelle foglie.
Sembra, infine, che la carenza di boro contribuisca a ridurre in modo sostanziale l’attività meristematica; invece la presenza di cobalto e molibdeno è necessaria per il metabolismo dei tubercoli radicali. La somministrazione di 20-40 t/ha di letame, qualora disponibile, risulta efficace.

Lotta alle malerbe
Le osservazioni floristiche hanno permesso di individuare oltre 50 specie infestanti nelle colture di fava. Le specie maggiormente presenti sono risultate: Papaver rhoeas L., Veronica hederifolia L., Fumaria officinalis L., Lamium amplexicaule L., Convolvulus arvensis L., Lolium temulentum L., Triticum spp., Stellaria media (L.) Vill., Sonchus oleraceus L., Vicia sativa L. In alcuni campi, specie in quelli in cui le file sono distanti 80-100 cm, il numero delle malerbe può superare le 300/m2, per cui si instaura una forte competizione con le piante di fava. Quando non si opera la sarchiatura al tempo opportuno, le perdite di prodotto possono superare il 75%.
L’operazione eseguita a mano risulta molto costosa; quando è praticata a macchina non elimina però le infestanti nate sulla fila. Per cui nelle colture di una certa ampiezza è sempre crescente l’interesse per il diserbo chimico. In proposito, buoni risultati sono stati ottenuti con l’impiego di pendimethalin, simazina, trifluralin e la miscela trifluralin + linuron. Interessanti in qualche ambiente si sono mostrati anche methabenzthiazuron e terbutryne. L’alachlor somministrato al mais non comporta danni sulla fava seminata in successione, anzi applicato alla fava si è rivelato molto selettivo; in qualche caso però ha ridotto il numero dei tubercoli/pianta di rizobi naturali, ma non di quelli inoculati artificialmente. A proposito della simazina, bisogna tener presente che alcune cultivar hanno mostrato una elevata sensibilità (es. Feligreen, Pax, Beryl). La presenza di graminacee può essere efficacemente controllata con l’impiego dei numerosi graminicidi oggi in commercio.

Irrigation
Benché la fava, soprattutto quando seminata in autunno-inverno, sia ritenuta una coltura da praticarsi in asciutto, mostra aumenti produttivi rimarchevoli nelle annate in cui si verificano piogge utili, specialmente in concomitanza del periodo di allegagione dei baccelli. Il regime idrico, infatti, gioca un ruolo importante nella regolazione dell’abscissione dei fiori, nel senso che frequenti piogge o adacquate aumentano la percentuale di quelli caduti e ritardano l’allegagione in quanto viene promosso un eccessivo accrescimento degli steli e foglie e di conseguenza aumenta l’ombreggiamento dei nodi più bassi. Inoltre, induce variazioni nella composizione degli essudati e perciò inibisce la germinazione del polline, o altera il bilancio competitivo tra l’apice vegetativo ed i tessuti produttivi, limitando il trasporto degli assimilati nei fiori appena impollinati.
Anche la carenza di acqua durante la formazione dei fiori e la fioritura contribuisce ad aumentare la loro abscissione. Questo effetto è più pronunciato se lo stress idrico si verifica per quei fiori che non hanno raggiunto la fase di antesi. In presenza di siccità o di terreno saturo di acqua si assiste ad una riduzione dei tubercoli radicali e perciò ad una minore quantità di N fissato; i rizobi della fava sembrano meno suscettibili delle altre Fabacee all’asfissia radicale. Inoltre, nelle situazioni idriche estreme aumenta la concentrazione di etilene nella pianta, dovuta probabilmente in parte alla diminuzione della diffusione e in parte all’aumento della sintesi. Le elevate concentrazioni sono correlate con la riduzione della velocità di accrescimento e con l’aumento dell’abscissione delle foglie, dei fiori e di piccoli baccelli.
In ogni caso la fava sembra più tollerante al terreno saturo di acqua che non alla siccità che, soprattutto se interviene nei primi stadi vegetativi, causa più danni che l’eccesso di acqua. La carenza idrica influenza qualcuna o tutte le componenti della produzione e quella che viene influenzata dipende dal momento in cui lo stress si verifica. Le foglie apicali tendono ad avere potenziale osmotico più basso di quelle basali, perciò si mantengono più turgide e in condizioni di stress idrico l’avvizzimento delle foglie comincia da quelle basali (in modo acropeto).
La dimensione dell’apparato radicale è molto importante per lo sfruttamento dell’acqua accumulata nel terreno. 1 risultati di ricerche mostrano che la grande maggioranza dell’acqua viene rimossa dai primi 30 cm di profondità. Man mano che la prima adacquata viene ritardata le piante utilizzano l’acqua da profondità sempre maggiori.
Le ricerche sull’irrigazione della fava condotte per un triennio presso il Centro di studio sull’orticoltura industriale di Bari hanno permesso di accertare che l’evapotraspirazione massima mensile è stata di 10-31-81-107-73 mm, per un totale di 302 mm, rispettivamente per i mesi da gennaio a maggio con la semina ad ottobre, e di 0-7-48-90-70 mm per un totale di 215 mm per la semina di dicembre. Valori più elevati sono stati rilevati in aprile (107 e 90 mm) in corrispondenza della fine fioritura, allegagione e ingrossamento dei baccelli.
La temperatura gioca, come è noto, un ruolo importante nel determinare FETM. In particolare nei tre anni sono state osservate temperature differenti che hanno influenzato anche il numero delle raccolte e la lunghezza del periodo di raccolta, che è risultata addirittura di soli 10 giorni con la temperatura più elevata.
La prima adacquata in media nei tre anni ha avuto luogo il 27/3-3/4-11/4 e 20/4 rispettivamente per il le semine eseguite da ottobre a gennaio.
Gli effetti dell’irrigazione sulla pianta mostrano che la produzione di baccelli e di seme fresco è aumentata rispettivamente di 10 e 2,5 t/ha con la somministrazione di 500 m3/ha nel periodo allegagione-ingrossamento dei baccelli; ulteriori apporti idrici non hanno migliorato la situazione. Con l’irrigazione inoltre è aumentata l’altezza della pianta, mentre è diminuita la resa in seme, il peso medio ed il grado tenderometrico dei semi. Recenti ricerche eseguite in Egitto in clima caldo-arido hanno valutato l’evapotraspirazione giornaliera e i coefficienti colturali per la fava. I relativi valori risultano più elevati nel periodo di ingrossamento dei baccelli e di maturazione dei semi per l’evapotraspirazione e nella fioritura e ingrossamento dei baccelli per il Kc.
In definitiva, le numerose ricerche eseguite anche all’estero, pur con alcune differenze tra le cultivar saggiate, concordano nell’affermare che la maggiore richiesta di acqua si verifica dall’inizio dell’allegagione all’ingrossamento dei baccelli, periodo in cui la pianta raggiunge un LAI pari a 5-6 e che gli interventi irrigui contribuiscono ad aumentare la produzione quando il contenuto di acqua nel terreno scende al di sotto del 70-80% della capacità di campo.
Per i metodi irrigui, quello a pioggia e per infiltrazione da solchi risultano ambedue validi.

Interventi alla pianta: cimatura e fitoregolatori
La cimatura consiste nella eliminazione dell’apice della pianta, in genere gli ultimi 5-10 cm. È una pratica molto antica e gli orticoltori le attribuiscono i seguenti vantaggi:
Le ricerche in proposito hanno messo in luce, in alcuni casi, che la cimatura ha contribuito inoltre ad aumentare lo spessore delle foglie, che sono risultate di colore verde più intenso, con maggiore proteina ed acidi nucleici, di contro è diminuita la quantità di carboidrati nei semi.
Per comprendere meglio il ruolo e gli effetti della cimatura sembra utile tratteggiare ciò che avviene nella pianta nel corso della fioritura dell’allegagione. Durante la fioritura il peso della pianta si triplica, questo forte aumento non è dovuto solo alla crescita in altezza, ma anche all’aumento dello spessore del fusto. Questa attiva crescita avviene a spese della parte riproduttiva; infatti fino alla fine della fioritura i legumi allegati ricevono appena il 5-6% degli assimilati.
In condizioni normali il primo fiore formato sull’infiorescenza è quello che allega con maggiore frequenza poiché assorbe la gran parte degli assimilati. Entra in competizione per gli assimilati con le radici, l’apice della pianta e gli altri baccelli eventualmente presenti. Difficilmente gli altri fiori allegano e perciò sono destinati a cadere.
Il meccanismo di abscissione dei fiori o dei baccelli appena formati è stato studiato e sembra che la cimatura contribuisca a ridurre il livello di competizione all’interno dell’infiorescenza e perciò la caduta dei baccelli appena formati. A volte si assiste all’abscissione di oltre il 90% dei fiori formati, in dipendenza della cultivar, delle condizioni agrometeorologiche e della tecnica colturale adottata. L’apice della pianta e le foglie poste al di sotto funzionano da polo di attrazione per gli assimilati durante la fioritura, ne assorbono circa il 30% e solo verso la fine di questa sono gli steli ed i baccelli appena formati a diventare serbatoio di accumulo delle sostanze elaborate. La competizione fra apice e frutti è responsabile della abscissione dei baccelli perché la differenziazione vascolare dei peduncoli di quelli appena formati non avviene e perciò, non nutriti, cadono.
Di recente è stata avanzata l’ipotesi che il fiore basale di una infiorescenza abbia un separato sistema vascolare, mentre i fiori apicali siano legati da un sistema vascolare che si ramifica dicotomicamente.
L’abscissione dei fiori apicali del racemo perciò sembra legata al modello acropeto dell’antesi dei fiori; infatti il fiore basale impollinato, probabilmente induce l’abscissione di quelli situati più in alto.
Le numerose ricerche eseguite in Italia meridionale sulla cimatura manuale hanno permesso di osservare una più efficace migrazione degli elaborati verso i baccelli in accrescimento e perciò un più rapido ingrossamento dei semi, tanto che alla prima raccolta si nota una più elevata resa in seme.
L’epoca più opportuna sembra in corrispondenza della avvenuta allegagione dei primi baccelli dei nodi basali. Infatti, solo in questa situazione è stata osservata la precocità di maturazione dei baccelli. La cimatura anticipata ha comportato la riduzione dell’altezza delle piante, l’emissione di numerosi steli di accestimento, la cascola dei fiori e frutticini, produzione tardiva e di scarsa qualità. Quella eseguita alcuni giorni dopo l’allegagione dei baccelli non ha mostrato nessuna efficacia, anzi spesso è stata osservata la riduzione della produzione.
Sempre nel corso delle stesse ricerche sono state osservate però notevoli differenze di risposta alla cimatura; per alcune cultivar la produzione dei baccelli freschi è diminuita (es. “Locale di Bronte”), per altre non ha subito variazioni (es. “Tuinbonen”, “Beryl”, “Locale di Bari”, “Supersimonia”, “Locale di Putignano”), per altre, infine, la produzione è aumentata significativamente di 5-8 t/ha, come nel caso delle cv. “Korunde”, “Gemini”, “Super Aguadulce”, “Ameliorèe” e “Violetta di Policoro”.
Anche ricerche eseguite in serra in Sicilia non hanno mostrato sostanziali benefici dalla cimatura. In definitiva la cimatura, anche quando è stata attuata su piante sane e rigogliose, non ha mostrato significativi benefici. Pertanto, in considerazione dell’elevato costo della manodopera, viene attuata solo in piccoli appezzamenti.
Per le colture destinate all’industria, dove alcune cultivar raggiungono l’altezza di oltre 160 cm, ostacolando perciò notevolmente le operazioni di raccolta meccanica, la cimatura potrebbe essere utile per l’abbassamento della taglia.
Però, con le densità elevate che si attuano in tali colture diventa impossibile in pratica eseguire la cimatura (anche se i costi lo permettessero) perché lo spazio tra le file viene occupato quasi totalmente dalla vegetazione. In proposito è stata sperimentata la cimatura con prodotti chimici, ed il butralin sembra idoneo a ridurre la taglia senza interferire sulla produzione.
Trattamenti con chlormequat applicati al terreno hanno permesso di ridurre notevolmente la caduta dei fiori e dei piccoli baccelli; le piante trattate contenevano livelli molto più elevati di citochinine.
In prove condotte in provincia di Bari, il chlormequat, applicato per via fogliare ai primi stadi vegetativi, ha permesso incrementi produttivi.
Anche trattamenti con acido gibberellico e con ritardante di crescita (1,1dimethy piperidinium chloride) hanno mostrato di far aumentare la produzione.
La daminozide consente di ridurre notevolmente l’altezza delle piante.

Harvesting
Per il prodotto destinato al mercato fresco la raccolta avviene manualmente man mano che i baccelli maturano. La raccolta in campo assume una buona consistenza già agli inizi di marzo in Sicilia e prosegue in Calabria, Basilicata e Puglia, dove sul litorale barese si comincia a raccogliere a fine marzo. I prezzi sul Mercato ortofrutticolo di Bari, fatto uguale a 100 quello del 1° aprile, nei giorni successivi, come media di un quinquennio, risultano i seguenti:


Table 1 – Prices of broad bean pods on the fruit and vegetable market in Bari (Apulia).
Days 5 10 15 20 25 30
April 75 65 57 43 33 24
May 20 19 16 15 15 15


Già nei primi dieci giorni di aprile il prezzo si riduce del 35% e a fine aprile del 75%; risulta perciò evidente il vantaggio della precocità.
Dopo le prime due raccolte la qualità dei baccelli peggiora sempre più (diventano più curvi, più corti, aumenta la quantità di amido nei semi, ecc.) e questo si verifica soprattutto in corrispondenza con temperature elevate, che condizionano perciò il numero delle raccolte.
In proposito, sono state osservate correlazioni positive tra temperatura media e grado tenderometrico, e sostanza secca dei semi, mentre negative con il numero delle raccolte, l’intervallo in giorni tra la prima e l’ultima raccolta, i solidi solubili, la percentuale dei semi grossi con diametro compreso tra 15 e 20 mm.
L’andamento della produzione cumulata è una curva di tipo sigmoidale.
Per le fave da destinare all’industria nel Nord Europa, la raccolta è meccanica a cantieri separati ed avviene in un unico passaggio e perciò diventa importante stabilire il momento più opportuno per contemperare le esigenze dei produttori e degli industriali che esigono prodotti con determinati standard qualitativi. Sono state condotte ricerche per valutare, insieme ad altri parametri, il contenuto di alcuni oligosaccaridi (verbascosio, stachiosio, raffinosio) ritenuti responsabili del fenomeno della flatulenza (produzione di gas: es. H2, CH4, CO2 nell’ultimo tratto dell’intestino, per mezzo di batteri, come ad es. il Clostridium perfringens) che allontana molti consumatori dall’uso dei legumi secchi nella dieta. Le ricerche hanno mostrato che nei semi compaiono gli oligosaccaridi solo quando non sono più idonei alla surgelazione.
L’industria ritira il prodotto fino ad un grado tenderometrico massimo di 130 per la surgelazione e di 160 per l’appertizzazione.
Nella stessa tabella è possibile osservare l’andamento degli zuccheri riduttori e del saccarosio, che diminuiscono man mano che procede la maturazione e quello del peso medio dei semi, della sostanza secca, del grado tenderometrico dei semi, che invece aumentano di pari passo con il ritardo della raccolta.
La quantità di baccelli che si può ottenere, come si è visto, varia in relazione all’epoca di semina, alle condizioni pedoclimatiche, alla cultivar, all’attacco di parassiti animali e vegetali e soprattutto con l’infestazione di orobanche.
Con la raccolta scalare in asciutto si ottengono circa 6-12 t/ha di baccelli; in irriguo si possono superare le 30 t/ha.
Per l’industria conserviera, con le densità opportune, spesso si possono superare le 5 t/ha di seme fresco.

Conservazione, caratteristiche qualitative e utilizzazione
Dopo la raccolta i baccelli mostrano un moderato tasso respiratorio, circa 70 kcal/d, che risulta molto più basso di quello del pisello. Quando non devono essere consumati subito vanno conservati in cella frigorifera (per non più di quindici giorni) a 7-9 °C e con umidità relativa del 90-95%.
La resa in seme delle cultivar destinate al mercato fresco varia dal 25 al 30%, a seconda del grado di maturazione del seme; per quelle destinate all’industria conserviera può superare anche il 40%.
Cento grammi di seme sviluppano 65-70 kcal, il quantitativo di acqua varia dal 78 all’83%. Il contenuto di proteine, fibra, vitamine B1, B3 (niacina) e B12, di fosforo, magnesio e ferro è fra i più elevati tra gli ortaggi; medio è invece il contenuto di vitamina C e di potassio, mentre è basso quello di sodio e calcio. Tra gli amminoacidi l’acido aspartico, glutamminico e l’alanina sono quelli più rappresentati. Degli zuccheri quello maggiormente presente è, come si è visto, il saccarosio, seguito da fruttosio, glucosio e maltosio.
Per la surgelazione i semi vengono scottati in acqua a 98 °C per 90 secondi. È importante non avviare alla surgelazione semi molto teneri perché essi presentano un’elevata percentuale con tegumento rotto e perciò considerati di scarto.
I pigmenti dei tegumenti seminali durante il processo di lavorazione subiscono trasformazioni e si formano polifenoli che provocano nel prodotto finito colorazioni rosa o brune indesiderate. Inoltre, la salamoia che accompagna i semi inscatolati spesso diviene torbida. Tale fenomeno non si verifica con i semi provenienti da cultivar a fiore bianco, che perciò sono preferite per la preparazione di prodotti inscatolati.
I semi provenienti da cultivar a fiore colorato sembrano, in generale, più saporiti. Alcune ricerche hanno messo in luce l’esistenza di cultivar idonee alla surgelazione, quali la “Gemini” di origine italiana, e molte di provenienza straniera a semi relativamente piccoli ed anche grossi, come la “Reina Blanca” e tutte quelle derivate dalla cv.”Aguadulce”.
I semi vengono inoltre commercializzati al naturale ed appertizzati ed inoltre sott’olio da soli o in miscuglio con i carciofi.
I baccelli, oltre che fornire i semi utilizzati cotti o crudi, rappresentano materiale edule quando sono ancora piccoli e con semi non ancora formati per preparare alcuni piatti tipici locali (es. fave a savuzu, in Calabria).

Tecniche ed obiettivi del miglioramento genetico e cultivar
La fava non si incrocia con altre specie di Vicia; tale impossibilità limita la variabilità disponibile per il miglioramento genetico. Si spera che l’incompatibilità interspecifica possa essere superata con le moderne tecniche quali, ad esempio, la fusione dei protoplasti.
Tra i mezzi per costituire nuove cultivar vi è la selezione.
Il lavoro dei miglioratoci è facilitato dalla grande massa di lavori scientifici che hanno messo in luce le correlazioni esistenti fra i diversi caratteri. Così, per esempio, siccome la produzione di seme per pianta risulta positivamente correlata con il numero di semi per baccello, il peso dei 1.000 semi, l’altezza delle piante e il numero di steli e di baccelli/pianta, la selezione si può iniziare con la scelta di genotipi che già presentano semi più grossi, eliminando subito quelle piante che mostrano scarso numero di steli, taglia troppo bassa, pochi baccelli e pochi semi/baccello.
Quando si mira ad ottenere linee con un elevato numero di semi per baccello (caratteristica essenziale per le colture da destinare all’industria è necessario scegliere genotipi che presentino un basso numero sia di baccelli/pianta che di steli/pianta.
Se si vogliono ottenere linee con semi grossi è interessante utilizzare genotipi che presentano scarso numero di baccelli/pianta e di steli/pianta.
Per costituire cultivar precoci in ambienti ben caratterizzati è necessario intervenire con la selezione di linee autofertili. Per ottenere cultivar con produzione elevata, che si adattano ad areali diversificati, si può sfruttare l’eterosi attraverso la costituzione di ibridi (in proposito alcuni sono stati ottenuti sia attraverso la maschiosterilità citoplasmatica che genetica).
Sotto questo profilo tra i caratteri che mostrano eterosi vi è il numero di fiori, nodo, numero di semi/baccello, l’altezza della pianta, la lunghezza del rachide dell’infiorescenza, il numero di foglie/pianta.
Infine, si può contare sulla costituzione di cultivar sintetiche basate su linee con attitudine combinatoria e di autofertilità molto elevate.
Le ricerche hanno messo in luce la dominanza di alcuni caratteri; così, ad esempio, il colore violetto del tegumento seminale (allo stato secco) su quello verde grigio, lo stelo colorato su quello verde, i baccelli lucidi su quelli opachi, i baccelli normali su quelli strozzati. Per i seguenti caratteri i valori più alti sono dominanti su quelli più bassi: numero di ovuli/ovario, peso di 1.000 semi, numero di foglioline/foglia, lunghezza delle foglioline.
Per le cultivar da destinare all’industria, le caratteristiche richieste possono essere così riassunte:
  1. piante ad accrescimento determinato, con molti fiori normali o bianchi, fertili, disposti su pochi nodi ravvicinati e localizzati nella parte medio-apicale del fusto, in modo da ottenere la maturazione contemporanea e favorire, quindi, la meccanizzazione della raccolta;
  2. piante ad elevato numero di baccelli/pianta e baccelli che mantengono la posizione verticale o al massimo perpendicolare allo stelo, in possesso di elevata densità di semi, e allegano ad una sufficiente altezza del terreno per facilitare la raccolta meccanica;
  3. semi di dimensioni uniformi, che maturano lentamente, con tegumento seminale sottile e tenero, di colore chiaro, compreso l’ilo; con elevato contenuto di zuccheri, proteine, acido ascorbico e scarso di fibra.
Anche per l’industria conserviera, in particolari casi, la precocità assume notevole importanza in quanto risulta utile iniziare in anticipo la campagna di trasformazione, che risulta anche di maggiore durata. Tale precocità di raccolta permette all’agricoltore di poter avere maggior tempo a disposizione per la raccolta del prodotto con elevate caratteristiche qualitative.
L’ideotipo della fava fresca per le aree meridionali d’Italia e per il Bacino del Mediterraneo dovrebbe presentare le seguenti caratteristiche:
  1. accrescimento rapido durante l’inverno;
  2. tolleranza alle basse temperature nei primi stadi dell’accrescimento e capacità di ripresa dopo leggere gelate;
  3. capacità di formare le strutture riproduttive alla fine dell’inverno sui nodi basali in modo da concludere il ciclo di sviluppo prima dell’inizio dei periodi di siccità e di temperature elevate;
  4. possedere un numero di 3-5 steli/pianta con un LAI di circa 5,5;
  5. capacità di formare un sistema radicale profondo ed espanso durante l’inverno in maniera da assorbire acqua dagli strati profondi del terreno;
  6. possedere elevata autofertilità;
  7. essere resistente alle più comuni malattie e insetti e particolarmente all’oro-banche;
  8. possedere baccelli molto lunghi e semi accetti dal mercato;
  9. possedere semi che, raggiunta la dimensione ottimale, abbiano la caratteristica di trasformare lentamente gli zuccheri in amido e che non induriscano, anche se esposti a temperature abbastanza elevate.
Gli obiettivi che occorre perseguire, oltre quelli elencati, sono rappresentati da:
  1. Resistenza alla siccità: potrà essere perseguita attraverso la costituzione di cultivar:
    1. precoci che si adattino alla semina autunnale;
    2. che possiedano l’apparato radicale che si approfondisca anche oltre 90 cm;
    3. capaci, attraverso un migliore aggiustamento osmotico, di assorbire più acqua dal terreno prima dell’avvizzimento;
    4. che mostrino una più rapida ripresa dopo un periodo di siccità; ciò può essere conseguito con stomi che si chiudano completamente o con foglie che avvizziscano subito e perdano perciò meno acqua;
  2. Resistenza all’allettamento: tale caratteristica permette di seminare a densità più elevata con cui generalmente si conseguono anche più elevate produzioni;
  3. Miglioramento della quantità o l’efficienza dei rizobi;
  4. Resistenza alla salinità;
  5. Resistenza al freddo;
  6. Stabilità produttiva: può essere ottenuta utilizzando genotipi autofertili, ad accrescimento determinato;
  7. Rapidità di accrescimento, al fine di estrinsecare un effetto soppressivo nei confronti delle infestanti;
  8. Maggiore efficienza fotosintetica ed equilibrato trasporto degli assimilati;
  9. Resistenza ai parassiti: si è a conoscenza di genotipi resistenti.
Per l’orobanche, ad esempio, viene citata qualche linea con parziale resistenza che sembra associata al lento accrescimento dell’apparato radicale che si presenta molto compatto. Sono state trovate alcune linee a cultivar resistenti all’Ascochyta fabae, Botrytis fabae, Fusarium spp., Rhizoctonia solani, Uromyces fabae e al virus del mosaico con enazioni del pisello. E stato riportato inoltre che una popolazione locale del Marocco mostra soddisfacente resistenza al nematode Ditylenchus dispaci e resistenza parziale all’Aphis craccivora e Aphis faba.
Per quanto riguarda le cultivar oggi in commercio, nel Catalogo comune delle varietà delle specie di ortaggi della Comunità Europea, aggiornato al 30-12-1986, vengono riportate 114 cultivar di fava, di cui oltre il 40% sono sinonimi. L’Olanda, pur essendo un Paese in cui la fava si coltiva su pochi ettari, ha il maggior numero di cultivar iscritte (circa il 50%, escludendo i sinonimi), mentre l’Italia e la Spagna che vantano le maggiori superfici coltivate in Europa ne hanno circa l’8% ciascuno. Ciò è dovuto al fatto che in Italia il miglioramento genetico di questa fabacea è stato preso in considerazione solo da pochi anni. I nostri agricoltori utilizzano popolazioni locali ben adatte alle diverse aree geografiche, magari anche ristrette, ma che offrono buone garanzie produttive e di precocità e di remuneratività sui mercati locali. In proposito, analizzando le statistiche dei semi di fava fresca venduti dalle ditte cementiere negli ultimi cinque anni, si osserva che in Italia, in media, sono stati venduti appena 758 t/anno, capaci di coprire un fabbisogno di appena il 30% della superficie coltivata; per il resto, come è stato detto, viene impiegato seme di popolazioni locali.
Più drammatica appare la situazione nel Sud e nelle Isole, dove la superficie coltivabile con il seme venduto risulta del 3-5-8-12 e 18%, rispettivamente per Sicilia, Calabria, Sardegna, Puglia e Campania. Nel Lazio e nelle Marche invece si potrebbe soddisfare il 59% dell’intera superficie. Meno chiara risulta la situazione in Toscana, dove il quantitativo ufficialmente comunicato è superiore alla superficie attualmente coltivata.
La maggioranza delle cultivar di fava per il mercato fresco a baccelli lunghi e penduli sembra aver avuto origine dalla selezione massaie della “Aguadulce”, che sembra prendere il nome da una zona vicino a Siviglia. Da essa provengono la “Lunga delle Cascine”, selezionata da oltre 30 anni, e la “Sciabola verde”. La cv. “Astabella” invece è stata ottenuta per incrocio di “Sciabola verde” x “Superaguadulce”. Altre cultivar commerciate in Italia, sempre per il consumo fresco, a baccelli lunghi con 6-8 semi (a volte anche 10), sono “Paceco”, “Aprilia”, “Supersimonia”, “Superaguadulce”, “Fava romanesca’, “Quarantina”, “Mutchamiel”, “Violetta precoce”, “Histal”, “Reina Bianca” e “Reina Mora”, “Gigante di Ingegnoli”, “Tezieriviera”, ecc. Tra le popolazioni impiegate dagli agricoltori meridionali si citano: “Baggiana”, “S. Pantaleo”, “S. Leo Pellaro”, “Corniola”, “Locale di Caltagirone”, “Locale di Riesi”, “Locale di Bronte”, di “Locale Campobello di Licata”, “Locale Marsalese”, “Locale di Bari”, “Locale di Moduino”, ecc. Per la destinazione industriale, oltre alla “Gemini”, costituita dall’Istituto di Agronomia di Palermo, interessante per gli ambienti meridionali, esistono in commercio numerose cultivar estere, sia a fiore bianco (es. “Beryl”, “Feligreen”, “Metissa”, “Optica”, “Eureka”, “Bianka”) che colorato (“Felix”, `IPRO”, “Minica”), che però non sembrano adattarsi alle condizioni ambientali dell’Italia meridionale.

Coltura da seme
Per la produzione del seme da destinare alla semina non vi sono grosse differenze con la coltura normale da granella, tranne che per la maggiore spaziatura delle piante, distanze di isolamento di 100-200 metri, l’epurazione dei tipi non conformi alla cultivar in riproduzione, la maggior attenzione alla concimazione fosfatica, al controllo delle infestanti, alle fitopatie e agli afidi. La raccolta avviene in giugno-luglio; è necessario porre particolare attenzione alla trebbiatura poiché si possono verificare lesioni che si ripercuotono negativamente sulla germinazione. In media si possono ottenere in asciutto 2-3 t/ha di seme.

Avversità
L’orobanche (Orobanche crenata Forsk.) rappresenta una delle più temibili cause avverse: ha determinato i maggiori danni a questa coltura, con conseguenti drastiche riduzioni delle superfici coltivate a fava da granella.
È una fanerogama parassita, molto prolifica di semi (fino a 450.000/pianta) che sono piccolissimi (circa 11.000/g) e conservano la germinabilità nel terreno per molti anni (anche fino a 20). Tali semi germinano in presenza di essudati emessi dalle radici di fava.
Molti studiosi e tecnici hanno suggerito, già da oltre due secoli, metodi di lotta di cui il più importante consiste nell’estirpare i turioni del parassita man mano che emergono dal terreno. Altri successivamente, hanno indicato la semina molto profonda, anticipata o ritardata, l’irrigazione e l’impiego di cultivar a seme scuro. I risultati ottenuti mettendo in pratica tali suggerimenti sono stati insoddisfacenti. Più efficace è apparsa la fumigazione del terreno e l’uso di diserbanti a base di propyzamide. Molto valido ed economico è risultato il trattamento con dosi bassissime (50-80 g/ha) di glyphosate eseguito quando le piante di fava mostrano aperto il primo fiore del nodo basale e sulle radici i tubercoli radicali sono ben visibili ad occhio nudo. In Puglia, con la semina eseguita a metà novembre, questa fase si verifica nella prima decade di marzo.
La produzione di baccelli rispetto alle piante non trattate risulta spesso triplicata.
In alcune zone della provincia di Bari i turioni dell’orobanche appena fuoriusciti dal terreno vengono raccolti, puliti, lessati e consumati con aceto, olio, sale e menta, oppure fritti. Una fitopatia di natura non parassitaria è rappresentati dalla clorosi. Si manifesta con l’arresto della crescita dell’apice vegetativo, con foglie che si accartocciano e diventano cuoiose e clorotiche. Tale sintomatologia sembra associata a carenza di boro. Infatti, ricerche di campo hanno accertato che la distribuzione di borace al terreno (10-20 kg/ha) o irrorazioni fogliari con B (5-8 kg/ha) hanno ovviato a tale inconveniente. Si è inoltre osservato che la consociazione veccia-fava sortisce gli stessi favorevoli effetti, verosimilmente dovuti al fatto che la veccia evita l’essiccamento dello strato superficiale del terreno nell’interfila della fava, evitando la perdita di boro negli strati profondi.
Tra i parassiti fungini molto comune risulta la ruggine, dovuta a Uromyces Vicie-fabae (Pers.) Schl., la maculatura arancione (chocolate spot), dovuta forse a Botrytis fabae Sardina. Danni minori sono dovuti alla cercosporiosi (Cercospora zonata Wint.), all’Ascochyta fabae Speg., alla peronospora provocata da Peronospora viciae (Berk.) Gaiim.
Non mancano segnalazioni di danni provocati da funghi del terreno, quali Fusarium ssp., Rhizoctonia solani Kúhn, Sclerotinia spp.
I virus segnalati in Italia sulla fava comprendono:
  1. mosaico del cetriolo (CMV), che provoca l’arrossamento e la lacianatura fogliare;
  2. virus dell’avvizzimento (BBWV), che conduce alla maculatura clorotica delle foglie;
  3. mosaico giallo del fagiolo (BYMV), che induce il mosaico grave;
  4. l’imbrunimento (BBSV), che provoca mosaico con imbrunimento dei semi;
  5. il comovirus BBTMV, che provoca il mosaico vero;
  6. il virus del mosaico con enazioni del pisello (PEMV), che si manifesta con il mosaico traslucido;
  7. virus delle bande gialle della fava (BBYBV), che induce un mosaico a bande gialle delle foglie.
Tra gli insetti più dannosi si cita il tonchio (Bruchus rufimanus Bohema); danni sono provocati anche da Sitona lineatus L., Nezara viridula L., Apion pisi Fabricius, Phylaeneus spumarius L., Sminthurus viridis L., Thrips tabaci L., Agrostis spp.
Ingenti sono anche i danni provocati dagli afidi che, oltre a quelli diretti, trasmettono virus come, ad esempio, il BBWV. Tra quelli di colore nero si ricorda Aphis fabae Scopoli e Aphis craccivora Koch, mentre tra i verdi Acyrthosiphon pisum Harris, Myzus persicae Sulz. e Aphis gossypii Glover. Tra i nematodi viene citato il Ditylenchus dispaci (Kúh) Filipjev, Globodera goettingiana Liebscher, Meloidogyne spp. e Pratylenchus ssp.

Top

Return to Introduction

Return to Home page


This page has been visited times

© Fiume Francesco 2005